Tom's Hardware Italia
Mac

Mac Pro con Pro Display XDR, Apple pensa ai professionisti

Alla WWDC 2019 Apple ha presentato il nuovo Mac Pro accompagnato da uno schermo chiamato Pro Display XDR. Un sistema da sogno per i professionisti delle immagini.

Apple ha presentato il nuovo Mac Pro, un sistema desktop dedicato ai professionisti che lavorano nell’ambito della creatività, da chi opera con le immagini per passare ai film, fino ad arrivare alla musica. A questo sistema l’azienda ha abbinato il nuovo schermo chiamato Pro Display XDR.

Dopo anni di richieste, Apple ha esaudito le preghiere di un rinnovamento del sistema, che si presenta con un processore Intel Xeon fino a 28 core, accompagnato da un sistema di raffreddamento capace di gestire 300 watt, e un comparto grafico firmato da AMD.

Il sistema può offrire fino a 1,5 TB di RAM (12 slot DIMM) e mette a disposizione otto slot di espansione PCI Express – quattro dual slot, tre single slot e una scheda di I/O con due porte Thunderbolt 3 e due USB Type A, oltre a un jack per le cuffie. Per alimentare tutta la configurazione Apple ha scelto un alimentatore da 1400 watt.

La casa di Cupertino ha anche annunciato Apple Afterburner, una scheda acceleratrice che permette di riprodurre tre flussi video ProRes RAW 8K simultaneamente.

Dal punto di vista del design, il nuovo Mac Pro si presenta con un telaio in acciaio inossidabile e un case completamente in alluminio che si può rimuovere interamente per accedere all’hardware interno. Non manca una maniglia per spostare facilmente il computer e opzionalmente ha anche le rotelle.

Dato l’hardware, Apple ha curato anche il sistema di raffreddamento, installando tre ventole frontali a cui si aggiunge una ventola interna per agevolare la fuoriuscita del flusso d’aria – tramite feritoie presenti in tutta la parte posteriore. I clienti che vogliono montare il Mac Pro in un rack avranno a disposizione una versione dedicata a tale scopo in autunno.

La caratteristica più interessante prende però il nome di Apple MPX Module, che è il nuovo connettore che fonde un PCIe x16, DisplayPort e alimentazione insieme a un heatsink per la dissipazione.

Le opzioni grafiche del nuovo Mac Pro partono dalla Radeon Pro 580X, ma c’è anche una Radeon Pro Vega II con una potenza di calcolo di 14 teraflops e 32 GB di memoria con un 1 TB/s di bandwidth di memoria.

Il nuovo Mac Pro introduce anche una Radeon Pro Vega II Duo, che ha due GPU Vega II per una potenza grafica di 28 teraflops e 64 GB di memoria. Il Mac Pro può ospitare due moduli MPX in modo da consentire agli utenti del Mac Pro di usare due Vega II Duo per arrivare a ottenere 56 teraflops di potenza grafica e 128 GB di memoria grafica.

Per quanto riguarda Apple Afterburner, si tratta di un ASIC programmabile che può decodificare fino a 6,3 miliardi di pixel al secondo. Con Afterburner i professionisti possono usare i formati nativi delle videocamere/fotocamere e decodificare fino a tre flussi di video 8K ProRes RAW e 12 flussi 4K ProRes RAW in tempo reale.

In abbinamento al Mac Pro ecco Pro Diplay XDR: si tratta di uno schermo LCD da 32 pollici con un pannello a risoluzione 6016 x 3384 pixel (Retina 6K) capace di mostrare oltre 20 milioni di pixel. Pro Display XDR supporta pienamente il color gamut P3 wide e il pannello a 10 bit mostra oltre 1 miliardo di colori.

Secondo Apple il polarizzatore interno garantisce un colore accurato in ogni situazione e angoli di visione. Per gestire i riflessi di luce, il Pro Display XDR ha una copertura anti riflesso e offre una nuova opzione opaca chiamata nano-texture, con il vetro intagliato a livello nanometrico per una riflettività più bassa e meno bagliori.

Il sistema diretto di retroilluminazione con un ampio insieme di LED può produrre 1000 nits sull’intero schermo e 1600 nits di picco. Apple assicura che lo schermo garantisce questi valori sempre grazie a un sistema di raffreddamento che permette all’intera scocca posteriore di dissipare il calore. Il rapporto di contrasto indicato è pari a 1.000.000:1.

Oltre alle cornice da 9 millimetri, questo Pro Display XDR è accompagnato da Pro Stand, un braccio che permette di controllare precisamente il posizionamento dello schermo, che si può posizionare anche in modalità ritratto. Apple offre anche un adattatore VESA intercambiabile con il Pro Stand. Un singolo cavo Thunderbolt 3 permette di collegare il monitor a Mac e Mac Pro, per un totale di sei monitor in cascata.

Arriviamo ai prezzi: il nuovo Mac Pro parte da 5999 dollari con disponibilità in autunno. Si parla di un modello con Xeon W a 8 core a 3,5 GHz, SSD da 256 GB, Radeon Pro 580X e 32 GB di memoria.

Pro Display XDR parte da 4999 dollari. Pro Stand costa 999 dollari e infine per l’adattatore VESA servono 199 dollari.