Case e PC Completi

Asus Mini PC PB50, mini PC per il lavoro d’ufficio | Recensione

I mini PC non sono certo una novità: ci accompagnano ormai da diversi anni e spesso li troviamo negli uffici o sotto le scrivanie delle reception, luoghi dove per necessità di diverso tipo si tende a preferirli ai sistemi desktop classici, decisamente più ingombranti. Oggi parliamo dell’Asus Mini PC PB50, una macchina che rientra nella categoria dei mini PC e che ha tutte le carte in regola per essere un ottimo PC “da ufficio”, nel vero senso del termine.

L’Asus Mini PC PB50, come ogni membro che si rispetti della categoria, è piccolo: misura 175 x 175 x 34,2 mm e può essere montato in verticale o su supporti VESA grazie alla compatibilità con lo standard VESA 100 x 100, caratteristiche che lo rendono posizionabile praticamente ovunque. Il design inoltre è modulare e permette di aggiungere altri moduli, come un’unità ottica, semplicemente inserendo due viti e “agganciandoli” sopra.

La scocca è in metallo e può essere rimossa facilmente. All’interno troviamo un processore AMD Ryzen 5 3550H, due slot SO-DIMM DDR4 che supportano un massimo di 32GB di RAM, slot M.2-2280 e slot 2,5″ per HDD o SSD SATA. Il modello che abbiamo ricevuto era equipaggiato con 8GB di RAM.

L’Asus Mini PC PB50 offre poi connettività Wi-Fi 5 e Bluetooth 4.0, LAN Gigabit, due DisplayPort (una può essere personalizzata in fase di configurazione tra DP, VGA o COM), una HDMI e ben sette porte USB: due USB 3.1 Gen2 tipo A sul retro, quattro USB 3.1 Gen1 tipo A di cui una con supporto alla ricarica rapida e una USB 3.1 Gen2 tipo C. Sul davanti abbiamo anche due jack da 3,5mm, dedicati a cuffie e microfono. Sul lato è poi presente un connettore d’espansione che sembra un PCIe x8; il modello di fascia superiore PB60G supporta la connessione di schede Quadro tramite questa interfaccia, quindi presumiamo che abbia uno scopo simile.

Esperienza d’uso

Abbiamo usato l’Asus Mini PC PB50 per diversi giorni, svolgendo la nostra classica attività editoriale. I software più usati sono Google Chrome, Microsoft Office (principalmente Word ed Excel) e Photoshop; nel complesso il mini PC riesce a gestire i carichi di lavoro abbastanza bene, al netto di qualche rallentamento sporadico con il software di Adobe. 8GB di RAM sono quasi sempre sufficienti per il nostro utilizzo, ma tenere aperti contemporaneamente Photoshop, Excel e Chrome con diverse schede mettono in difficoltà la macchina, costringendoci a chiudere uno dei software.

L’APU AMD Ryzen 5 3550H garantisce prestazioni sufficienti nella maggior parte dei casi, permettendoci di lavorare senza difficoltà nel corso della giornata. Abbiamo notato qualche piccola incertezza solamente durante l’uso di Photoshop, ma nulla che impedisca di usare il programma per effettuare delle piccole correzioni e modifiche alle foto.

Verdetto

L’Asus Mini PC PB50 gestisce senza difficoltà tutti i carichi “da ufficio” più comuni, come navigazione web, gestione documenti e invio e ricezione email, inoltre supporta fino a tre monitor esterni consentendo di massimizzare la produttività e di visualizzare senza problemi anche i file Excel più grandi. A conti fatti, il mini PC di Asus è una buona soluzione per chiunque abbia problemi di spazio o altre esigenze che impediscono l’uso di un PC fisso tradizionale, decisamente più ingombrante. Abbiamo apprezzato molto la facilità d’accesso ai componenti interni come RAM, SSD M.2 e slot 2,5″, che consente di effettuare upgrade senza difficoltà.

Ci lascia invece qualche dubbio il prezzo, pari a 509 euro per la configurazione con Ryzen 5 3550H, 8GB di RAM e SSD da 128GB; per una cifra simile è possibile acquistare dei notebook con prestazioni equivalenti o perfino superiori, che in più offrono un sistema “tutto in uno” con schermo e batteria integrati. In conclusione, se non usate software particolarmente impegnativi e state cercando una soluzione estremamente compatta da posizionare in un armadio, dietro al monitor o perfino in un cassetto della scrivania, potreste valutare l’acquisto di questo Asus Mini PC PB50. Se invece non avete esigenze così specifiche e pensate che anche un notebook possa fare al caso vostro, vi consigliamo di optare per quest’ultimo: se avete un budget limitato, date un’occhiata alla nostra guida ai migliori notebook sotto i 500 euro, troverete sicuramente la soluzione giusta per voi.

Asus Mini PC PB50


L'Asus Mini PC PB50 è una buona soluzione per chi non ha la possibilità di usare un PC fisso tradizionale, che sia per problemi di spazio o esigenze di altro genere. Sfrutta un hardware da notebook e per questo consuma poco, è silenzioso e non scalda, pur riuscendo a offrire prestazioni sufficienti per portare a termine i principali carichi "da ufficio", come navigazione web, videochiamante e gestione di documenti e mail. L'interno è facilmente accessibile ed è possibile sostituire Hard Disk da 2,5", SSD M.2 e RAM SO-DIMM senza troppe difficoltà. Il prezzo, di 509 euro per la versione con Ryzen 5 3550H, 8GB di RAM e SSD da 128GB, risulta leggermente elevato.

Pro

  • Compatto
  • Tante USB
  • Silenzioso
  • Facile da aggiornare

Contro

  • Prezzo