Libri e Fumetti

Jonathan Hickman abbandonerà gli X-Men dopo l’evento Inferno

Dopo essere stato architetto delle testate dei Fantastici Quattro e degli Avengers, Jonathan Hickman ha preso in mano le redini di tutte le testate legate agli X-Men nel 2019, partendo da House of X/Powers of X per costruire la nuova nazione mutante di Krakoa. Sotto la sua direzione, diversi sceneggiatori hanno raccontato le storie dei mutanti di casa Marvel, direzione che però Hickman abbandonerà dopo la conclusione dell’arco narrativo Inferno.

Jonathan Hickman abbandonerà gli X-Men dopo l’evento Inferno

In un’intervista a Entertainment Weekly, Jonathan Hickman ha raccontato quali sono i suoi piani per il futuro, dichiarando che abbandonerà la gestione degli X-Men nei prossimi mesi in seguito al nuovo arco narrativo Inferno, in uscita a Settembre. I risultati del suo lavoro però saranno ancora tangibili in quello che sarà il terzo atto della sua epopea mutante che verrà pubblicato prossimamente dall’editore. Hickman ha inoltre rivelato che la Marvel gli ha già affidato un altro progetto abbastanza importante che l’autore porterà avanti insieme alla sua nuova serie Three Worlds Three Moons in arrivo sulla piattaforma Substack.

X-Men Inferno

Jonathan Hickman è solo uno dei tanti autori che nei giorni scorsi hanno annunciato di aver iniziato a collaborare con la piattaforma di newsletter per pubblicare online i propri fumetti, a cui i lettori possono avere accesso sottoscrivendo un abbonamento. Abbiamo cercato di analizzare questo piccolo fenomeno in un articolo dedicato che potete leggere sul sito.

Vi ricordiamo che Panini Marvel ha già pubblicato in un volume unico il ciclo House of X/Powers of X e il primo arco narrativo della testata principale degli X-Men, X-Men di Jonathan Hickman 1 – Pax Krakoa, che trovate disponibili su Amazon.it

I piani sono stati del tutto sconvolti. Quando ho iniziato a lavorare alla storia degli X-Men che volevo raccontare l’ho progettata in grande, a lungo raggio, come una storia in tre atti, tre grandi archi narrativi, il primo dei quali era House of X. I piani prevedevano tre anni di lavoro, ho detto alla Marvel che non sapevo fino a quanto sarebbe stata lunga la prima parte perché avevo c’erano un sacco di idee interessanti che gli altri autori avrebbero voluto sviluppare, e quindi abbiamo pensato ad un finale aperto. Sin dall’inizio sono stato molto chiaro riguardo ai piani anche con tutti gli autori che hanno collaborato con me, così nessuno di loro sarebbe rimasto spiazzato quando le cose avrebbero preso una certa piega. Sapevo che stavo giocando con il fuoco, e che tutte le idee che avevo in serbo per House of X e i suoi sviluppi potevano non essere l’inizio di questa storia in tre archi, ma che sarebbe stato qualcosa di simile ad un Giant Size X-Men, ovvero un cambio di paradigma per le testate degli X-Men per un certo periodo di tempo. Quindi, durante la pandemia, quando ho cominciato a ragionare per iniziare il secondo atto, ho chiesto a tutti gli altri scrittori coinvolti se fossero pronti al passaggio, ma tutti quanti hanno risposto che erano nel mezzo delle trame del primo atto. È stato molto interessante vedere quanto ciò che ho fatto in House of X abbia avuto riscontro nella loro volontà di non voler vedere finire quello che abbiamo realizzato insieme, ma sapevo benissimo che avrei lasciato la gestione presto.

X-Men Inferno

Riguardo il suo futuro:

Marvel non mi paga per scrivere fumetti che escono ogni mese, si aspettano che io scriva grossi progetti che durino per più tempo. Per rendere le cose ancora più facili a tutti, negli scorsi sei mesi abbiamo lavorato ai prossimi sviluppi, ho scritto Inferno per sostenere il progetto, abbiamo coinvolto nuovi autori al team e infine pianificato il futuro dei prossimi anni dei fumetti-X. Quindi lascerò dopo Inferno per lavorare alla Next Big Marvel Thing e a partire da Gennaio la Linea-X continuerà con nuove serie settimanali che porteranno verso una nuova e precisa direzione. Ci è voluto un po’ di tempo per organizzare il tutto, ma il risultato finale, ovvero tutto ciò che seguirà Inferno, sarà eccezionale.

Quale futuro dunque per gli X-Men a partire dal 2022? Quale sarà il prossimo, grande progetto che impegnerà Jonathan Hickman in Marvel?