Libri e Fumetti

Wonder Woman, le origini della prima eroina DC Comics

Wonder Woman (il cui nome umano è Diana Prince) è una delle più importanti supereroine della DC Comics, nonché la prima eroina femminile della casa editrice e una delle tre icone fondanti dell’universo della DC Comics insieme a Batman e Superman. Il personaggio è anche uno dei membri fondatori della celebre Justice League ed è apparso per la prima volta in All Star Comics #8 nell’ottobre del 1941 e la sua prima storia integrale fu presentata in Sensation Comics #1 nel 1942.

Wonder Woman

La supereroina è stata creata dallo psicologo e scrittore americano William Moulton Marston conosciuto con lo pseudonimo di Charles Moulton e dall’artista Harry G. Peter. La moglie di Marston, Elizabeth, e la loro partner poliamorosa Olive Byrne, sono state accreditate come ispirazione per l’aspetto del personaggio. Vediamo, quindi, insieme le origini e le curiosità di questo importante personaggio fumettistico.

I cambiamenti nelle origini di Diana Prince

La storia delle origini di Wonder Woman racconta che fu scolpita dall’argilla da sua madre, la regina Ippolita, e le fu data un’anima e una vita per vivere come un’Amazzone, insieme ai poteri sovrumani come doni degli dei greci. Negli ultimi anni, la DC ha cambiato il suo background comunicando che Diana Prince è in realtà la figlia di Zeus e Ippolita, cresciuta insieme dalla madre e dalle zie Antiope e Menalippe.

Wonder Woman

Il personaggio è cambiato nella rappresentazione nel corso dei decenni, inclusa la breve perdita dei suoi poteri alla fine degli anni ’60. Negli anni ’80, l’artista George Perez le diede un aspetto atletico e sottolineò la sua eredità amazzonica. L’eroina possiede un arsenale di oggetti magici, tra cui il Lazo della Verità, un paio di braccialetti indistruttibili, una tiara che funge da proiettile e, nelle storie più vecchie, una gamma di dispositivi basati sulla tecnologia amazzonica.

Wonder Woman

Il personaggio di Wonder Woman è stato creato durante la seconda guerra mondiale tanto che nelle storie originali veniva inizialmente raffigurata mentre combatteva le forze militari dell’Asse e un assortimento di supercriminali variopinti. Nel tempo le sue storie hanno posto un interesse maggiore a personaggi, divinità e mostri della mitologia greca. Nei decenni successivi al suo debutto, Wonder Woman ha collezionato un ampio gruppo di nemici intenzionati a eliminare le Amazzoni, inclusi cattivi classici come Ares, Cheetah, Doctor Poison, Circe, Doctor Psycho e Giganta, insieme ad avversari più recenti come Veronica Cale e il suo primogenito.

I cambiamenti del personaggio dalla Golden Age ai nostri giorni

Per quanto riguarda la storia della pubblicazione di Wonder Woman, gli storici moderni dividono la storia dei fumetti di supereroi americani in “età” il cui primo periodo è la Golden Age. Tutto ebbe inizio da un’intervista del 25 ottobre 1940 di William Moulton Marston con la rivista Family Circle in cui discusse di quanto i fumetti non fossero un ottimo mezzo comunicativo a causa della mancanza di eroine donne. Questa intervista attirò l’attenzione dell’editore di fumetti Max Gaines, che assunse Marston come consulente educativo per il National Periodicals e l’All-American Publications, due delle società che si sarebbero unite per formare la DC Comics. Marston, quindi, creò la sua nuova supereroina grazie anche ai consigli della moglie, nonché collega psicologa, Elisabeth.

Wonder Woman

William Moulton Marston, per chi non lo sapesse, era già famoso per aver inventato il poligrafo, e in quegli anni ebbe un’idea per un nuovo tipo di supereroe, uno che avrebbe trionfato non con i pugni o la potenza di fuoco, ma con l’amore. Marston presentò l’idea a Gaines che diede subito il via libera allo sviluppo di Wonder Woman, immaginando che potesse diventare un modello della donna non convenzionale e liberale rispetto all’epoca in cui venne creata. Una curiosità riguarda i braccialetti indossati da Wonder Woman che si sono ispirati ai braccialetti indossati da Olive Byrne che ha vissuto con una coppia una relazione poliamorosa.

