Software

Altre novità di Firefox 4?

Pagina 4: Altre novità di Firefox 4?

Altre novità di Firefox 4?

Firefox Sync

Firefox 4 permette di sincronizzare i dati da differenti installazioni di Firefox su sistemi separati. Questa capacità è simile alla sincronia di Google Chrome, a Opera Link o alla popolare estensione XMarks. Diamo uno sguardo ai servizi di sincronia dei tre browser:

  Chrome Sync Firefox Sync Opera Link
Piattaforme Windows, Mac OS X, Linux Windows, Mac OS X, Linux, Android, iOS Windows, Mac OS X, Linux, Android, iOS
Dati sincronizzati

App, Autocompletamento, Preferiti, Estensioni, Password, Preferiti e temi

Preferiti, Password, Preferenze, Cronologia e schede

Preferiti, Barra dei segnalibri, cronologia parole ricercate, Speed Dial, Note, Motori di ricerca e regole per bloccare contenuti

Sicurezza Password Password e codice di attivazione o chiave di decodifica Password
Uso della sincronia Installazioni multiple Chrome Installazioni multiple di Firefox, con accesso fisico a una macchine sincronizzata o a un file usato come chiave crittografica.  Installazioni multiple Opera

Osservando la tabella, Chrome e Opera offrono più  caratteristiche di Firefox, quanto a dati sincronizzati. Le applicazioni  però sono un elemento unico di di Chrome e Chrome OS, quindi non si possono considerare elementi chiave del browser. Similmente, Opera Notes è una caratteristica unica di Opera – che si può aggiungere agli altri browser con un’estensione. Segnalare sia i Preferiti che la Barra dei Segnalibri – nel caso di opera – è infine una scelta ridondante. 

La cronologia dei termini di ricerca a lo “speed dial” sono sostanzialmente porzioni di cronologia, quindi la comparazione con Opera va ridimensionata in favore di Firefox. Rispetto a Chrome, l’unico elemento davvero determinante è la possibilità di sincronizzare anche le estensioni, che sfida in modo più o meno diretto quella di sincronizzare le schede offerta da Firefox.

La sicurezza percepita è molto più forte con Firefox Sync, che si basa sulla decodifica di un file per l’attivazione. Questa scelta però rende il browser Mozilla più complesso da usare, e dà la vittoria a Chrome e Opera, che si “accontentano” di una password. 

In generale tuttavia Firefox Sync è il migliore. Offre il supporto multi-piattaforma di Opera, le funzionalità competitive di Chrome e una sicurezza maggiore. L’unico svantaggio reale di Firefox Sync è il fastidio aggiunto richiesto per configurarlo e la mancanza di sincronia per gli add-on.

Sotto la scocca

Firefox 4 integra la seconda versione del motore open source Gecko. È il cuore di Firefox, SeaMonkey ed Epiphany, solo per nominare alcuni dei browser che lo usano. Inoltre fa la sua comparsa il motore JavaScript JaegerMonkey. Come affermato in precedenza, HTML5 e WebGL sono entrambi supportati dalla nuova versione.

Generalmente Firefox 4 sembra più una piattaforma di browsing Web che un browser tradizionale. L’UI è sufficientemente minimalista, senza relegare i controlli più usati in menù nascosti. Il nuovo menù di Firefox consolida tutte le altre funzionalità in un unico posto. La barra di ricerca è ancora presente se volete, ma la barra degli indirizzi può fare il doppio compito. 

Malgrado il cambiamento, le toolbar sono ancora completamente personalizzabili e l’interfaccia utente in vecchio stile si può riattivare. Firefox è ora “cloud-friendly” grazie a Firefox Sync e la gestione delle schede è fenomenale. Ma con tanta attenzione a nuove caratteristiche e cambiamenti drastici nel design, come si comporta durante l’uso? Andiamo a scoprirlo.