Tom's Hardware Italia
Giochi in scatola

The Legendary El Dorado: la recensione. Piccoli Indiana Jones crescono


The Legendary El Dorado
Autore
Reiner Knizia
Editore
Ravensburger
N° Giocatori
2-4
Età consigliata
10+
Durata Media
60 min
The Legendary El Dorado è un gioco da tavolo basato su meccaniche di deck building dove ogni giocatore deve organizzare la migliore spedizione possibile per addentrarsi in territori inesplorati ed arrivare alla leggendaria città d’oro.

In The Legendary El Dorado, ogni giocatore rappresenta il responsabile di una spedizione che ha come scopo quello di addentrarsi in inesplorati e pericolosi territori per cercare la strada che porta alla mitica città d’oro, appropriandosi del più grande tesoro mai esistito. Un gioco “travestito” da family game che mette a disposizione dinamiche e regole semplici ma in grado di far fare “un passo in avanti” ai giocatori nel mondo dei giochi da tavolo introducendo con facilità ed immediatezza concetti di gioco non banali.

Plancia di gioco e mazzo di carte

Il territorio da esplorare è composto da plance esagonali di diversa dimensione e diversa conformazione: ogni plancia è combinata con le altre per definire un’area all’interno della quali i giocatori muoveranno la propria spedizione.

Le plance sono caratterizzate da sei tipi di esagoni, ognuno dei quali rappresentato da uno specifico colore: verde per la giungla, blu per i fiumi ed i laghi, giallo per il deserto, grigio per le aree speciali, rosso per i campi base ed infine gli esagoni delle montagne, ostacoli invalicabili.

Plance

The Legendary El Dorado presenta una serie di composizioni predefinite, a difficoltà diversa, ma è possibile comporre gli elementi come si preferisce creando qualsiasi tipo di plancia: non esistono limiti o vincoli da osservare e l’autore stesso invita i giocatori a sperimentare con gli elementi del gioco.

Ogni spedizione è rappresentata da un mazzo di carte che possono essere giocate per esplorare i territori oppure come risorse per comprare nuovi equipaggiamenti o nuovi membri della spedizione. Le carte sono di cinque tipi: verdi, blu, gialle, viola e senza specifico colore. Le carte verdi, blu e gialle rappresentano risorse o componenti correlate ai colori degli esagoni delle plance ed in tal senso possono essere spese per muovere la spedizione. Le carte viola sono tipicamente effetti speciali che garantiscono bonus o abilità peculiari (ad esempio pescare più carte), mentre le carte senza colore possono essere tipicamente usate per i movimenti su diversi tipi di esagoni.

Le carte speciali

Le meccaniche di gioco sono molto semplici: ogni carta ha un valore in termini di movimento e/o in termini di monete d’oro. I giocatori, nell’arco del loro turno, potranno usare le carte della loro mano per avanzare sulla plancia, scegliendo il percorso che più si confà al proprio mazzo, oppure per comprare ulteriori carte, sempre migliori, dal mercato. Ovviamente la vittoria sarà conquistata dal primo giocatore che metterà piede nella città d’oro.

Deckbuilding

The Legendary El Dorado è pensato per essere estremamente rapido: il mazzo iniziale è composto di sole otto carte e, calcolando che la mano è composta di quattro carte, viene ripristinato in soli due turni (una volta che non ci sono più carte nel mazzo, questo viene rimescolato e utilizzato di nuovo). Tutte le carte che possono essere acquistate sono tipicamente migliori di quelle iniziale e quindi in breve tempo il mazzo cresce, rendendo il ricambio meno spedito. La volontà di mantenere alto il ritmo di ricambio delle carte è evidente da due caratteristiche del gioco: la prima è che esistono carte che possono essere usate una sola volta e poi escono dal gioco; la seconda è che esistono diversi effetti (sia sulle carte, sia sul tabellone), che permettono di eliminare volontariamente le carte in mano. Questa tecnica risulta particolarmente efficace quando si vuole aumentare considerevolmente la possibilità di pescare specifiche carte.

Dotazione base

Oltre ai tre tipi di carte base usate per comporre i mazzi iniziali, esistono ben diciotto ulteriori tipi (ognuno presente in massimo tre copie) che permettono una discreta varietà nel costruzione del proprio mazzo di gioco; un ulteriore elemento da tenere in considerazione è che le plance scelte ed i percorsi sulle stesse sono elementi che influenzano la strategia di scelta delle carte da acquistare da parte dei partecipanti.

