Tom's Hardware Italia
Computer Portatili

Nokia, cellulare e walkie talkie

Dopo i display a colori, le cam e i giochini in Java, l’ultimo must in fatto di telefonini potrebbe presto diventare il push-to-talk, un concetto che Nokia si prepara ad introdurre per prima sul mercato con il lancio del nuovo modello di cellulare GSM/GPRS/EDGE 5140 previsto per l’anno prossimo. La tecnologia push-to-talk, sviluppata dal gigante […]

Dopo i display a colori, le cam e i giochini in Java, l’ultimo must in fatto
di telefonini potrebbe presto diventare il push-to-talk, un concetto che Nokia
si prepara ad introdurre per prima sul mercato con il lancio del nuovo modello
di cellulare GSM/GPRS/EDGE 5140 previsto per l’anno prossimo.

La tecnologia push-to-talk, sviluppata dal gigante finlandese insieme a Ericsson
e Siemens, trasforma un telefono GSM/GPRS in una sorta di walkie talkie. Attraverso
un’apposita funzione è infatti possibile chiamare una o più persone
semplicemente tenendo premuto un tasto posizionato di lato: proprio come succede
con una ricetrasmittente radio, la comunicazione avviene in modalità
half duplex e, pertanto, può parlare solo una persona alla volta.

Il push-to-talk è di fatto un’implementazione della tecnologia Voice
over IP (VoIP) applicata alle trasmissioni a pacchetto GPRS: il suo più
grande vantaggio, oltre alla possibilità di chiamare istantaneamente
gruppi di persone, è proprio quella di sfruttare le tariffe che gli operatori
applicano alle connessioni dati, tipicamente più convenienti di quelle
in vigore per le chiamate vocali.

Nokia ha anticipato che per il 2005 tutti i propri modelli di telefoni cellulari
GSM/GPRS e 3G supporteranno la funzionalità push-to-talk.