Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Telco

Vodafone, ecco gli indennizzi automatici a cui ha diritto l’utente in caso di disservizi

Vodafone ha abilitato i cosiddetti indennizzi automatici per i clienti che lamentano disservizi. Si tratta di una novità comparsa ieri sul sito ufficiale nella pagina delle comunicazioni al cliente (“Vodafone informa”). Non è una scelta inaspettata bensì la diretta conseguenza della Delibera 347/18/CONS di AGCOM approvata la scorsa estate, che regolamenta le controversie tra clienti e operatori. Un documento per altro già ampiamente criticato dalle associazioni dei consumatori.

Ai tempi Mauro Vergari, responsabile nuove tecnologie di Adiconsum, confermò a Tom’s Hardware che “con la nuova delibera si parla dell’opportunità per l’operatore di riconoscere l’indennizzo fino a 10 giorni prima della cosiddetta definizione senza aggravi di alcun tipo e facendo decadere ogni cosa”.

Il consumatore in pratica potrebbe rimanere in ballo per mesi, sperticarsi con segnalazioni, conciliazione paritetica con le associazioni oppure l’uso di Conciliaweb dei Corecom e quant’altro per poi ottenere quanto dovuto un momento prima di una udienza finale ma senza la probabile sanzione per violazione dei termini. “Non solo, l’AGCOM ha previsto anche un abbassamento dei massimali”, disse Vergari.

Ora, non è certamente questa la fase per la critica preventiva nei confronti degli operatori. Vodafone al momento assicura indennizzi automatici in caso di ritardo nella attivazione del servizio e nel trasloco dell’utenza (imputabili al suo operato) e sospensione o cessazione amministrativa di uno o più servizi mobili, fissi o di accesso ad internet da postazione fissa o Vodafone TV, in mancanza dei presupposti – ovvero in assenza del previsto preavviso.

“Vodafone, previa segnalazione del cliente, corrisponderà un indennizzo automatico in fattura o sul credito telefonico, pari a:

  • 7,50 al giorno per ogni giorno di ritardo o sospensione o cessazione amministrativa di uno a più servizi
  • 2,5 euro, fino a un massimo di euro 300, per ciascun servizio accessorio
  • 1 euro, fino ad un massimo di 100, per ciascun servizio gratuito

“Gli indennizzi automatici sono aumentati di un terzo nel caso di servizio Internet su banda ultra-larga e del doppio in caso di disservizio su utenze business, oggetto di contratto per adesione. Gli indennizzi per le altre fattispecie di disservizio, sono disciplinati e posso essere richiesti nelle forme indicate previste dalla Carta del Cliente“, conclude la nota Vodafone.