Tom's Hardware Italia
Software

Chrome, Google vuole bloccare le pubblicità che usano troppe risorse hardware

Google Chrome non caricherà le pubblicità pesanti che fanno un uso delle risorse di calcolo troppo elevato.

Il team di Google Chrome sta lavorando a una nuova funzionalità che impedirà di caricarsi in maniera automatica gli annunci invasivi che incidono troppo sulle risorse del PC, in modo da ridurre l’impatto del browser sulla CPU e sulla larghezza di banda.

Attualmente la nuova feature non carica le pubblicità che sono “nell’ordine dello 0,1% di uso della banda, 0,1% dell’utilizzo della CPU e 0,1% del tempo complessivo della CPU”. Attualmente i numeri sono “di 4 MB di traffico di rete e 60 secondi di CPU, ma potrebbero essere modificati quando avremo più dati a disposizione”, dicono gli ingegneri di Google.

John Delaney ha definito questa funzionalità “Heavy Ad Intervention” spiegando che Chrome caricherà un messaggio di errore al posto dell’annuncio che verrà invece completamente bloccato e non sarà visibile. Tra i messaggi che compaiono al momento troviamo “Annuncio rimosso” e “Questo annuncio utilizza troppe risorse per il tuo dispositivo”.

Questo cambiamento rientra tra le misure intraprese da Big G per rendere gli annunci meno lesivi dell’esperienza d’uso del proprio browser a partire dalla versione 71. Nella blacklist infatti rientrano gli annunci che promuovono malware, che hanno aree nascoste, che usano puntatori del mouse “falsi”, reindirizzamenti non interattivi, che contengono messaggi ed avvisi falsi, usano campagne di pishing, o che comunque hanno comportamenti ingannevoli.

Per il filtro degli annunci, Chrome segue gli standard Better Ads. L’azienda ha inoltre annunciato che Google AdSense avviserà tutti i proprietari dei siti dei cambiamenti che saranno applicati al browser, in modo da poter capire se i loro annunci sono conformi agli standard Better Ads oppure vanno rivisti.

Oltre all’esperienza d’uso, Google sta sviluppando una serie di misure per aumentare la sicurezza durante la navigazione tramite il proprio browser. Da gennaio infatti gli sviluppatori di Chromium lavorano al supporto per il blocco dei download generati dagli iframe dei siti, una delle tecniche più usati per caricare i malware nei PC vulnerabili anche senza l’interazione da parte dell’utente.

Google ha definito il blocco automatico dei download generati dagli iframe “una vittoria per la sicurezza, dal momento che i download sono un veicolo per le vulnerabilità nella maggior parte dei casi”. Per l’introduzione di queste feature bisognerà aspettare ancora qualche tempo, ma chi volesse può già proteggersi bloccando manualmente l’esecuzione dei JavaScript dalle impostazioni del browser ed evitando i siti poco attendibili.