Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Telco

Modem libero: gli adeguamenti di TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali

Il primo dicembre gli operatori TLC hanno iniziato a recepire la delibera 348/18/CONS sul “modem libero”. TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali si sono adeguati in modalità diverse, ma probabilmente ci vorrà ancora un po’ di tempo per una transizione completa poiché l’AGCOM ha concesso una proroga fino a gennaio 2019. I primi passi compiuti sono comunque nella direzione giusta, anche se gli operatori tendenzialmente esplicitano questa libertà nei dettagli di assistenza al cliente o in note.

TIM

Le offerte TIM alla voce “Modem TIM” – a fondo pagina web – ricordano che il dispositivo viene fornito in comodato d’uso gratuito “salvo per i già clienti TIM che dovessero già possedere un modem TIM nella loro consistenza compatibile con il profilo tecnologico dell’offerta richiesta”.

“È possibile utilizzare un modem diverso da quello fornito da TIM purché abbia caratteristiche tecniche adeguate alla corretta fruizione dei servizi inclusi nell’offerta; maggiori dettagli sul sito tim.it. In tal caso il cliente dovrà provvedere in autonomia alla configurazione del modem sia per la connessione internet che per l’abilitazione della componente fonia (effettuare e ricevere chiamate)”, si legge nella nota.

E in effetti in una pagina specifica di assistenza vi sono tutti i dettagli di configurazione (tranne voce) sia per ADSL, che per FTTC che FTTH (comunque bisogna impiegare l’ONT di TIM).

Vodafone

Vodafone ha deciso di approfittare di tutto il tempo a disposizione poiché come conferma nella sua nota sul sito ufficialesta provvedendo ad adeguare la propria infrastruttura di rete al fine di consentire l’accesso ad Internet con modem scelti dal cliente e compatibili con la rete di Vodafone”.

“Non appena completate le attività Vodafone provvederà a darne adeguata informativa in tale sezione e comunque ad inizio 2019. Qualora il cliente volesse migrare verso altro operatore, Vodafone non ti addebiterà alcun costo in caso di mancata restituzione della Vodafone Station”, conclude il documento.

Wind Tre (e Tre Italia)

Wind Tre per il momento ha solo introdotto l’offerta Absolute (anche per Tre Italia) che non prevede il modem in abbinamento ed è attivabile solo su ADSL e FTTC. In questo caso sono forniti tutti i dati di configurazione.

Fastweb

Fastweb ha attivato una pagina dedicata ai modem alternativi, ma dal sito ufficiale è di difficile individuazione. In questa si legge che “fornisce le indicazioni tecniche necessarie per una corretta configurazione della connessione ad Internet su rete Adsl, Vdsl e Fibra Fastweb, per tutti i clienti che decidano di utilizzare un apparato certificato diverso da quello fornito da Fastweb ed incluso nell’offerta, e quindi alternativo al FASTGate”.

Un dettaglio importante è che Fastweb non fornisce i parametri per attivare i servizi di fonia all’utente, ma chiede ai produttori di modem e router di farne richiesta tramite un indirizzo mail che sarà disponibile in futuro.

Tiscali

Tiscali storicamente è sempre stato uno dei pochi operatori a concedere grandi libertà sui modem, fornendo i parametri di configurazione (anche voce) e un elenco di prodotti “certificati” alternativi alla sua offerta, fra cui i FritzBox! 7590, 7530 e 7490. Al momento però non mostra offerte senza modem.