IT Pro

Red Hat lancia Enterprise Virtualization 3.2

Red Hat ha annunciato la disponibilità globale di Red Hat Enterprise Virtualization 3.2, con il supporto della funzionalità di Storage Live Migration ed un framework per il plug-in di terze parti. Parte dell’offerta open hybrid cloud di Red Hat, Red Hat Enterprise Virtualization è una infrastruttura di virtualizzazione open source per ambienti mission-critical ed end-to-end di classe enterprise. 

Red Hat Enterprise Virtualization 3.2 si propone di rispondere alle crescenti richieste del mercato di soluzioni di virtualizzazione open, ma, osserva Red Hat, senza scendere a compromessi su prestazioni, scalabilità, sicurezza o funzionalità.

Red Hat Enterprise Virtualization è anche un elemento chiave della Red Hat Cloud Infrastructure, che combina le tradizionali funzionalità di virtualizzazione del datacenter fornite da Red Hat Enterprise Virtualization, un’infrastruttura cloud-enabled offerta da Red Hat OpenStack e la gestione dell’hybrid cloud resa possibile da Red Hat CloudForms.

Tra le nuove funzionalità, il supporto alla funzione di Storage Live Migration, che permette alle immagini delle macchine virtuali di essere trasferite da un dominio storage all’altro senza interruzioni di servizio; il supporto ai recenti processori di Intel e AMD, tra cui le serie Intel Haswell ed i processori AMD Opteron G5; miglioramenti a livello di storage management, networking management, fencing e power management, Spice console enhancement, logging e monitoraggio.

Nuovi plug-in di terze parti

Un'altra caratteristica fondamentale di Red Hat Enterprise Virtualization 3.2 è la disponibilità di un nuovo framework per i plug-in di terze parti. Sviluppato in collaborazione e con il contributo dei vendor e della community, questo framework consente a terze parti di integrare nuove funzionalità direttamente all’interno dell’interfaccia utente di gestione di Red Hat Enterprise Virtualization. Nuove voci del menu, pannelli e finestre di dialogo permettono agli utenti di accedere alle nuove funzionalità nello stesso modo in cui venivano utilizzate le funzioni native di Red Hat Enterprise Virtualization.

E' peraltro un framework che continua ad evolvere sulla base delle richieste dei vendor e della community, ed ogni vendor può scegliere se utilizzarlo per aggiungere funzionalità specifiche a Red Hat Enterprise Virtualization.

Red Hat sta già collaborando con diversi leader di mercato per integrare le loro soluzioni con Red Hat Enterprise Virtualization attraverso il nuovo plug-in, comprese soluzioni di alta disponibilità e disaster recovery da parte di NetApp, Symantec e Insight Control di HP: