Cinema e Serie TV

The Suicide Squad: James Gunn ha avuto carta bianca, tranne per una richiesta della Warner Bros.

Warner Bros., come ormai è risaputo da tempo, ha dato carta bianca allo sceneggiatore e regista James Gunn per scrivere e dirigere il nuovo The Suicide Squad, ma lo studio di produzione ha fin da subito fatto una singola richiesta al regista: includere la Harley Quinn di Margot Robbie del precedente Suicide Squad.

The Suicide Squad

The Suicide Squad: le parole di James Gunn

Il film del 2016 di David Ayer (che potete recuperare su Amazon), infatti, ha introdotto la Harley Quinn di Robbie al fianco di altri colorati e folli personaggi, ma mostrava anche il suo legame morboso con il Joker interpretato da Jared Leto. In vista di The Suicide Squad, in uscita al cinema e su HBO Max il 6 agosto, Gunn ha riferito al New York Times che il suo film sarà separato dal precedente, soprattutto per quanto riguarda l’immagine di Harley e il suo “dolce” Joker (infatti Jared Leto non ci sarà):

“Volevo creare quello che pensavo fosse la Suicide Squad dal mio punto di vista. Continuare il progetto di David avrebbe reso la mia pellicola l’ombra del suo film. Volevo che fosse completamente a sé stante. Quando la Warner Bros. ha accettato questo mio punto di vista, ho visto il primo film per la prima volta, li ho richiamati e ho chiesto cosa dovessi tenere da quel film. Loro mi hanno risposto ‘niente’. Poi, però, hanno aggiunto che gli sarebbe piaciuto se Margot fosse nel film, ma che non era obbligatorio. Avrei potuto anche cambiare tutti i personaggi o mantenere gli stessi del primo film.” 

The Suicide Squad

Infatti Capitan Boomerang di Jai Courtney ritornerà, ma Gunn ha optato per un cast di attori per lo più nuovo. Gunn ha deciso di accettare il consiglio della Warner Bros. per quanto riguarda Margot Robbie perché l’ha sempre vista come “uno dei miei personaggi preferiti”:

“Per me, Harley Quinn appartiene alla wall of fame accanto a Batman, Superman, Wonder Woman, Capitan America, Spider-Man, Hulk. La maggior parte della mia carriera è stata quella di scrivere personaggi che esistevano nei fumetti ma non erano personalità ben definite, e ho dovuto creare le loro personalità cinematografiche, come accaduto con Star-Lord o Drax o Groot, che erano tutti molto diversi nei fumetti. Harley è stata scritta in modo abbastanza incredibile dal [co-creatore] Paul Dini fin dall’inizio, e quindi essere in grado di catturare l’essenza di quel personaggio – la sua natura caotica e dolce – è stato sorprendente anche per me come scrittore.”

The Suicide Squad

Nonostante lo status di Harley nel DC Extended Universe, essendo la protagonista femminile più importante accanto a Wonder Woman di Gal Gadot, nessun personaggio in The Suicide Squad è stato “protetto dalla DC”:

“Mi hanno dato carta bianca per fare quello che volevo. Questa era una delle cose su cui ci siamo accordati prima che andassi a lavorare per loro. Non stavo cercando un valore particolare, ma volevo che il pubblico sapesse che tutto poteva succedere.”