GUIDA ALL'ACQUISTO

Migliori notebook per lavoro (gennaio 2024)

In questo articolo vi indichiamo quali sono, secondo noi, i migliori computer portatili per lavorare in mobilità al meglio!

1
Per chi desidera due schermi
Immagine di ASUS Zenbook Pro Duo

ASUS Zenbook Pro Duo

L'ASUS Zenbook Pro Duo è un leader nei notebook con doppio schermo, con un touchscreen OLED 2,8K di 14,5" e ScreenPad Plus da 12" e un design elegante con finiture anti-impronta.
2
Per i creatori di contenuti
Immagine di MSI Creator Z16

MSI Creator Z16

MSI Creator Z16 è un notebook ideale per la creazione di contenuti professionali, con processore Intel Core i7-12700H, NVIDIA GeForce RTX 3060, display 16:10 touch screen QHD True Pixel e una copertura di garanzia di 2 anni.
3
Il miglior notebook ultraleggero
Immagine di LG Gram 14

LG Gram 14

LG Gram 14 è un notebook ultraleggero con alte prestazioni, dotato di processore Intel Core EVO i5-1340P, display IPS 14" Full HD, 16GB RAM, SSD 512GB e GPU Intel Iris Xe.
4
Miglior convertibile
Immagine di Microsoft Surface Pro 9

Microsoft Surface Pro 9

Microsoft Surface Pro 9 è un dispositivo 2-in-1 leggero e sottile, con un display PixelSense Flow da 13 pollici, processori Intel Core di dodicesima generazione o Microsoft SQ 3 e fotocamere di alta qualità, ideale per esigenze professionali e creative.
5
Il migliore con macOS
Immagine di Apple MacBook Pro 16" M3

Apple MacBook Pro 16" M3

Il MacBook Pro 16" con chip M3 si distingue per prestazioni eccezionali, efficienza energetica, qualità del display e costruzione robusta, rendendolo ideale per professionisti e utenti esigenti nel mondo dei portatili macOS.
Avatar di Antonello Buzzi

a cura di Antonello Buzzi

Editor

Viviamo in un'era digitale dove quasi ogni attività, dal lavoro allo studio, passando per l'intrattenimento, ruota attorno alla tecnologia. Nel mezzo di questa rivoluzione, il notebook si è consolidato come uno strumento indispensabile. Ecco perché è fondamentale scegliere il giusto dispositivo e quali criteri bisogna considerare durante l'acquisto.

In un mondo in cui ogni secondo conta, l'efficienza del proprio strumento di lavoro diventa fondamentale. Chiunque abbia mai avuto a che fare con un computer lento sa bene quanto possa essere frustrante. Immaginate di trovarvi in una situazione in cui avete bisogno di accedere rapidamente a un file o avviare un'applicazione e trovarvi a guardare con ansia la rotellina di caricamento che gira incessantemente. Questi momenti non solo interrompono il flusso di lavoro, ma sottraggono tempo prezioso che potreste dedicare ad altre attività. Al contrario, un notebook veloce e reattivo non vi mette in attesa: esso agevola e ottimizza ogni vostra operazione, permettendovi di mantenere un ritmo di lavoro costante e, di conseguenza, migliorando sensibilmente la tua produttività.

Acquistare un notebook non è come comprare un semplice accessorio: è un investimento importante, sia in termini economici che operativi. Quando scegliamo un dispositivo di qualità, non stiamo semplicemente spendendo soldi, ma stiamo investendo in un compagno di lavoro che, idealmente, dovrebbe accompagnarci per anni. Un notebook robusto e ben costruito, scelto con attenzione in base alle proprie esigenze, può evitare il disagio di frequenti guasti o malfunzionamenti. Pensate alle costose riparazioni o alle sostituzioni anticipate, e a come queste situazioni possano interrompere il flusso di lavoro. Un dispositivo durevole, quindi, non solo rappresenta un risparmio economico a lungo termine ma garantisce anche una continuità nel nostro operato.

Viviamo in un'epoca di mobilità e flessibilità. La possibilità di lavorare, studiare o intrattenersi da qualsiasi angolo del mondo è diventata non solo un lusso, ma una necessità per molti. E qui entra in gioco uno dei vantaggi cardine del notebook: la portabilità. Ma non basta che sia semplicemente trasportabile. Per veramente rispondere alle esigenze di chi si muove frequentemente, un notebook deve essere leggero, per non appesantire inutilmente borse o zaini, e dotato di una batteria dalla lunga autonomia, che permetta di usarlo per ore senza il timore di rimanere "spenti" nei momenti cruciali.

