Tom's Hardware Italia
Schede Grafiche

Ampere, una GPU Nvidia a 7 nanometri alla GTC 2019?

Nvidia potrebbe presentare alla GTC 2019 la nuova architettura Ampere a 7 nanometri per il mondo del machine learning e dell'intelligenza artificiale.

Secondo Tweaktown tra le tante novità della GPU Technology Conference (GTC) 2019 (17 – 21 marzo) potrebbe esserci Ampere, nome in codice di una nuova architettura di calcolo prodotta con processo a 7 nanometri.

Dato che da qualche anno a questa parte l’argomento centrale della conferenza sono i progressi nel mondo del machine learning e dell’intelligenza artificiale, Ampere dovrebbe rappresentare, secondo le indiscrezioni, il dopo Volta, l’architettura a bordo delle GPU delle schede acceleratrici Tesla svelata alla GTC 2017.

Sembra invece del tutto prematuro aspettarsi un passaggio ai 7 nanometri in ambito gaming, dove le attuali GPU Turing a 12 nanometri non hanno avversari degni di nota in attesa di vedere che cosa proporrà AMD con le soluzioni Navi. Nvidia sta inoltre procedendo al completamento della gamma con le soluzioni GeForce GTX 16xx, quindi non ha necessità di accelerare.

L’arrivo di una nuova architettura dopo Volta è abbastanza scontato, dato che ormai sono passati due anni dal suo debutto. E anche se Nvidia è ancora la prima forza nel settore dell’IA per quanto concerne le GPU, AMD ha introdotto da qualche tempo le Radeon Instinct MI60 e MI50 con GPU Vega 20 a 7 nanometri, rendendosi più competitiva.

Come ormai noto, Intel entrerà nel settore nel 2020 con una propria GPU, quindi l’azienda è chiamata a un’ulteriore accelerazione.

Vedremo come sarà la prima GPU Ampere di Nvidia. Il GV100 della Tesla V100 è un mostro da 815 mm2 al cui interno ci sono 21 miliardi di transistor prodotti da TSMC con processo 12 nm FFN. Nvidia dichiarò di aver investito qualcosa come 3 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo per creare l’architettura Volta e la GPU GV100.

Da Ampere è lecito aspettarsi un ulteriore incremento nel numero dei Tensor Core e delle risorse di calcolo, mentre i 7 nanometri dovrebbero aiutare a contenere i consumi. Queste ovviamente sono ipotesi, non ci resta che attendere qualche giorno per saperne di più, sempre che Ampere sarà effettivamente al centro della scena.

Da non dimenticare che Nvidia arriva alla conferenza con in tasca l’acquisto di Mellanox, un acquisto funzionale a supportare al meglio la potenza di calcolo delle proprie GPU in ambito HPC con interconnessioni sempre più veloci.