Auto

SSC Tuatara è l’auto più veloce del mondo: nuovo record

La Bugatti Chiron non è più l’auto più veloce del mondo: il primato, questa volta, è della Tuatara. Infatti, l’autovettura statunitense ha raggiunto la strabiliante velocità di 532,7 km/h. Il nuovo record è stato raggiunto sulle strade del Nevada da Oliver Webb. Ovviamente, il pilota che ha guidato la SSC Tuatara verso questo incredibile record, si è mostrato entusiasta del traguardo raggiunto.

Tuttavia, secondo le sue parole, l’auto – che presenta un V8 biturbo da 5,9 litri – avrebbe potuto raggiungere una velocità ancora maggiore, affermando che “di sicuro avrebbe potuto fare anche di meglio. In condizioni migliori so che sarei potuto andare più forte, prima di toccare i 532,7 km/h, la Tuatara ha guadagnato gli ultimi 30 km/h in meno di cinque secondi. La macchina non era ancora al suo limite. Il vento trasversale non ci ha permesso di raggiungere il limite della vettura”.

Lo stesso pilota Oliver Webb sembra “sminuire” il suo incredibile lavoro effettuato a bordo della Tuatara. Infatti avrebbe affermato che non sono necessarie abilità speciali per guidare un’auto del genere ma “se tutto va alla perfezione, la maggior parte delle persone potrebbe farlo”. Allo stesso modo, nessuna capacità da pilota professionista potrebbe essere utile per evitare una catastrofe nel momento in cui l’auto, ad altissima velocità, andasse incontro a qualsiasi tipo di problema.

“Assumere un conducente in grado di salvare un’auto quando va male a più di 300 miglia all’ora è impossibile”, afferma il pilota. Dunque, secondo Webb, per raggiungere un record del genere è necessaria un’ottima preparazione che inizia con 20 anni esperienza nelle corse: dai kart alla Formula Tre, alle Indy Lights, al pilotaggio di una Koenigsegg a 250 mph. In merito al suo stato d’anima, prima di pilotare l’auto, Webb afferma:

“In questo lavoro non vuoi qualcuno agitato. Il team che ha messo insieme tutto questo si è chiesto se non fossi rimasto impressionato dalla macchina o di cattivo umore durante la corsa. Ma stavo solo cercando di restare con i piedi per terra. Entro in una zona prima di iniziare una corsa. Faccio respirazione profonda, meditazione, eliminazione dei nervi, rilascio della tensione nelle mani e nelle braccia. È un po’ come entrare in trance “.

Aggiungendo subito dopo:

“Questo stato di rilassamento funziona non solo per il guidatore, ma per l’auto. Avevamo un tratto di strada di circa cinque miglia, anche se pensavo che probabilmente avremmo potuto coprirli in due. Quindi questo mi ha dato la possibilità di essere davvero progressivo per i primi chilometri. Sono andato al 50 percento dell’acceleratore, cambiando brevemente le marce, mantenendo i turbo freschi, fino a circa 200 mph. Allora ho capito davvero.”