Alimentatori

Comparativa: dodici alimentatori per videogiocatori

Pagina 1: Comparativa: dodici alimentatori per videogiocatori

Introduzione

In questo articolo trattiamo alcuni alimentatori sviluppati specificatamente per una fascia ben precisa di utenti: i videogiocatori. Sono veramente differenti rispetto ad altri modelli, o è solo un appellativo usato dai dipartimenti marketing per vendere di più? Per rispondere a questa domanda, abbiamo messo a confronto 12 modelli differenti.

Nuovi test: rumorosità e stabilità dell’onda

Abbiamo deciso di includere test su rumorosità – prodotta dalla ventola dell’alimentatore stesso – e ripple (stabilità dell’onda elettrica) nella nostra recensione di alimentatori, in modo da evidenziare alcune differenze che dovrebbero rendere più semplice trarre conclusioni sulla qualità elettrica di un alimentatore, specialmente quando si tratta di unità ad alte prestazioni. Come vedrete, quest’articolo mostrerà che non tutti i produttori hanno fatto bene il loro lavoro, e che alcuni non hanno soddisfatto le nostre attese – o le specifiche stesse del prodotto.

Il nuovo test ci serve quindi per determinare la precisione dell’alimentatore nel creare un’uscita in corrente continua stabile. La funzione di un alimentatore infatti è quella di trasformare l’elettricità in Corrente Alternata (AC) – che arriva dalla presa a muro – in Corrente Continua (DC o CC). La corrente in uscita può avere diversi livelli di qualità, e il parametro più significativo è la sua stabilità nel tempo.

La correzione e stabilizzazione del segnale è affidata a circuiti di diodi e condensatori. In base alla qualità di questi elementi il segnale è più o meno disturbato, e l’onda elettrica è più o meno stabile (ripple).

Il disturbo, secondo le specifiche ATX, non deve superare i 120 mV per linee da 12 volt.  Per tutti gli altri voltaggi il limite è 50 mV. Il primo criterio di scelta è quindi relativo a un alimentatore che rispetta questi limiti.

Nota: per evitare confusioni e ambiguità in questo articolo usiamo i termini rumore e rumorosità per descrivere i decibel prodotti dall’alimentatore. Per il fenomeno elettrico invece usiamo il termine disturbo.

Molti concorrenti

Per questo test abbiamo chiesto ai produttori d’inviarci i loro prodotti destinati ai videogiocatori, senza fornire nessun criterio specifico. Perciò in questa recensione troviamo un’ampia rappresentanza delle soluzioni sul mercato, con ben 12 modelli.

Parliamo di soluzioni che vanno da 580 a 850 watt, con certificazioni d’efficienza da 80 PLUS a 80 PLUS Gold. Anche i prezzi naturalmente sono molto vari: si parte da circa 90 euro  a oltre il doppio. Quanto ai marchi, vedremo all’opera prodotti di Antec, Chieftec, Cooler Master, Corsair, Cougar, Enermax, Seasonic, Be Quiet!, NZXT, OCZ e Sparkle.

Pagina 1: Comparativa: dodici alimentatori per videogiocatori

Indice