Come scegliere un notebook per lavoro?

Quando ci avviciniamo all'acquisto di un nuovo notebook, è essenziale ponderare diverse caratteristiche, poiché il nostro dispositivo sarà uno strumento di lavoro, studio o svago che ci accompagnerà per molto tempo.

Quali specifiche tecniche considerare per un notebook da lavoro?

La selezione del notebook ideale per il lavoro inizia dall'analisi delle prestazioni, ponendo particolare attenzione al processore, vero e proprio "cuore" del dispositivo. Il mercato è principalmente governato da due marchi: Intel e AMD. Intel, noto per la sua vasta gamma di opzioni, è più diffuso, mentre AMD sta emergendo per le sue prestazioni e il favorevole rapporto qualità-prezzo. Sia Intel che AMD offrono diverse categorie di processori, come Intel Core i3, i5, i7, ciascuno adatto a specifiche esigenze, dalla semplice navigazione web fino a compiti più esigenti come l'editing video o il multitasking avanzato.

Oltre al processore, è importante valutare anche la RAM, la scheda grafica (GPU) e il tipo di unità di archiviazione, che può essere un SSD SATA o NVMe. La RAM è cruciale per una buona gestione del multitasking: 8 GB sono adeguati per un utilizzo di base, mentre per attività più intensive si raccomanda almeno 16 GB. La GPU diventa essenziale in caso di utilizzo di software di grafica avanzata o per il gaming. Per lo storage, gli SSD NVMe superano gli SSD SATA in termini di velocità, anche se possono risultare più onerosi.

Prima di finalizzare l'acquisto, è utile consultare test e benchmark disponibili online. Queste risorse forniscono analisi approfondite sulle prestazioni di vari modelli, facilitando così una scelta più informata e adatta alle proprie esigenze.

Quale dovrebbe essere l'autonomia di  un notebook per lavoro?

La longevità della batteria è un aspetto cruciale nella scelta di un notebook per lavorare. Una batteria duratura è essenziale per garantire la portabilità e l'efficienza del dispositivo. Per chi si trova regolarmente a cambiare luogo di lavoro o non ha accesso costante a una fonte di alimentazione, un notebook che offre meno di 6-7 ore di autonomia potrebbe rappresentare un serio limite.

I progressi tecnologici in questo campo hanno portato a significativi miglioramenti: molti notebook moderni sono capaci di fornire oltre 10 ore di utilizzo grazie a batterie di maggior capacità e tecnologie avanzate per il risparmio energetico. Anche sistemi operativi e software vengono costantemente ottimizzati per ridurre il consumo energetico.

Per i lavoratori che danno priorità alla mobilità, scegliere un notebook che garantisca un'autonomia di 8-10 ore può essere la decisione giusta, assicurando la possibilità di usarlo per un'intera giornata lavorativa senza ansie legate alla ricarica. Alcuni modelli presentano inoltre opzioni di ricarica rapida, molto utili in situazioni dove il tempo a disposizione per caricare il dispositivo è limitato.

Sebbene accessori come power bank o batterie esterne possano estendere ulteriormente la durata della batteria, è importante tenere in considerazione che questi elementi aggiuntivi aumentano il peso da trasportare. Pertanto, è consigliabile esaminare attentamente le specifiche tecniche e consultare recensioni online per ottenere un'idea realistica dell'autonomia della batteria, dato che le stime fornite dai produttori possono talvolta essere troppo ottimistiche rispetto all'uso effettivo del dispositivo.

Quanto dovrebbe essere grande un notebook per lavoro?

Nel contesto lavorativo, la portabilità riveste un ruolo decisivo nella scelta di un notebook, specialmente quando si prevede di utilizzarlo in ambienti diversi. La facilità di trasporto del dispositivo, garantita dalla sua leggerezza e sottigliezza, diventa quindi un aspetto fondamentale. Un notebook che pesa meno di 1,5 kg è generalmente considerato ideale per un uso quotidiano che comporta spostamenti frequenti.

