Altre News

La risposta di Google alla super multa UE

C'è il rischio concreto che Android in futuro non sia più gratuito. È questa la risposta del CEO Sundar Pichai, pubblicata sul blog ufficiale a stretto giro dalla notizia che l'Unione europea ha irrogato una maxi multa a Google da ben 4,3 miliardi di euro.

Sostanzialmente secondo il CEO del colosso di Mountain View "se i produttori di smartphone e gli operatori di rete mobile non potranno più includere le nostre applicazioni sulla loro vasta gamma di dispositivi, ciò sconvolgerà l'equilibrio dell'ecosistema Android […] ‎Finora, il modello di business Android ha fatto sì che non dovessimo far gravare sui produttori di smartphone i costi della nostra tecnologia, riuscendo così a non dipendere da un modello di distribuzione strettamente controllata".

acastro 180413 1777 android 0001 0

"Ma siamo preoccupati che la decisione di oggi possa stravolgere il delicato equilibrio raggiunto con Android, inviando un segnale preoccupante in favore dei sistemi proprietari rispetto alle piattaforme aperte‎".

Secondo la commissaria alla concorrenza Vestager invece "Google ha utilizzato Android come strumento per consolidare la posizione dominante del proprio motore di ricerca. Tali pratiche hanno negato ai concorrenti la possibilità di innovare e di competere in base ai propri meriti ed hanno negato ai consumatori europei i vantaggi di una concorrenza effettiva nell'importante comparto dei dispositivi mobili. Ai sensi delle norme antitrust dell'UE, si tratta di una condotta illegale". Ma ovviamente Pichai non è dello stesso parere, sostenendo che ogni utente Android installa normalmente circa 50 app di propria iniziativa ed è ovviamente in grado di disinstallare le app preinstallate.

google

Ora in teoria il colosso ha 90 giorni di tempo per cambiare le sue policy, anche se dalla UE non è giunto alcun suggerimento in merito, altrimenti Google rischia una seconda multa pari al 5% dei ricavi medi giornalieri mondiali di Alphabet. 

Tuttavia per Google le entrate provenienti dalle inserzioni pubblicitarie su mobile costituiscono ‎‎più del 50%‎‎ delle entrate nette prodotte dagli annunci digitali. Ricavi a cui ovviamente aMountain View non vogliono e non possono rinunciare, da qui il delicato braccio di ferro che ha avuto inizio proprio con la replica ufficiale e che non sappiamo se produrrà anche qualche ricorso in sedi istituzionali. Questo non è del resto il primo segnale di tensione tra la UE e Google. Già lo scorso anno infatti ‎l'antitrust UE aveva colpito Google con una multa da 2,24 miliardi di euro per Google Shopping, il suo servizio di comparazione di offerte commerciali integrato nel motore di ricera.