Giochi in scatola

Recensione Unicorn Fever: il lato oscuro delle corse di unicorni


Unicorn Fever
Autore
Lorenzo Silva e Lorenzo Tucci Sorrentino
Editore
Cranio Creations
N° Giocatori
2-6
Età consigliata
14+
Durata Media
60 minuti

Unicorn Fever è un gioco competitivo e strategico con elementi di fortuna, per 2-6 giocatori, ideato da Lorenzo Silva e Lorenzo Tucci Sorrentino ed edito da Cranio Creations. Il gioco rivisita in chiave fantastica Horse Fever, divertente titolo di corse ippiche.

Unicorn Fever

Come è facile evincere dal titolo in questa nuova versione del gioco si avrà a che fare con il mondo delle corse sull’arcobaleno, dove intorno ai coloratissimi unicorni si raccoglieranno gnomi, fate, elfi e altre creature magiche pronte a scommettere fino all’ultimo centesimo. Non si tratterà però di una contesa leale e onesta: i giocatori potranno e dovranno intervenire con magie e ogni mezzo a loro disposizione per truccare la gara e favorire l’unicorno sul quale hanno puntato.

Unicorni, arcobaleni e altre creature straordinarie

Unicorn Fever

Basta una rapida occhiata al coperchio della scatola per capire che gli unicorni con si avrà a che fare non sono le creature pure ed eteree delle leggende. Aprendo la scatola del gioco ci si troverà di fronte a un tripudio di colori, in cui ogni elemento (che si tratti di segnalini, carte, componenti vari e persino la scatola del gioco) sembra provenire da una fiaba lisergica. In particolare due elementi del design di questo prodotto ci hanno colpito sopra ad ogni cosa: il bordo della scatola interna e i Dadi Sprint.

Sollevando il coperchio si osserva uno dei dettagli giocosi del design del packaging, in quanto i bordi della scatola interna sono cinti da un bellissimo arcobaleno. Questo elemento grafico, posizionato in una parte del packaging normalmente ignorata, enfatizza la cura per un gioco che trova nel suo tema e nella sua grafica uno dei suoi punti di forza.
Per quel che riguarda i Dadi Sprint, anche questi provengono senza dubbio alcuno dal paese degli unicorni, dato che sono dei bellissimi dadi a sei facce trasparenti costellati di glitter arcobaleno.

Unicorn Fever

Non si tratta di un gioco leggero e compatto: Unicorn Fever richiede tempo e spazio per poter essere allestito e giocato, tanto è vero che il peso della scatola giustificherà una componentistica alquanto ricca che a esclusione di alcuni mazzi di carte, delle monete di gioco e segnalini Gloria, troverà alloggio sulla plancia di gioco vivacemente illustrata.
Ad esclusione dei dadi, dei segnalini unicorno e delle basi colorate, il resto dei componenti di gioco sarà in cartone fustellato.

Unicorn Fever

Per via della quantità di materiale di gioco allestire il tabellone richiederà, per lo meno la prima volta, un po’ di tempo. Parimenti alla componentistica anche il manuale di gioco sarà una lettura non breve: le regole del gioco sono impaginate in un coloratissimo manuale spillato di 20 pagine.

Un giorno alle corse… degli unicorni

Unicorn Fever

Da qualche parte sull’arcobaleno gli unicorni corrono felici, attorno a questo gioioso evento si raccolgono una serie di appassionati di ippica, pronti a scommettere per vincere, costi quel che costi. Questo è il singolare antefatto con cui ci si approccia a questo divertente gioco in scatola che sulle prime può intimorire per via del regolamento elaborato e che tiene conto di molte variabili.

Una partita di Unicorn Fever ha una durata media di un’ora e sarà costituita da quattro round al termine dei quali si assegnerà il titolo di Grande Corno, ovvero lo scommettitore più abile e capace, in grado di accumulare più Gloria degli altri giocatori.
I quattro round saranno loro volta suddivisi in tre fasi (che vedremo nel dettaglio più avanti):

  • Azioni
  • Corsa
  • Risultati

Il gioco prevederà alcune differenze a seconda del numero di giocatori. Queste variabili serviranno a limitare e a velocizzare alcune operazioni in fase di Azioni, se si gioca in 2, e nel numero di carte in mano che sarà ridotto, nel caso di partite con 6 giocatori.
Questi piccoli aggiustamenti serviranno a rendere il gioco più fluido e veloce, tuttavia per quella che è stata la nostra esperienza diretta possiamo affermare che Unicorn Fever è un gioco che dà il meglio nella versione da 3 a 5 giocatori. Questo perché al di sopra dei 2 giocatori sarà possibile godere di tutta la sua profondità strategica, senza dover limitare alcuni dei suoi aspetti.

Unicorn Fever le fasi di gioco

Unicorn Fever

Come accennato poco fa i quattro round di gioco saranno suddivisi a loro volta in tre diverse fasi, che determineranno i cambiamenti nelle quotazioni tra una corsa e un’altra, la riscossione delle scommesse e l’assegnazione al vincitore di ogni corsa dei Punti Gloria.