La portabilità, tuttavia, non si limita solo al peso del dispositivo. Anche le dimensioni dello schermo e lo spessore del notebook sono fattori importanti. Un dispositivo più sottile si adatta meglio allo zaino, rendendolo più maneggevole. I materiali utilizzati nella costruzione, come l'alluminio o le leghe di magnesio, offrono un doppio vantaggio: sono più leggeri rispetto alla plastica e offrono maggiore resistenza, contribuendo così a migliorare la portabilità.

Oltre alle dimensioni fisiche, l'autonomia della batteria è un aspetto cruciale della portabilità. Un notebook leggero ma con scarsa durata della batteria potrebbe limitare la libertà di movimento, obbligandovi a cercare ripetutamente una presa di corrente.

Bisogna anche considerare il compromesso tra portabilità e funzionalità. I notebook più sottili e leggeri spesso hanno un numero limitato di porte e opzioni di connettività, come USB e HDMI, che possono essere essenziali per diverse attività accademiche. Inoltre, la portabilità può incidere sulle prestazioni: molti modelli ultra-portatili non raggiungono le stesse capacità di elaborazione o le opzioni di storage dei loro omologhi più pesanti, un aspetto da valutare attentamente in base alle proprie necessità.

Qual è la dimensione ideale dello schermo di un notebook per lavoro?

La scelta della dimensione dello schermo in un notebook destinato al lavoro si basa su diversi fattori, tra cui le esigenze personali, la necessità di portabilità e il tipo di utilizzo previsto. Gli schermi di dimensioni ridotte, che vanno dagli 11 ai 13 pollici, sono particolarmente adatti per chi necessita di spostarsi frequentemente, offrendo un'eccellente portabilità. Tuttavia, per attività che richiedono un maggiore spazio visivo, come l'editing video o il lavoro grafico, questi schermi potrebbero rivelarsi troppo piccoli.

Per chi cerca un equilibrio tra visualizzazione e facilità di trasporto, gli schermi di dimensioni medie, che si aggirano tra i 14 e i 16 pollici, rappresentano una soluzione intermedia. Consentono un'ampia visibilità per la maggior parte delle applicazioni, mantenendo allo stesso tempo una buona portabilità. Al contrario, gli schermi più grandi, di 17 pollici o superiori, sono ottimali per lavori che necessitano di ampio spazio visivo ma tendono ad essere meno portatili e spesso hanno un costo maggiore.

Il tipo di utilizzo influisce fortemente sulla scelta: per attività come la lettura e la scrittura, uno schermo più piccolo può essere adeguato, mentre per l'uso di software specializzato in grafica o editing video è preferibile uno schermo più ampio. La considerazione della portabilità è fondamentale: uno schermo più piccolo è più pratico per chi deve portare il notebook in giro frequentemente.

Un altro elemento da valutare è la risoluzione dello schermo. Un display con risoluzione Full HD o superiore è raccomandato per garantire una visione chiara e dettagliata, particolarmente utile se si trascorrono molte ore al giorno davanti allo schermo. Una risoluzione elevata può aiutare a ridurre l'affaticamento degli occhi. Anche la luminosità dello schermo è importante, assicurando comfort visivo in varie condizioni di luce, mentre un display antiriflesso può essere vantaggioso per ridurre il riverbero in ambienti molto luminosi.

Sebbene il tempo di risposta e la frequenza di aggiornamento siano aspetti meno cruciali per il lavoro rispetto al gaming, possono comunque migliorare l'esperienza visiva, rendendola più fluida e gradevole.

Quale sistema operativo è più adatto per un notebook da lavoro?

La selezione del sistema operativo per un notebook è un fattore critico che incide significativamente su aspetti come la compatibilità del software e la facilità d'uso. Windows domina il mercato per la sua vasta disponibilità di applicazioni, essendo spesso una scelta necessaria per certi corsi universitari che richiedono software specifici. Offre un'ampia varietà di opzioni di prezzo, che vanno da modelli più accessibili a quelli di fascia alta.

D'altra parte, macOS, il sistema operativo dei prodotti Apple, è rinomato per la sua interfaccia utente fluida e un design sofisticato. Per coloro che sono già parte dell'ecosistema Apple, optare per un Mac può favorire una maggiore sinergia tra dispositivi diversi. Tuttavia, i Mac tendono a essere più onerosi e potrebbero non supportare alcuni software specializzati a meno che non si faccia ricorso a soluzioni di emulazione.