Wonder Woman

Wonder Woman ha debuttato in All Star Comics #8 con la sceneggiatura originale di Marston. La storia mostrava un’eroina genuina, onesta e coraggiosa e questo era frutto dell’esperienza lavorativa di Marston con i poligrafi che lo convinse che le donne erano più oneste degli uomini in determinate situazioni e potevano lavorare in modo più efficiente. A tal proposito pensò di rendere Wonder Woman una sorta di allegoria dell’amore ideale realizzando un prototipo di donna capace di dirigere la società in cui si trovava.

Le origini di Wonder Woman nella Golden Age

Nel suo debutto in All Star Comics #8, Diana era un membro di una tribù di donne chiamate Amazzoni, originaria di Paradise Island, un’isola nascosta situata nel mezzo di un vasto oceano. L’aereo del capitano Steve Trevor si schianta sull’isola e viene trovato vivo, ma privo di sensi da Diana e dall’amica Mala. Diana lo fa guarire e si innamora di lui, ma tra tutte le Amazzoni viene indetto un concorso dalla madre di Diana, la Regina delle Amazzoni Ippolita, per determinare chi sia la più degna di tutte le donne.

Wonder Woman

Ippolita addebita alla vincitrice la responsabilità di riconsegnare il capitano Steve Trevor al mondo degli uomini e di combattere per la giustizia, ma proibisce a Diana di partecipare al concorso. Quest’ultima decide di parteciparvi ugualmente indossando una maschera per nascondere la sua identità. Vince la competizione e si rivela, sorprendendo Ippolita, che alla fine accetta e cede al desiderio di Diana di andare al mondo degli uomini. Le viene quindi assegnata un’uniforme speciale realizzata da sua madre per il suo nuovo ruolo di Wonder Woman e riporta in sicurezza Steve Trevor nel suo paese d’origine.

Wonder Woman

Marston, dopotutto, era un fervente femminista, poliamorista e convinto sostenitore della superiorità delle donne. Purtroppo però credeva anche che la schiavitù e la sottomissione fossero delle “pratiche rispettabili e nobili” tanto che Wonder Woman spesso finiva in catene prima di liberarsi. Questo non solo rappresentava l’affinità di Marston per la schiavitù, ma era un modo anche per criticare la sottomissione delle donne, che rifiutava categoricamente al contrario di quella degli uomini.

Wonder Woman

Nel corso della Golden Age, quindi, Wonder Woman veniva mostrata come una campionessa delle Amazzoni che si aggiudicava il diritto di riportare Steve Trevor nel mondo degli uomini per combattere il crimine e il male dei nazisti. Durante questo periodo, Wonder Woman si è unita alla Justice Society of America come segretaria della squadra.

Il radicale cambiamento nelle origini della supereroina

Le origini del personaggio, in questo periodo, cambiarono e iniziarono a mostrare il personaggio di Wonder Woman che, arrivando in America per la prima volta, incontrava un’infermiera dell’esercito che sembrava identica a lei. Indagando sul suo stato, scopre che l’infermiera voleva partire per il Sud America con il suo fidanzato, ma non era stata in grado di farlo a causa della mancanza di denaro. Dato che Wonder Woman aveva bisogno di un lavoro e di un’identità valida per prendersi cura di Steve, le dà i soldi che aveva guadagnato in precedenza per aiutarla ad andare dal suo fidanzato in cambio delle sue credenziali.

Wonder Woman

L’infermiera rivela il suo nome come Diana Prince, e così, l’identità segreta di Wonder Woman viene ufficialmente creata, e ha inizio il suo lavoro come infermiera nell’esercito. Wonder Woman ha poi preso parte a una serie di avventure, per lo più fianco a fianco di Trevor. I suoi nemici più comuni durante questo periodo erano le forze naziste guidate da una baronessa tedesca di nome Paula von Gunther, occasionalmente divinità malvagie e semidei come Marte e il Duca dell’inganno, e poi cattivi come Hypnota, Doctor Psycho e Cheetah.

