Scenario

Pure Storage analizza le difficoltà dell’infrastruttura IT italiana

Pure Storage ha effettuato una ricerca in Italia secondo cui si evince che solamente il 6% dei responsabili ICT della pubblica amministrazione nostrana ritenga l’attuale infrastruttura dati adeguata a consentire il raggiungimento degli obiettivi di trasformazione strategica.

Dal sondaggio effettuato su responsabili ICT senior della pubblica amministrazione è emerso come in Italia l’infrastruttura dati esistente comprometta l’agilitàoperativa (76%), contribuisca all’aumento dei costi operativi (73%), crei problemi di compliance (73%) e riduca la capacità di rispondere alle aspettative dei cittadini (78%).

Questi dati sono stati pubblicati da Pure Storage all’interno di un nuovo report intitolato Data-Driven Transformation in Europe, realizzato con l’obiettivo di scoprire lo stato attuale dei progetti di trasformazione digitale delle pubbliche amministrazioni centrali di tutta Europa.

L’87% del campione intervistato è consapevole di come i dati siano uno strumento in grado di trasformare le esperienze dei cittadini, mentre l’88% a propria volta ritiene che ciò possa generare fiducia nei confronti della pubblica amministrazione. L’impiego dei dati è stato identificato anche come uno strumento in grado di aiutare la pubblica amministrazione a prepararsi al futuro in condizioni sempre più difficili.

In un’epoca nella quale i budget continuano a ridursi, quasi la metà (40%) degli intervistati ritiene di poter fare un uso migliore di dati e analytics per conseguire risparmi e produrre più valore. Un ulteriore 54% ha dichiarato che questo permetterebbe di migliorare anche il processo decisionale real-time.

Ci sono poi una serie di altri fattori che rendono sempre più urgente il rinnovamento delle strategie e delle infrastrutture dati da parte della PA, come l’obbligo di seguire un approccio “cloud first” (29%), le valutazioni da parte del pubblico e le crescenti aspettative dei cittadini (40%), la necessità di una maggior collaborazione e il passaggio verso un’amministrazione “connessa” (42%).

Il 67% ha intenzione di rinnovare la propria strategia dati e la relativa infrastruttura nell’arco dei prossimi due anni per supportare meglio gli obiettivi strategici del proprio ufficio. Tuttavia, gli ostacoli maggiori posti su tale percorso sono gli investimenti nelle infrastrutture dati (85%), gli investimenti nelle applicazioni (71%), i processi legacy e la mancanza di agilità (85%), assieme alla carenza di esperienze e competenze digitali (83%).

«Vogliamo diventare un punto di riferimento per gli enti della provincia, e pensiamo che il rilancio del territorio possa essere supportato anche dagli strumenti digitali. La parte tecnologica ci aiuta a costruire un rapporto migliore e più dinamico con i cittadini. È questo il senso profondo del nostro lavoro, per incidere positivamente su tutto il territorio» ha detto Mauro Cecchi, Direttore Servizio Sviluppo Organizzativo e Sistemi Informativi del Comune di San Benedetto del Tronto, che ha scelto Pure Storage per guidare il percorso di Digital Transformation nel territorio.

«I dati possiedono le potenzialità per consentire la realizzazione dei programmi di trasformazione delle pubbliche amministrazioni centrali, sia che si tratti di raggiungere obiettivi strategici piuttosto che di implementare cambiamenti di policy o di fornire un servizio migliore ai cittadini» ha sottolineato Mauro Bonfanti, Regional Director Italy di Pure Storage. «Per quanto sia incoraggiante constatare come i responsabili ICT della pubblica amministrazione riconoscano questo potenziale, sussistono tuttavia alcuni ostacoli che occorre superare per raggiungere, conservare, strutturare e gestire tali dati».

«L’architettura legacy che molte amministrazioni possiedono non supporta completamente il lavoro necessario a ricavare un maggior valore dai dati. Quel che occorre è un ambiente ICT moderno in grado di scalare verso l’alto on-demand, allineare i workload applicativi all’infrastruttura più efficace, promettendo di evitare qualsiasi interruzione operativa affinché la PA possa realmente raggiungere i propri obiettivi di trasformazione digitale».