Linux, invece, è un sistema operativo open-source noto per la sua alta capacità di personalizzazione, ideale per utenti con abilità tecniche avanzate o necessità specifiche legate alla programmazione o alla sicurezza informatica. Benché offra meno compatibilità software rispetto a Windows e macOS, è supportato da una vasta comunità online.

Nella scelta del sistema operativo, è importante considerare fattori come le esigenze specifiche del proprio corso di studi, il budget disponibile e la propria familiarità con la tecnologia. Windows e macOS godono di un supporto esteso e sono generalmente più intuitivi per l'utente medio, mentre Linux, sebbene richieda una conoscenza tecnica più approfondita, permette un livello di controllo e personalizzazione superiore.

Quali funzioni extra sono importanti per un notebook da lavoro?

La scelta di includere funzioni come uno schermo touch o una penna stylus nel proprio notebook dipende essenzialmente dalle attività che si prevede di svolgere e dal proprio utilizzo. Uno schermo touch offre un modo di interazione diretta e intuitiva con il dispositivo, mentre una penna stylus risulta utile per la presa di appunti manoscritti, disegni o bozze. Queste caratteristiche possono rivelarsi particolarmente vantaggiose in ambiti professionali specifici, quali il design grafico, la modellazione 3D o la creazione di presentazioni.

D'altro canto, è importante considerare anche gli eventuali svantaggi. Ad esempio, la presenza di queste funzionalità può aumentare notevolmente il costo del notebook. Inoltre, gli schermi touch possono consumare più batteria, influenzando la durata complessiva della stessa. La manutenzione può essere più esigente, poiché gli schermi touch sono più inclini a raccogliere impronte digitali e sporco.

Quando si pondera l'acquisto di un notebook con queste caratteristiche, è fondamentale valutare se siano effettivamente necessarie per il proprio ambito lavorativo. Ad esempio, per un artista grafico o uno studente di architettura, queste funzionalità possono essere quasi indispensabili. È importante anche riflettere sul proprio stile di apprendimento: se la scrittura manuale facilita l'assimilazione delle informazioni, una penna stylus potrebbe rappresentare un investimento vantaggioso. Infine, bisogna tenere conto del proprio budget, considerando che l'aggiunta di queste funzioni può comportare un costo aggiuntivo.

Quali e quante porte servono in un notebook per lavoro?

Nella scelta di un notebook per le esigenze di lavoro, la connettività gioca un ruolo essenziale che va oltre la semplice disponibilità di una connessione Wi-Fi. Le porte USB, ad esempio, sono cruciali per collegare dispositivi come pen drive, mouse e hard disk esterni. La tipologia e la versione di queste porte USB (come USB 2.0, USB 3.0, USB-C) sono determinanti per la velocità di trasferimento dati e la compatibilità con altri dispositivi.

Un altro fattore importante è la presenza di una porta HDMI, fondamentale per collegare il notebook a dispositivi di visualizzazione esterni quali monitor, televisori o proiettori, un aspetto particolarmente rilevante per chi deve effettuare presentazioni. Alcuni notebook offrono anche ulteriori opzioni di output video, come DisplayPort o VGA, incrementando la flessibilità di utilizzo.

Per chi lavora con dispositivi che impiegano schede di memoria, come le fotocamere digitali, un lettore di schede SD è molto utile, permettendo un trasferimento dati rapido e senza la necessità di cavi aggiuntivi. Sebbene stia diventando meno comune nei nuovi modelli, un'unità DVD può ancora essere importante per chi necessita di usare o archiviare dati su dischi.

La connessione wireless è altrettanto cruciale: una scheda Wi-Fi di alta qualità, che supporti gli standard più recenti come il Wi-Fi 6E, assicura una connessione Internet più rapida e affidabile. Il Bluetooth è un altro vantaggio per collegare dispositivi wireless come cuffie, mouse o tastiere.

Infine, altre opzioni di connettività possono comprendere porte Ethernet per una connessione via cavo e porte Thunderbolt per trasferimenti dati ad alta velocità. Sebbene questi elementi non siano essenziali per tutti, possono essere particolarmente utili in determinati contesti d'uso.

Quanta memoria è necessaria in un notebook per lavoro?

