Software

Google Chrome mostrerà codici di errore come le BSOD di Windows

Google Chrome mostrerà codici di errore, simili a quelli visti nelle “schermate blu della morte” (BSOD) di Windows, che segnalano il crash del sistema operativo. L’idea è di fornire agli utenti Chrome un codice che possano cercare online per capire il motivo dei vari arresti anomali.

I lavori su questa nuova funzione sono iniziati a novembre dell’anno scorso e i codici di errore sono già in fase di test nelle attuali versioni di Chrome Canary (v81). I codici di errore saranno visualizzati nella cosiddetta “scheda triste”, nota anche come pagina “Aw, Snap!”, visualizzata da Chrome in caso di arresto anomalo di una scheda (tab).

Attualmente ci sono 137 codici di errore configurati in Chrome, secondo il codice sorgente del progetto Chromium. Tutti i codici di errore sono elencati qui e trattano una vasta gamma di bug, che vanno dalle schede prive di accesso alle risorse hardware appropriate ai problemi con la sandbox di sicurezza di Chrome e problemi causati dal sistema operativo sottostante.

Se volete fare dei test per far emergere i codici di errore, potete aprire Chrome Canary e digitare chrome:// crash o chrome://kill per innescare crash della scheda. Questa funzione è attualmente in fase di test su Chrome v81, ma non sappiamo ancora se sarà disponibile sulla stessa versione finale di Chrome.

Detto questo, i codici di errore dovrebbero essere permanenti nelle future versioni di Chrome. Questa feature è stata proposta da Eric Lawrence, un ingegnere  che lavora al nuovo browser Edge basato su Chromium di Microsoft, per cui è plausibile che venga implementata anche negli altri browser basati su Chromium, tra cui Brave, Opera e Vivaldi.