Software

Presto Google Chrome sarà in grado di raggruppare le schede automaticamente

Una nuova funzione del browser Google Chrome, che permette di riunire le varie schede aperte in gruppi diversi per essere facilmente ritrovate e migliorare il flusso di lavoro, è arrivata la scorsa settimana per tutti gli utenti, dopo lunghe settimane di test sui canali di sviluppo Beta e Canary. Nelle prossime versioni il software potrebbe imparare a gestire automaticamente questi gruppi.

Il raggruppamento delle schede aperte su Chrome è sicuramente una delle funzioni più attese dagli utenti e renderà più facile la vita di quelle persone che aprono dozzine di pagine web diverse mentre navigano il World Wide Web.

Google Chrome copertina

Cliccando con il tasto destro su una scheda, infatti, ora è possibile inserire tale scheda in un gruppo del quale è possibile scegliere colore e nome in modo che sia facilmente distinguibile dagli altri. I vari gruppi possono essere gestiti come fossero una singola scheda, facilitando l’ordinamento delle pagine web aperte.

Al momento è necessario creare questi gruppi manualmente, selezionando scheda per scheda i componenti dei vari raggruppamenti, in futuro la questione potrebbe però cambiare. In uno dei prossimi aggiornamenti Google ha infatti intenzione di inserire in Chrome una funzione di raggruppamento automatico delle schede.

Facendo un esempio, se vi trovaste sulla nostra bellissima home page e da li apriste alcuni articoli per la lettura, il browser si accorgerebbe che tali pagine hanno in comune lo stesso dominio di partenza e quindi le unirebbe sotto lo stesso gruppo. Comodo, no?

Google Chrome flags

La funzione è attualmente visibile nella lista dei flag del browser ed è chiamata Tab Groups Auto Create in Chrome Canary 87.0.4266.0, ma al momento non sta ancora funzionando. Non sappiamo in quale numero di versione Google intenda rilasciare la comoda funzione ma sicuramente non dovrebbe mancare molto.

ADATA XPG ASX8200PNP-512GT-C SX8200 PRO da 512GB è in offerta su Amazon a meno di 80 euro, non fartela scappare!