Nel contesto lavorativo, la scelta di un notebook richiede una particolare attenzione alla memoria e all'archiviazione. La RAM (Random Access Memory) gioca un ruolo chiave nel garantire un multitasking efficiente. Per un utilizzo standard, che può includere navigazione web, elaborazione di testi e videochiamate, 8 GB di RAM sono generalmente sufficienti. Tuttavia, per attività più esigenti come l'editing video o la grafica 3D, si consiglia di optare per almeno 16 GB di RAM.

Per quanto riguarda l'archiviazione interna, gli SSD (Solid State Drive) offrono vantaggi significativi rispetto agli HDD (Hard Disk Drive), come maggiore velocità e resistenza agli urti, sebbene a un costo più elevato. Un SSD è particolarmente indicato per chi prevede di utilizzare il notebook in situazioni di mobilità. La capacità di archiviazione necessaria varia a seconda delle esigenze individuali, ma per la maggior parte degli studenti, 256 GB o 512 GB di SSD sono adeguati. Chi gestisce file di grandi dimensioni, come video o ampi database, potrebbe necessitare di maggior spazio di archiviazione.

Un fattore da non trascurare è l'espandibilità della memoria. Alcuni notebook consentono aggiunte future di RAM o di spazio su disco, offrendo flessibilità e la possibilità di aggiornare il sistema senza necessità di acquistare un nuovo dispositivo.

In aggiunta all'archiviazione interna, è possibile considerare soluzioni di storage esterne. I servizi di cloud storage come Google Drive o Dropbox forniscono spazio aggiuntivo e accessibilità ai file da vari dispositivi, sebbene la loro affidabilità dipenda dalla connessione internet. Per una maggiore sicurezza, l'utilizzo di hard disk esterni o pen drive USB può essere una soluzione efficace o un complemento all'uso del cloud per l'archiviazione dei dati.

È indispensabile una scheda grafica dedicata in un notebook per lavoro

La decisione di optare per una scheda grafica dedicata nel notebook dipende essenzialmente dall'uso che intendete farne. Per attività come grafica, design, editing video o gaming, una GPU (Graphics Processing Unit) dedicata diventa quasi essenziale per assicurare prestazioni ottimali. Software come Adobe Photoshop, AutoCAD o giochi che richiedono una grafica dettagliata traggono grande beneficio da una scheda grafica dedicata. Anche per eseguire simulazioni scientifiche o compiere calcoli ingegneristici avanzati, una GPU potente è spesso necessaria. Inoltre, se avete in programma di utilizzare simultaneamente più applicazioni che richiedono un'intensa elaborazione grafica, l'adozione di una scheda grafica dedicata è raccomandata.

D'altro canto, per un utilizzo che si limita a compiti più basilari come navigare su internet, elaborare testi o guardare video, una scheda grafica integrata può essere più che adeguata. È importante anche considerare che l'impiego di una scheda grafica dedicata può influenzare negativamente l'autonomia della batteria del notebook e contribuire a un aumento del suo costo complessivo.

Quanto costa un notebook per lavoro?

Nel processo di scelta di un notebook adatto per il lavoro, il budget rappresenta un criterio importante, ma non dovrebbe essere l'unico elemento a influenzare la decisione. È cruciale trovare un equilibrio tra il prezzo e le specifiche tecniche e le funzionalità che sono effettivamente necessarie per le vostre esigenze. I notebook si presentano in un'ampia gamma di prezzi, che vanno dai modelli più accessibili, con potenziali limiti in termini di prestazioni e caratteristiche, fino ai dispositivi di fascia alta che offrono funzioni avanzate ma a un costo superiore.

Per effettuare una scelta consapevole, è vitale identificare con precisione le proprie necessità. Ad esempio, se il notebook sarà usato principalmente per scrivere e navigare in internet, non sarà necessario un modello ad alte prestazioni destinato a compiti come l'editing video o la grafica 3D. Questo consente di allocare il budget in modo più mirato, investendo in caratteristiche che vi saranno realmente utili.

Considerate anche i cosiddetti "costi nascosti" legati all'acquisto di un notebook. Questi possono includere il prezzo di software aggiuntivi, abbonamenti o accessori come custodie, mouse esterni e dispositivi di archiviazione. Questi costi aggiuntivi possono aumentare significativamente l'investimento iniziale.

Non dimenticate di esplorare la possibilità di approfittare di sconti e offerte speciali. Molti produttori propongono promozioni, sconti stagionali o programmi dedicati agli studenti, che possono rendere modelli più costosi più accessibili.