La plancia del giocatore

Le grotte

The Legendary El Dorado presenta una modalità per giocatori esperti: è possibile inserire nel gioco una serie di “gettoni” da posizionare casualmente sulle grotte presenti sulla plancia. Quando la spedizione si ferma in prossimità di una di queste caverne, è possibile esplorarle e quindi entrare in possesso di un gettone. Questi elementi mettono a disposizione una serie di bonus o abilità aggiuntive che possono essere utili nell’arco della partita: movimenti aggiuntivi, carte aggiuntive e molto altro.

I gettoni

Il mercato

L’acquisto di nuove carte avviene attraverso il mercato: sono disponibili sei diverse merci/carte che possono essere comprate ed aggiunte al proprio mazzo, pagando l’ammontare richiesto Il gioco prevede che le sei carte iniziali siano le stesse per ogni partita: queste carte sono sicuramente migliori di quelle di partenza, ma mano buone delle altre “fuori mercato”. Solo quando uno dei sei spazi del mercato si è liberato (in quanto tutte e tre le carte sono state acquistate), sarà possibile introdurre una nuova merce.

Il mercato ad inizio partita

Questo meccanismo, nella sua semplicità, ha una serie di importanti conseguenze strategiche nel gioco: comprare l’ultima carta di un tipo significa infatti assicurarsi un miglioramento ma alo stesso tempo dare un importante vantaggio al giocatore successivo, che potrà introdurre nel gioco il bene che preferisce e, allo stesso tempo, potrà procrastinare l’introduzione di altre carte.

Conclusioni

The Legendary El Dorado coniuga ottimamente due elementi di gioco: il deckbuilding e il movimento su plancia. L’ampia varietà di carte e di plance da comporre garantiscono molta varietà nelle partite, rendendo il gioco molto longevo.

Le meccaniche di gioco, pur semplici, sono divertenti e garantiscono un ritmo abbastanza elevato. Il continuo ricambio del mazzo contribuisce a tenere alto il ritmo, annullando momenti di noia o stallo nella partita.

Alla ricerca di El Dorado

La modalità per esperti aggiunge ulteriori variabili al gioco, rendendolo ancora più vario e aprendo la possibilità ad ulteriori strategie, originariamente non possibili. In realtà questa modalità non aumenta realmente il livello di difficoltà del gioco e quindi può essere utilizzata fin da subito da chi ha anche solo un poco di dimestichezza con i giochi da tavolo.

Materiali

Quasi tutti gli elementi di gioco sono in cartone standard spesso: gli elementi delle plance ed i gettoni sono ben disegnati e fanno la loro bella figura, creando un’area di gioco colorata e divertente. Le carte sono di piccole dimensioni ma comunque non particolarmente scomode da maneggiare. Una nota riguarda la scatola, che risulta di qualità un po’ bassa, soprattutto nella parte interna.

Il mazzo

Gioco indicato per

The Legendary El Dorado è un gioco che si rivolge ad un’ampia varietà di giocatori, sicuramente amanti di giochi a bassa complessità e non troppo impegnativi. Se da una parte le regole semplici rendono il gioco piacevole anche ai meno esperti, gli elementi presenti lo rendono decisamente più complesso di un semplice filler.

The Legendary El Dorado

The Legendary El Dorado è un gioco da tavolo basato su meccaniche di deck building dove ogni giocatore deve organizzare la migliore spedizione possibile per addentrarsi in territori inesplorati ed arrivare alla leggendaria città d’oro.



Verdetto

Gioco semplice, divertente e rapido, in grado di accontentare una vasta platea di giocatori purché senza pretese di grandi strategie. Il gioco è presentato come family game dal produttore, ma in realtà è sicuramente qualcosa in più, senza però ovviamente pretendere di rientrare nei giochi ad alta complessità. Un ottimo prodotto per tentare di "fare un passo in avanti" nel mondo del gioco da tavolo senza incappare nello "stress" di regole troppo complesse e competitività estrema.

Pro

- Meccaniche semplici ed intuitive
- Uso dei colori funzionale sia all’estetica, sia ai meccanismi di gioco

Contro

- Scatola non in linea con la qualità degli altri componenti