Wonder Woman nella Silver Age

Durante la Silver Age, sotto lo scrittore Robert Kanigher, le origini di Wonder Woman furono rinnovate, insieme a quelle di altri personaggi. La nuova storia delle origini ha accresciuto le radici elleniche e mitologiche del personaggio: ricevendo la benedizione di ogni divinità nella sua culla, Diana è destinata a diventare “bella come Afrodite, saggia come Atena, forte come Ercole e veloce come Hermes”.

Wonder Woman

Alla fine degli anni ’60, sotto la guida di Mike Sekowsky, Wonder Woman cedette i suoi poteri per rimanere nel mondo degli uomini invece di accompagnare le sue amazzoni in un’altra dimensione. Wonder Woman inizia a usare l’alias di Diana Prince per condurre una vita normale con tanto di apertura di una boutique di moda. Acquisisce un mentore cinese di nome I Ching, che le insegna le arti marziali e le abilità con le armi. Usando le sue abilità di combattimento invece dei suoi poteri, Diana si impelaga in avventure che abbracciavano una varietà di generi, dallo spionaggio alla mitologia. Questa fase della sua storia è stata direttamente influenzata dal thriller di spionaggio britannico The Avengers e dal personaggio di Emma Peel di Diana Rigg.

Wonder Woman

Durante questo periodo, Samuel R. Delany assunse l’incarico di sceneggiare il personaggio con il numero 202 della storia canonica. Inizialmente, Delany avrebbe dovuto scrivere un arco narrativo di sei numeri, che sarebbe culminato in una battaglia per una clinica in cui veniva svolto l’aborto, ma Delany venne rimosso a causa delle critiche di Gloria Steinem che rimase sconvolta dal fatto che Wonder Woman avesse perso i suoi poteri e non indossasse più il suo costume tradizionale.

I cambiamenti apportati durante la Bronze Age

All’inizio degli anni ’70, con la Bronze Age,  il personaggio tornò alle sue radici da supereroina nella Justice League of America e all’era della seconda guerra mondiale. Ciò, tuttavia, fu dovuto alla popolarità della serie TV che all’epoca era ambientata nel corso della seconda guerra mondiale. La storia poi passò agli anni ’70 quando lo show televisivo fece la stessa cosa. Con l’arrivo di un nuovo decennio, il presidente della DC Jenette Kahn ordinò anche un rinnovamento dell’aspetto di Wonder Woman.

Wonder Woman

L’artista Milton Glaser, che ha anche disegnato il logo del “proiettile” adottato dalla DC nel 1977, creò un emblema stilizzato con il logo “WW” che evocava e sostituiva l’aquila nel suo corpetto e questo simbolo debuttò nel 1982. L’emblema a sua volta venne incorporato dal letteratore dello studio Todd Klein nel logo del fumetto mensile, che durò un anno e mezzo prima di essere sostituito da una versione più moderna dello studio di Glaser.

Wonder Woman

In Wonder Woman Vol. 1 #204, quindi, i poteri e il costume di Diana le vengono restituiti e lei è nuovamente reintegrata come Wonder Woman. I-Ching viene ucciso da un cecchino pazzo nello stesso numero e subito dopo Diana incontra sua sorella Nubia (la figlia di Ippolita realizzata in argilla scura) che le dichiara di essere la Wonder Woman dell’Isola Galleggiante, e sfida Diana a un duello che termina con un pareggio. L’ultimo numero mostrava Diana e Steve Trevor annunciare il loro amore reciproco e il loro successivo matrimonio.

Wonder Woman

Con le vendite del fumetto che continuarono a diminuire fino al 1985, la serie fu cancellata e finì con il numero 329 (febbraio 1986) scritto da Gerry Conway, che descriveva il matrimonio di Steve Trevor con Wonder Woman. Il crossover Crisi sulle Terre Infinite del 1985 venne progettato e scritto con lo scopo di razionalizzare la maggior parte dei personaggi DC in una continuità più focalizzata e reinventarli per una nuova era, quindi Wonder Woman e Steve Trevor vennero dichiarati provenienti dalla dimensione Terra-Due e tutti gli eventi importanti vennero cancellati dalla storia, in modo che un nuovo personaggio, una nuova storia e una nuova sequenza temporale di Wonder Woman potessero avere la priorità.