Infine, valutate la durata prevista del dispositivo. Un modello di qualità superiore e più costoso può rivelarsi un investimento più vantaggioso a lungo termine, riducendo la necessità di sostituire il notebook dopo poco tempo.

1. ASUS Zenbook Pro Duo

Immagine di ASUS Zenbook Pro Duo

Per chi desidera due schermi

L'ASUS Zenbook Pro Duo è un leader nei notebook con doppio schermo, con un touchscreen OLED 2,8K di 14,5" e ScreenPad Plus da 12" e un design elegante con finiture anti-impronta.

ASUS Zenbook Pro Duo si posiziona come uno dei leader nel segmento dei notebook con doppio schermo. Il suo touchscreen OLED NanoEdge da 14,5" 2,8K a 120 Hz, accompagnato da un secondo schermo, lo ScreenPad Plus da 12", rappresenta un'innovazione notevole. Questo display principale vanta certificazioni come Dolby Vision e PANTONE Validated, assicurando immagini di alta qualità e colori autentici. Al suo interno, il dispositivo è alimentato dal potente processore Intel Core i9-13900H di 13a generazione, supportato da 16 GB di RAM e un SSD PCIe 4.0 x4 da 1 TB, garantendo prestazioni ottimali. L'esperienza audio è amplificata dal sistema Harman Kardon con tecnologia Dolby Atmos, offrendo un suono avvolgente. Esteticamente, il notebook si distingue per il suo design raffinato, con finiture anti-impronta e un coperchio decorato con il classico motivo in metallo filato di ASUS, impreziosito da un logo luminoso. ASUS Zenbook Pro Duo combina perfettamente tecnologia avanzata, potenza e stile, rendendolo un punto di riferimento per i notebook con doppio display.

2. MSI Creator Z16

Immagine di MSI Creator Z16

Per i creatori di contenuti

MSI Creator Z16 è un notebook ideale per la creazione di contenuti professionali, con processore Intel Core i7-12700H, NVIDIA GeForce RTX 3060, display 16:10 touch screen QHD True Pixel e una copertura di garanzia di 2 anni.

Il notebook MSI Creator Z16 si profila come un baluardo per la creazione di contenuti professionali. Integrando il potente processore Intel Core i7-12700H, questo dispositivo assicura prestazioni di alto livello, in particolare per le operazioni multitasking. La sua NVIDIA GeForce RTX 3060, sostenuta dall'architettura Ampere di NVIDIA, promette performance eccellenti per giocatori e creatori. Il vero gioiello, tuttavia, è il suo display. Con un rapporto di 16:10, offre una maggiore superficie rispetto al tradizionale 16:9, ottimizzando la gestione dello spazio in applicazioni come quelle di Adobe. Questo, combinato con la capacità touch screen, rende la creazione fluida e intuitiva. Il display True Pixel assicura immagini in QHD, con una precisione cromatica ineguagliabile grazie alla gamma di colori DCI-P3 al 100% e alla tecnologia True Color. MSI garantisce il Creator Z16 con una copertura di 2 anni, mantenendo la stessa validità anche per gli acquisti in fattura. L'aggiunta del Wi-Fi 6E offre una connettività superlativa, assicurando stabilità anche in zone affollate. La batteria da 90 Wh, abbinata alla tecnologia di ricarica rapida, garantisce un'ottima autonomia. MSI Creator Z16 è l'ideale per i professionisti del settore, offrendo una combinazione di potenza, qualità visiva e funzionalità avanzate.

3. LG Gram 14

Immagine di LG Gram 14

Il miglior notebook ultraleggero

LG Gram 14 è un notebook ultraleggero con alte prestazioni, dotato di processore Intel Core EVO i5-1340P, display IPS 14" Full HD, 16GB RAM, SSD 512GB e GPU Intel Iris Xe.

