Libri e Fumetti

Mysterio: il rivale di Spider-Man, dai fumetti al cinema

Da quando il trailer di Spider-Man: Far from home ha mostrato la presenza di un personaggio noto ai fan di Parker, la curiosità attorno al famigerato Mysterio si è fatta piuttosto pressante. Nella dimensione fumettistica, il signore delle illusioni è un noto criminale che ha dato spesso filo da torcere all’Arrampicamuri, ma al cinema sembra che lo vedremo sotto una luce diversa.

Prima di scoprire come Mysterio entri ufficialmente nel Marvel Cinematic Universe, facciamo un passo indietro al 1964, quando nelle edicole americane arriva Amazing Spider-Man #13. Stan Lee e Steve Ditko mettono Peter Parker a confronto con un nuovo avversario, Quentin Beck.

Dal mondo del cinema al crimine

Quando da bambino Quentin riceve in regalo da uno zio una vecchia cinepresa, Beck scopre la sua passione per il cinema, nonostante la derisione del padre. Da questa prima delusione, il giovane Beck riesce ad andare oltre diventando prima uno stuntman ed infine un esperto di effetti speciali rinomato. Ad un certo punto, però, a Quentin sembrò di non ricevere il giusto apprezzamento, e sceglie una nuova vita: quella del crimine.

Inizialmente si allea con Phineas Mason, meglio noto come il Riparatore, per rubare armi militari e piani segreti, utilizzando un costume da alieno per confondere la polizia. Ma la vera svolta arriva quando leggendo un articolo del Daily Bugle contro Spider-Man intuisce quale debba esser la sua prossima mossa.

Sfruttando le proprie capacità, Beck si finge l’Arrampicamuri compiendo diverse rapine, mettendo l’opinione pubblica contro Spider-Man, ovviamente per la gioia di J.J. Jameson. Come da tradizione, alla fine il buon Parker riuscirà a ripulire il proprio nome, ma la rivalità con Mysterio è solo all’inizio.

Questa prima apparizione di Beck, pur con l’ingenuità del primo incontro, mette già in chiaro quelle che saranno le caratteristiche essenziali del personaggio. Contrariamente agli altri avversari di Spider-Man, come Rhino o l’Avvoltoio, Mysterio non possiede una forza fisica che gli consenta di affrontare direttamente Spidey.

Anche considerando la sua armatura, Beck non può ricorrere a dei poteri speciali o ad una forza sovrannaturale. La sua arma più letale è la sua incredibile capacità di ordine piani che sappiano mettere in crisi i suoi avversari, sfruttando le sue doti di mago delle illusioni e di ipnotista. Questa sua capacità lo ha portato ad esser un temibile avversario di Spider-Man, al punto di far parte dei Sinistri Sei, il super-gruppo di villain che mise a dura prova il Ragno.  L’unico elemento davvero ‘super’ dell’arsenale di Mysterio è il gas verde che lo accompagna nelle sue scorribande, una sostanza che rende chi la respira suscettibile alle sue illusioni, con il plus di mandare in tilt il segno di ragno di Spider-Man.

Guardando bene la vita di Quentin Beck, è difficile non ravvisare una certa affinità con Peter Parker. Entrambi vivono una vita fatta di delusioni, non sono ben accetti dalla società e sembra che non riescano mai a raggiungere i propri obiettivi. Se Peter ha indossato la tuta di Spider-Man per fare del bene dopo la morte dello zio Ben, Beck ha scelto la strada opposta.

Questo dualismo in diverse occasioni è emerso anche nelle motivazioni per cui Mysterio ha attaccato Spider-Man. Il suo odio e l’invidia verso il Tessiragnatele lo ha spesso portato ad ordire piani complessi per demolire l’odiato Arrampicamuri. Beck è un uomo tormentato, che si rifugia nell’illusione per trovare finalmente una via per ottenere il rispetto che crede di meritare, anche se alcune volte i suoi piani si sono rivelati ridicoli.

Mysterio e gli eroi Marvel

L’esigenza di essere finalmente riconosciuto come un criminale di primo livello lo porta ad affrontare un altro degli eroi urbani Marvel, Daredevil, in quello che Beck diventasse il suo canto del cigno.

In Il Diavolo Custode (storia di Kevin Smith e disegni di Joe Quesada), Matt Murdock diventa il bersaglio dell’astuzia di Beck, che dopo aver comprato da Kingpin i segreti di Daredevil orchestra un complesso piano per stravolgere la mente del Cornetto tirando in mezzo paradiso e inferno, con la comparsata della Vedova Nera, di Bullseye ed con una tragedia che colpirà duramente il povero Daredevil. Al termine di questa storia al cardiopalma, Beck, malato terminale, sceglie di uccidersi piuttosto che rassegnarsi ad una vita al di sotto delle proprie aspettative.

Ma visto che, come diceva il buon Lee, in Marvel le porte dell’aldilà sono girevoli, la morte di Beck è solo un passaggio. Dopo esser stato interpretato da Daniel Berkhart e da Francis Klum, la testa a cupola di Mysterio è tornata saldamente sul capo di Beck, redivivo e nuovamente pronto a perseguire i propri piani.

Mysterio è un personaggio le cui doti sono spesso usate dagli autori per dare il via ad eventi incredibili, come nel caso di Old Man Logan, in cui Millar utilizza proprio le doti da illusionista di Back per spingere Wolverine in una follia omicida che influenzerà molto questo universo alternativo Marvel.

Mysterio nel Marvel Cinematic Universe

Ed ora, Beck torna nel mondo del cinema, con l’ingresso nel Marvel Cinematic Universe. Apparentemente il personaggio interpretato da Jake Gillenhall dovrebbe apparire come un alleato di Spidey, proveniente da un universo alternativo.

Trattandosi di Mysterio, e dopo aver visto il signore delle illusioni all’opera nei canali veneziani,il dubbio che non sia proprio tutto così semplice come appare. Il costume è quello classico, tolto il pacchiano casco, ma la sensazione è quella che il Beck visto nel trailer possa essere una versione diversa da quanto visto nei fumetti.

Sfruttando l’introduzione del multiverso all’interno del Marvel Cinematic Universe, si potrebbe scegliere di introdurre un diverso Mysterio, una versione diametralmente opposta a quella nota.

Come viene detto da Fury, Beck arriva da Terra-883, un mondo in cui, nel canone fumettistico, si trova la sede dei Captain Britain Corps, una forza inter-dimensionale di eroi impegnati a proteggere il multiverso. Tra i membri c’è anche William Braddock meglio noto come Spider-Uk, conosciuto in Spider-verse (2014) e eroicamente morto in Spider-geddon.

Beck rivela ammirato a Parker che nel suo mondo non esiste un eroe come lui, lasciandoci il dubbio se non sia mai apparso William Braddock o se rimpianga la morte di Spider-Uk. Sempre ammesso che non sia un altro dei suoi complicati sotterfugi.

Eppure, Quentin Beck ha saputo illudere Spider-Man e Daredevil, siamo sicuri che non sia appena riuscito a ingannare gli appassionati del Marvel Cinematic Universe? La risposta ci attende al cinema il 10 luglio, quando Spider-Man: Far from home ci svelerà chi sia realmente Mysterio.

Volete “portarvi a casa” il vostro Mysterio personale? Esiste un Funko Pop! dedicato che non può mancare ella vostra collezione.