Wonder Woman durante la Modern Age

Dopo la serie Crisi sulle Terre Infinite del 1985, George Pérez, Len Wein e Greg Potter hanno riscritto la storia delle origini del personaggio nella Modern Age, descrivendo Wonder Woman come emissaria e ambasciatrice di Themyscira al Patriarch’s World, incaricata della missione di portare la pace nel mondo esterno. Pérez ha incorporato una varietà di divinità e concetti della mitologia greca nelle storie e nelle origini di Wonder Woman. La sua interpretazione del personaggio ha agito come base per le moderne storie di Wonder Woman, poiché ha ampliato l’origine ampiamente accettata di Diana che nasce dall’argilla e questo rilancio è stato un successo critico e commerciale.

Wonder Woman

Gli dei hanno quindi benedetto e concesso i loro poteri e le loro abilità uniche: la bellezza di Afrodite, la forza di Demetra, la saggezza di Atena, la velocità e il volo di Hermes, gli occhi di Hunter, la comunicazione con le bestie di Artemide e la sorellanza con il fuoco e la capacità di discernere la verità da Hestia. I metodi operativi di Diana si distinguevano sia da Superman che da Batman con la sua volontà di usare la forza mortale solo quando lo giudica necessario. Inoltre, la sua storia precedente e il suo matrimonio con Steve Trevor vennero cancellati.

Wonder Woman

Trevor è stato presentato come un uomo molto più vecchio di Diana che in seguito avrebbe sposato Etta Candy. Successivamente Perez ha creato Julia e Vanessa Kapatelis, una studiosa greco-americana e sua figlia adolescente con cui Diana avrebbe vissuto quando si recava nel mondo degli uomini divenendo in breve tempo i principali personaggi secondari della serie per anni.

La Guerra degli Dei

A partire da Wonder Woman vol. 2 #51, le Amazzoni, che avevano rivelato la loro presenza al mondo in Wonder Woman vol. 2 #50, vennero accusate di una serie di omicidi e per il furto di vari manufatti. Le Amazzoni vengono quindi prese in custodia, la regina Ippolita scappa e Steve Trevor è costretto dal generale Yedziniak ad attaccare Themyscira. Questi eventi portano alla “Guerra degli Dei”. La colpevole degli omicidi, dei furti e della caccia alle Amazzoni si rivela essere la strega Circe, che intrappola Diana riportandola alla fase argillosa originaria. Più tardi, Wonder Woman viene riportata in vita e insieme a Donna Troy, combatte Circe e alla fine la sconfigge per poi ritornare in vita con mezzi sconosciuti.

Wonder Woman

Dopo questo evento, accadde un fatto alquanto particolare: Ippolita e le altre Amazzoni furono intrappolate in una dimensione demoniaca e la prima iniziò ad avere visioni della morte della figlia. Temendo la morte di sua figlia, Ippolita annunciò che Diana non era degna di continuare il suo ruolo di Wonder Woman e organizzò un concorso per determinare chi sarebbe stata la nuova Wonder Woman, proteggendo così Diana dal suo presunto destino.

Wonder Woman

I partecipanti al round finale furono Diana e Artemis, e con l’aiuto di alcune manipolazioni mistiche di Ippolita, Artemis vinse il concorso. Così, Diana fu costretta a cedere il suo titolo e il suo costume ad Artemis, che divenne la nuova Wonder Woman con la prima che continuò a combattere il crimine con un costume alternativo. Artemis morì in seguito in battaglia con il Mago Bianco, quindi la visione di Ippolita di una Wonder Woman morente si avverò, anche se non di Diana. Quest’ultima poi divenne nuovamente Wonder Woman essendo la seconda del concorso.

La fine di Crisi sulle Terre Infinite

Uno degli eventi che hanno portato a Crisi sulle Terre Infinite è stato quando Wonder Woman ha ucciso il cattivo Maxwell Lord in Wonder Woman (vol. 2) #219. Maxwell Lord controllava la mente di Superman, che di conseguenza voleva uccidere Batman. Wonder Woman ha cercato di fermare Superman, ma Lord (che non era in grado di controllarla mentalmente) l’ha mostrata a Superman come se fosse il suo nemico Doomsday che cerca di uccidere Lois Lane.