Il notebook LG Gram 14 emerge come la scelta prediletta per chi cerca un dispositivo ultraleggero ma senza compromessi prestazionali. Animato dal processore Intel Core EVO i5-1340P di 13a Generazione, garantisce performance elevate grazie ai suoi 12 core e una velocità turbo di 4.60GHz. Il display, un pannello IPS anti riflesso da 14 pollici, assicura immagini cristalline grazie alla risoluzione Full HD 16:10 e alla copertura DCI-P3 al 99%. Non mancano potenza e velocità con i suoi 16GB di RAM DDR4 e l'SSD M.2 PCIe 4.0 NVMe da 512GB. E per gli amanti della grafica, la GPU Intel Iris Xe rappresenta un valore aggiunto. La sua struttura in lega di magnesio e Nano Carbon lo rende robusto ma incredibilmente leggero, mentre la batteria da 72Wh promette fino a 16 ore di durata. Sicurezza e praticità sono garantite dalla tastiera retroilluminata, l'accesso con impronta digitale e vari strumenti di sicurezza come TPM e HDD Security. L'esperienza audio con DTS:X Ultra è immersiva e, per quanto riguarda la connettività, il notebook LG Gram 14 si avvale del WiFi 6 AX201 e Bluetooth 5.1. La sua resistenza è certificata MIL-STD 810 G, e offre una vasta gamma di porte per ogni esigenza. In definitiva, è il notebook ideale per chi desidera un mix perfetto di leggerezza, potenza e funzionalità.

4. Microsoft Surface Pro 9

Immagine di Microsoft Surface Pro 9

Miglior convertibile

Microsoft Surface Pro 9 è un dispositivo 2-in-1 leggero e sottile, con un display PixelSense Flow da 13 pollici, processori Intel Core di dodicesima generazione o Microsoft SQ 3 e fotocamere di alta qualità, ideale per esigenze professionali e creative.

Microsoft Surface Pro 9 è un dispositivo 2-in-1 che combina le funzionalità di un tablet e di un laptop, offrendo versatilità e potenza per soddisfare sia le esigenze professionali che quelle creative. Grazie al suo design elegante e alla sua straordinaria portabilità, Microsoft Surface Pro 9 è l'ideale per coloro che cercano un dispositivo con prestazioni elevate senza compromessi. Microsoft Surface Pro 9 è estremamente sottile e leggero, con un peso di soli 879 grammi e uno spessore di 9,35 mm, caratteristiche che lo rendono facile da trasportare e comodo da utilizzare in qualsiasi situazione. Il dispositivo è dotato di un display PixelSense Flow da 13 pollici con risoluzione di 2880 x 1920 pixel, che offre immagini nitide e colori vivaci. Microsoft Surface Pro 9 è alimentato da processori Intel Core di dodicesima generazione (o processore Microsoft SQ 3 realizzato in collaborazione con Qualcomm) e dispone di una vasta gamma di opzioni di connettività, tra cui Wi-Fi 6E, Bluetooth 5.1 e porte USB-C. Inoltre, il dispositivo è dotato di una fotocamera posteriore da 10 MP e una fotocamera frontale, che permettono di scattare foto di alta qualità e effettuare videochiamate in alta definizione.

5. Apple MacBook Pro 16" M3

Immagine di Apple MacBook Pro 16" M3

Il migliore con macOS

Il MacBook Pro 16" con chip M3 si distingue per prestazioni eccezionali, efficienza energetica, qualità del display e costruzione robusta, rendendolo ideale per professionisti e utenti esigenti nel mondo dei portatili macOS.

Apple MacBook Pro 16" con chip M3 rappresenta un notevole passo avanti nel panorama dei computer portatili macOS, connotato da una serie di caratteristiche tecniche avanzate che lo rendono ideale per un ampio spettro di utenti, soprattutto professionisti e utenti avanzati. La caratteristica più distintiva di questo modello è il suo chip M3, disponibile nelle versioni M3 Pro e M3 Max. Queste varianti del chip offrono prestazioni eccezionali, con il modello M3 Max che vanta fino a 16 core per la CPU e fino a 40 core per la GPU. Questa potenza di elaborazione lo rende particolarmente adatto per compiti intensivi come l'editing video e la grafica 3D. Inoltre, la grande flessibilità nelle configurazioni di memoria e archiviazione, con opzioni che raggiungono i 128GB di RAM nel modello M3 Max, assicura una gestione fluida del multitasking e delle applicazioni più esigenti.
Il display Retina del MacBook Pro è un altro punto di forza, offrendo immagini nitide e colori vividi, ideali per professionisti della grafica, del design e della fotografia. La qualità del display è cruciale per queste professioni, in quanto una riproduzione fedele del colore e una risoluzione elevata sono essenziali per il lavoro di precisione.