Tom's Hardware Italia
e-Gov

Nuove azioni legali della RIAA contro gli ute

Come era accaduto con la precedente tornata di denunce all’inizio di gennaio, la nuova onda investe i singoli utenti . In conformità alla legislazione approvata lo scorso anno, la RIAA deve depositare le denunce prima di contattare i fornitori di accesso (ISP) per richiedere informazioni che individuino i singoli utenti relativi a un determinato account […]

Come era accaduto con la precedente tornata di denunce all’inizio di gennaio, la nuova onda investe i singoli utenti . In conformità alla legislazione approvata lo scorso anno, la RIAA deve depositare le denunce prima di contattare i fornitori di accesso (ISP) per richiedere informazioni che individuino i singoli utenti relativi a un determinato account ISP.

La legge non ha fermato la macchina legale dell’associazione che ha raccolto comunque una serie di prove di violazione di copyright. Con un totale che ormai ammonta a a 1500 individui , l’associazione afferma che le sue azioni legali devono per forza continuare per proteggere la crescita di servizi quali Apple iTunes e altri negozi di musica online autorizzati.

“I servizi di musica online legali… non devono avere come concorrenti altri servizi basati sul download illegale”, ha affermato Cary Sherman, presidente della RIAA. “Ecco perché vogliamo inviare un chiaro messaggio: scaricare e condividere musica in una rete peer-to-peer senza autorizzazione è illegale , può comportare conseguenze e minaccia la futura creatività della musica”.

L’associazione delle etichette discografiche ha accelerato il passo delle sue azioni legali in modo consistente, depositando più di 1.000 denunce dall’inizio del 2004, rispetto a meno della metà di tale ammontare negli ultimi quattro mesi del 2003. L’accelerazione è data dalla diminuzione dell’effetto dissuasivo delle sue minacce legali, inizialmente invece molto sentite. Dallo scorso novembre, infatti, un rapporto di NPD Group, società che monitora il traffico in Internet, ha affermato che lo scambio di musica in reti come Kazaa era di nuovo iniziato a risalire, dopo una drastica caduta a circa metà del 2003.

Ma il nuovo rapporto di NPD , pubblicato pochi giorni fa, afferma a dicembre 2003, lo scambio di musica era di nuovo sceso. Secondo l’indagine del gruppo, la diminuzione di canzoni scambiate a dicembre dagli statunitensi ammonta al 21% rispetto a novembre 2003. Il gruppo ha inoltre affermato che anche gli utenti dediti a tale pratica sono diminuiti del 2%.

NPD ancora non ha a disposizione i dati relativi a gennaio e febbraio 2004.

La nuova ondata di denunce è caratterizzata da una nuova procedura. Come nella precedente, la RIAA ha raccolto una serie di dati e prove contro utenti anonimi il cui indirizzo Internet li associa a un unico ISP, e quindi ha depositato una singola denuncia cumulativa.

La scorsa volta si è trattato quindi di quattro denunce contro 532 anonimi, il cui nome era ancora da individuare. Questa volta, invece, ci sono cinque denunce contro un totale di 531 anonimi, depositate presso i tribunali di Philadelphia e Trenton. La RIAA non ha voluto rivelare quale fosse l’ISP coinvolto.

Secondo il gruppo, tre delle quattro denunce depositate a gennaio sono state approvate dalle corti di competenza e hanno già innescato la fase di individuzione delle identità degli utenti. Due di questi individui, avvertiti dall’ISP prima di essere ufficialmente identificati in tribunale, hanno già accettato di forfettare la questione.

In precedenza, la RIAA aveva affermato che il procedimento di accordo (forfait) ammontava in media a una sanzione di 3.000 dollari ma i nuovi colpevoli andranno incontro a sanzioni più elevate, dato l’aumento del costo di procedura derivato dal nuovo modello di denuncia.

Ormai sono 381 gli individui che hanno concordato una sanzione con il gruppo, dai precedenti 233 forfettati a metà gennaio.

Il modello RIAA si sta diffondendo anche oltre confine . La Canadian Recording Industry Association la scorsa settimana ha dichiarato di aver iniziato le procedure per identificare 29 utenti dediti allo scambio di file illegale e ora è in attesa dei giudizi del tribunale.