Wonder Woman

Superman arriva ad attaccare Wonder Woman e ne segue una feroce battaglia. Acquistando tempo tagliando la gola di Superman con la sua tiara, Wonder Woman cattura Lord nel suo Lazo della Verità e gli chiede come fermare il suo controllo su Superman. Lord le comunica che l’unico modo per fermarlo era ucciderlo e così Wonder Woman spezza il collo di Lord e pone fine al suo controllo su Superman. A sua insaputa, l’intera scena era stata trasmessa in diretta su tutti i canali del mondo da Brother Eye.

Gli spettatori non erano a conoscenza dell’intera situazione e hanno visto solo Wonder Woman uccidere un socio della Justice League. Queste azioni la misero in contrasto con Batman e Superman, poiché vedevano Wonder Woman come un assassino a sangue freddo, nonostante avesse salvato loro la vita.

wonder woman

Alla fine di Crisi sulle Terre Infinite, Wonder Woman si ritira temporaneamente dalla sua identità di eroina. Utilizza, quindi, ancora una volta lo pseudonimo di Diana Prince ed entra a far parte del Department of Metahuman Affairs. Donna Troy diventa la nuova Wonder Woman e viene catturata dai nemici di Diana costringendo quest’ultima a tornare in missione per salvarla, combattendo Circe ed Hercules. Dopo averli sconfitti ritorna ad essere Wonder Woman, ma Circe ha il tempo di farle un incantesimo che la trasforma in un essere umano normale e impotente quando è nel ruolo di Diana Prince e le pone i poteri solo quando entra nel ruolo di Wonder Woman.

Il Circolo e il numero 600 della serie

Infine in questo periodo venne realizzata un’altra storia dal titolo originale di The Circle che era incentrata sulla rivelazione di un tentativo di omicidio fallito su Diana quando era una bambina, da parte di quattro amazzoni. Quest, Myrto, Charis, Philomela e Alkyone, denominate collettivamente il Circolo, erano le guardie personali di Ippolita ed erano estremamente leali e devote a lei. Tuttavia, quando Ippolita decise di allevare una figlia, il Circolo rimase inorridito e considerarono la nascitura come una che avrebbe rovinato la loro intera razza.

wonder woman

Così, dopo che Diana venne scolpita nell’argilla e portata in vita, il Circolo decise di assassinare la bambina. Il loro tentativo fu però sventato e le quattro Amazzoni furono imprigionate per poi riuscire a fuggire dopo anni con l’aiuto del Capitano Nazi che le aiutò a portare a termine la missione precedentemente fallita di uccidere Diana. Quest’ultima, però, riuscì a sconfiggerle senza particolari problemi.

wonder woman

Il numero 600 della serie canonica introdusse Wonder Woman in una linea temporale alternativa creata dagli Dei in cui Themyscira era stata distrutta e le Amazzoni sparse per il mondo. In questa linea temporale, Diana è un’orfana cresciuta a New York che sta imparando a far fronte ai suoi poteri. Il mondo intero ha dimenticato l’esistenza di Wonder Woman e la storia principale era di Diana che cercava di ripristinare la realtà anche se lei stessa non la ricorda bene. Un trio di Dee della Morte chiamato The Morrigan ha agito nel ruolo di principali nemici di Wonder Woman e alla fine la storia si conclude con Diana che sconfigge le dee malvagie e riporta tutto alla normalità.

wonder woman

Il numero 600 uscì nell’agosto 2010 con J. Michael Straczynski che assunse i compiti di scrittura della serie introducendo Wonder Woman in una linea temporale alternativa creata dagli Dei in cui Paradise Island era stata distrutta e le Amazzoni sparse per il mondo. In questa serie, Wonder Woman indossava un nuovo costume disegnato da Jim Lee e Straczynski ha strutturato la trama fino a Wonder Woman #605. Lo scrittore Phil Hester ha poi continuato la sua storia fino al numero 614.