Azioni
Questa fase del gioco è quella più strategica, durante le azioni i giocatori decidono su quale unicorno puntare e come truccare la corsa tramite la stipulazione di alcuni contratti o l’utilizzo di magie che potranno favorire o ostacolare i vari unicorni.

Corsa
In questa fase si assiste alla gara vera e propria. Gli unicorni si muovono di tante caselle in base al numero riportato sulla riga della Carta Movimento in corrispondenza del proprio segnalino. In questa fase si utilizzano le abilità speciali degli unicorni e si risolvono anche le magie (positive e negative) lanciate su quest’ultimi. Si tratta della fase più entusiasmante ed esilarante poiché nonostante gli “aiutini” assegnati agli unicorni l’esito della gara sarà soggetto ai capricci della fortuna, che potrebbe favorire anche il peggiore dei brocchi.

Risultati
L’ultima fase serve a riscuotere le scommesse e aggiornare la classifica delle quotazioni degli unicorni.

Al termine del quarto round la partita si conclude e si verifica chi tra i giocatori ha accumulato più Gloria, incoronandolo Grande Corno.

Un gioco che premia gli audaci (o gli incoscienti)

Unicorn Fever

L’obiettivo del gioco gravita attorno alle scommesse e alla capacità dei giocatori di essere spregiudicati, sia nel puntare che nel truccare le corse. In questa sezione della recensione parleremo quindi dei diversi tipi di Scommessa e quale sia l’attitudine migliore per trionfare in una partita di Unicorn Fever.

Unicorn Fever

Esistono tre tipi di Scommesse: Vincente e Piazzata Rapida e Piazzata Tardiva.
La Scommessa Vincente identifica quale unicorno arriverà primo, mentre le due Scommesse Piazzate permettono di scommettere sull’arrivo sul podio di un unicorno. La Scommessa Vincente è quella più remunerativa delle tre, ma ovviamente potrà essere incassata con la conditio sine qua non che l’unicorno sul quale si è puntato arrivi primo; le Scommesse Piazzate potranno essere incassate qualora l’unicorno su cui si è puntato salga sul podio a prescindere dal suo arrivo. In particolare la Piazzata Tardiva, venendo espressa in fase avanzata del turno, sarà quella meno remunerativa in assoluto.

Unicorn Fever

Se siete persone che affrontano le sfide con un temperamento cauto e misurato avrete vita difficile in questo ippodromo fatato: in questo gioco occorre sapersi sbilanciare e puntare forte, senza il timore di contrarre debiti con la malavita elfica. La Gloria finale sarà determinata anche dalla quantità di denaro che avrete a disposizione alla fine del quarto turno.

In conclusione

Unicorn Fever

Unicorn Fever è un entusiasmante gioco di scommesse e corse “ippocorniche” e ha meccaniche complesse ma non complicate: basterà un solo turno per interiorizzare le regole.
Il gioco vi farà innamorare per il suo design strepitoso e vi conquisterà definitivamente grazie alla profondità strategica necessaria per mettere i bastoni tra le ruote agli altri giocatori. La fase della Corsa è esaltante come una vera gara di cavalli e la componente di fortuna bilancia in modo perfetto le strategie dei giocatori in modo da rendere il risultato di ogni corsa mai scontato.
Unicorn Fever è adatto a persone amanti del rischio (più o meno calcolato), dove solo gli scommettitori più abili (o incoscienti) potranno ambire al prestigioso titolo di Grande Corno.

E per chi ne volesse ancora…

Se il mondo dell’ippica fatata vi ha stregato e non vedere l’ora di scommettere nuovamente su questi equini dai colori improbabili, l’esperienza di gioco offerta dalla scatola base potrà essere ampliata con due prodotti ulteriori: Unicorn Fever – Royal Hooves e Unicorn Fever: Giant Unicorns.

Unicorn Fever

Unicorn Fever – Royal Hooves è un pack di espansione del gioco, al cui interno sono contenuti tre nuovi destrieri e le rispettive carte. L’espansione non aggiunge nuove modalità o regole, tuttavia consente di sostituire gli unicorni del gioco base con quelli dell’espansione e le loro nuove e spassose abilità speciali.

Unicorn Fever

Unicorn Fever : Giant Unicorns è invece un set di accessori in cui sarà possibile trovare le miniature dei sei unicorni del gioco base in versione deluxe, ovvero dettagliatamente dipinte e in formato maxi. Con questo accessorio non sarà più necessario assegnare ogni cavallo la base ad anello di una determinata scuderia e la colorazione della miniatura permetterà di distinguere senza problemi ognuno dei sei unicorni.

Unicorn Fever


Unicorn Fever è un gioco divertente e curato nei minimi dettagli. Particolarmente apprezzabile la grafica variopinta e fantasiosa e la spettacolare meccanica delle corse, che grazie ad un pizzico di fortuna e a qualche tiro mancino dei giocatori vi farà esultare attorno al tavolo come non mai.

Pro

  • Design sensazionale: ogni elemento grafico è semplicemente perfetto
  • La meccanica della corsa è appassionante e mai scontata e rende ognuno dei turni di gioco davvero divertenti
  • Gioco piacevolmente complesso, ma che si apprende molto velocemente

Contro

  • Nulla da segnalare