e-Gov

Tribunale unico europeo per i brevetti: manca poco

La Commissione UE sta preparando il terreno per la creazione del "tribunale unificato dei brevetti". Se ne parla da tempo, ma lunedì a Bruxelles è stata formulata la proposta per il completamento del quadro giuridico per la protezione dei brevetti a livello europeo. Ovviamente, come vuole la prassi, prima di diventare legge, la proposta dovrà essere approvata dagli Stati membri e dal Parlamento europeo.

L'idea è quella di modificare il cosiddetto "regolamento Bruxelles I" per consentire a società e agli inventori di tutelare più facilmente i loro brevetti. "Il tribunale avrà una competenza specializzata nelle controversie in materia di brevetti ed eviterà il moltiplicarsi dei contenziosi in 28 diversi tribunali nazionali", sottolinea la nota ufficiale. "Il nuovo sistema consentirà di tagliare i costi e di accelerare le decisioni in materia di validità o contraffazione dei brevetti, favorendo così l'innovazione in Europa".

European Patent Office

Viviane Reding, Commissaria UE per la Giustizia, ha sottolineato l'importanza di disporre di un unico tribunale per dirimere più velocemente le controversie. "L'eliminazione degli ostacoli burocratici, dei costi aggiuntivi e dell'incertezza del diritto dovuti all'esistenza di 28 sistemi diversi e spesso contraddittori renderà il mercato unico più attraente. La proposta illustra molto bene come le politiche nel settore della giustizia possano stimolare la crescita", ha spiegato Reding.

La questione non è di secondaria importanza: nel 2011 sono stati rilasciati 224 000 brevetti negli Stati Uniti, 172 000 in Cina e soltanto 62 000 in Europa. Gli esperti concordano sul fatto che uno dei motivi di questa differenza risiede nei costi proibitivi e nella complessità delle procedure per ottenere la protezione dei brevetti nell'intero mercato unico europeo.

"Attualmente, per proteggere la propria invenzione in tutta Europa, bisogna convalidare un brevetto europeo in tutti i 28 Stati membri dell'UE. Il titolare del brevetto può essere coinvolto in molteplici contenziosi in diversi paesi sulla stessa questione. Grazie al pacchetto sul brevetto unitario, tutto questo cambierà prossimamente", ricorda la nota della Commissione UE.