Wonder Woman e i cambiamenti in The New 52

In The New 52 del 2011, la DC Comics ha rilanciato la sua intera linea di pubblicazioni per attirare una nuova generazione di lettori, e così ha pubblicato il volume 4 di Wonder Woman. Brian Azzarello e Cliff Chiang sono stati assegnati rispettivamente alla scrittura e alla direzione artistica e hanno rinnovato notevolmente la storia del personaggio. In questa nuova continuità, Wonder Woman indossa un costume simile al suo costume originale di Marston, utilizza una spada e uno scudo e ha un’origine completamente nuova.

wonder woman

Non è più una figura di argilla portata in vita dalla magia degli dei, bensì una semidea e figlia naturale di Ippolita e Zeus. Il rinnovamento del personaggio da parte di Azzarello e Chiang è stato acclamato dalla critica, un po’ meno dai fan di lunga data del personaggio.

DC Rebirth tra The Lies e Year One

Nel 2016, la DC Comics ha rilanciato ancora una volta tutte le sue pubblicazioni con il DC Rebirth e il nuovo quinto volume di Wonder Woman è stato pubblicato bimestralmente con lo scrittore Greg Rucka. Questo quinto volume di Wonder Woman fa parte del DC Universe, l’attuale continuità stabilita dopo Rebirth. Inizialmente, la nuova serie non utilizzava una trama regolare perché erano presenti due storie separate e ben distinte.

Wonder Woman

Questa pratica è iniziata con la trama The Lies per i numeri dispari e Year One per i numeri pari. Le nuove trame presentate in questi numeri riprendono efficacemente gli eventi della precedente serie New 52. La trama di “The Lies” rivela che una serie di eventi della precedente serie di Wonder Woman in cui Diana viene nominata la Regina delle Amazzoni e il Dio della Guerra, era in realtà tutta un’illusione creata da un misterioso cattivo, e lei non era mai tornata a Themyscira da quando se n’era andata, né era in grado di tornarvi.

Wonder Woman

La storia “Year One” è stata presentata come una storia di origine completamente nuova per Diana, che rivela come abbia ricevuto i suoi poteri dagli Dei dell’Olimpo per riportare il personaggio alle sue radici classiche. Wonder Woman appare in DC Rebirth con un look rivisto, che include un mantello rosso e armature leggere. Insieme al lazo e ai braccialetti, ora utilizza regolarmente la spada e lo scudo. L’artista di Wonder Woman: Rebirth Liam Sharp ha descritto la nuova armatura come un pezzo utilitaristico che le permette di muoversi più liberamente. A partire dal numero 26, la serie è tornata a una trama regolare in ogni numero.

Wonder Woman

Nel 2018, la DC Comics ha annunciato che il creatore di Ms. Marvel, G. Willow Wilson, sarebbe stato il nuovo scrittore della serie di Wonder Woman e ha iniziato il suo lavoro nel novembre dello stesso anno con il primo arco narrativo intitolato “The Just War”.

La storia editoriale statunitense

Per quanto riguarda l’aspetto editoriale, il personaggio esordì sul n. 8 della testata antologica All-Star Comics nel gennaio 1942 per poi diventare uno dei personaggi più famosi dei fumetti di genere supereroistico diventando immediatamente la protagonista di ben quattro testate: Wonder Woman, che esordì nel 1942, All Star Comics, Sensation Comics, dove venivano pubblicate principalmente le avventure della Justice Society of America, nei cui ranghi era entrata nel corso del n. 12 di All Star Comics e Comics Cavalcade, una pubblicazione trimestrale antologica.

Wonder Woman

Quando Marston si ammalò definitivamente, Joye Hummel, allora ventenne, lo sostituì segretamente dal 1944 al 1947. Le sue prime storie vennero pubblicate nella primavera del 1945 nel numero 12 di Wonder Woman. In soli tre anni il personaggio divenne un’icona del fumetto globale facendo divenire Hummel la prima donna a scrivere storie per Wonder Woman, solo che all’epoca non ebbe nessun riconoscimento.

