Schede Grafiche

I prezzi delle schede video iniziano a scendere: un ritorno alla normalità?

Il 21 e 22 giugno ci sarà l’Amazon Prime Day, due giorni ricchi di offerte e sconti a tempo limitato! Per non perderne nemmeno una, date uno sguardo alla nostra pagina dedicata

Secondo ComputerBase, i prezzi delle schede grafiche hanno iniziato a scendere fino al 50% in Europa. Anche la disponibilità è migliorata in modo significativo, con le vendite della maggior parte dei modelli di GPU sia di AMD che di Nvidia che sono raddoppiate di mese in mese. Questo rapporto arriva sulla scia di quanto affermato da ASRock, un produttore di GPU, che sta osservando una diminuzione dei prezzi delle GPU man mano che la domanda da parte dei minatori di criptovaluta cinesi diminuisce.

Schede più orientate al budget come Nvidia GeForce RTX 3060 e AMD Radeon RX 6700 XT stanno vedendo i risultati più positivi, con un calo del prezzo di quasi il 50% rispetto al mese scorso. Per le schede di punta come RTX 3080 e RX 6800 XT, tuttavia, i prezzi non si sono mossi così tanto. Hanno abbassato un rispettabile 10-15% che è lo stesso un cambiamento molto positivo, considerando i problemi di carenza che affliggono l’industria tecnologica.

Negli Stati Uniti, i prezzi delle GPU stanno lentamente raggiungendo l’Europa, ma continuano comunque a scendere. Un utente di Reddit chiamato “u/xclm” ha creato un grafico che confronta i prezzi delle GPU vendute su eBay nell’ultimo mese con la quantità di potenza di mining di cui sono capaci. Ha scoperto che i prezzi stanno scendendo ragionevolmente, con un calo del prezzo medio del 20% per tutte le schede video rispetto a maggio, e le GPU più performanti come l’RTX 3090 hanno visto un calo ancora maggiore: del 32%.

Photo: Reddit

Questo cambiamento nel comportamento del mercato è principalmente attribuito alla decisione della Cina e al forte calo del valore di grandi criptovalute come Ethereum e Bitcoin. La situazione ha ridotto la domanda da parte dei minatori e allo stesso tempo sta costringendo i minatori a vendere grandi lotti di schede grafiche. Si tratta di una grande differenza rispetto al primo trimestre dell’anno, quando secondo quanto riferito 700.000 GPU sono state spedite ai cryptominer.

Sembra che, finalmente, la carenza di schede grafiche stia vedendo la fine dei suoi giorni visto che i prezzi delle GPU europee e americane iniziano a scendere. Ovviamente non ci si deve aspettare un ritorno alle origini in poco tempo, ma è comunque un buon segnale. Si spera che più persone saranno in grado di ottenere schede grafiche a prezzi più ragionevoli.