Wonder Woman

La prima serie dedicata al personaggio, Wonder Woman (vol. 1), esordì nel 1942 e si concluse nel 1987 con il n. 329 per ripartire con una seconda serie omonima nel corso dell’evento Crisi sulle Terre Infinite. La serie venne pubblicata per ben 226 numeri mensili fino al 2006 quando venne sostituita dalla terza serie omonima, Wonder Woman (vol. 3), pubblicata per 59 numeri fino al 2011 quando chiuse con il n. 614 in quanto dal n. 45 venne modificata la numerazione considerando anche i 555 numeri pubblicati delle precedenti serie che, sommati ai 45 della terza, fecero proseguire la numerazione dal n. 600.

Wonder Woman

Nello stesso anno esordì la quarta serie della testata, Wonder Woman (vol. 4), legata all’iniziativa editoriale The New 52. Nel luglio del 2016 la serie si è conclusa dopo 55 numeri e alla chiusura di questa è esordita la quinta serie, Wonder Woman (vol. 5) il mese successivo.

La grave crisi degli anni cinquanta con la Comics Code Authority

Wonder Woman riesce anche a superare la crisi che negli anni cinquanta colpisce l’industria dei fumetti dovuta alla crociata del dottor Wertham avviata con il libro Seduction of the Innocent del 1954 in cui accusava i fumetti di minare l’integrità morale dei giovani. In particolare Wonder Woman, con i suoi vestiti e i suoi modi disinibiti, era ritenuta un pessimo esempio per le ragazze e le situazioni sull’Isola Paradiso erano considerate al limite dell’omosessualità.

Wonder Woman

La creazione di severe regole da parte della Comics Code Authority, unite al fatto che già dal 1947 Marston era morto lasciando le redini della serie ad altri scrittori più tradizionali, causò una involuzione qualitativa e l’abbandono del fervente femminismo. È di questi decenni la creazione di Wonder Girl e di altre situazioni fuori contesto o esageratamente romantiche che si allontanarono dallo spirito originario del personaggio.

Wonder Woman

Dal 1968, gli autori Mike Sekowsky, Dennis O’Neil e Dick Giordano riportarono in auge la serie modificando totalmente il personaggio dato che in quegli anni risultava alquanto anacronistico. Wonder Woman, quindi, perde tutti i suoi poteri, abbandona il costume tradizionale e prende l’identità di Diana Prince. Viene introdotto il sopracitato I Ching e questi cambiamenti portano ad un grande successo che, però, dura solo fino al 1973, quando i poteri e il costume vengono ripristinati e le storie riprendono quelle della Golden Age, riscritte e ridisegnate.

La storia editoriale italiana

Per quanto riguarda la pubblicazione editoriale italiana, questa si ebbe solo con le storie dell’era post-Crisis ovvero quando in Italia arrivarono i volumi di Justice League che introducevano proprio il personaggio di Wonder Woman. Tra le prime avventure possiamo osservare quelle della Justice League International di Keith Giffen, J. M. DeMatteis e Kevin Maguire pubblicate dalla Play Press in circa venti numeri nei primi anni novanta.

Wonder Woman

In seguito, visto il successo di questa prima pubblicazione, venne presentata una parte dell’arco narrativo di John Byrne nel mensile Wonder Woman pubblicato sempre dalla Play Press ma in compagnia di alcune avventure di Catwoman. La stessa casa editrice, successivamente, pubblicò dei volumi destinati alle fumetterie scritti e disegnati prima da Phil Jimenez e poi sceneggiati da Greg Rucka.

Wonder Woman

Nel 2006 le avventure di Wonder Woman sono state pubblicate dalla Planeta DeAgostini prima in albi dedicati ad altri personaggi o a gruppi di supereroi come JLA e poi, dal 2008, anche in volumi unici dedicati al personaggio come Wonder Woman: Un anno dopo. Nel 2012 i diritti di pubblicazione passarono alla RW Edizioni dedicando al personaggio il mensile per le edicole Wonder Woman/Freccia Verde e diversi volumi singoli riservati alle fumetterie. Dal 2020, invece, i diritti sono passati alla Panini DC Comics che ha ripreso in mano la pubblicazione delle storie originali.

Se voleste iniziare a leggere qualche fumetto di Wonder Woman vi consigliamo questa fantastica nuova edizione di Panini Comics che mostra la storia originale di Greg Rucka.