CPU

Recensione Intel Core i7-6950X, 6900K, 6850K e 6800K

Pagina 1: Recensione Intel Core i7-6950X, 6900K, 6850K e 6800K

Introduzione

Intel ha presentato l’architettura Core di sesta generazione, nome in codice Skylake, lo scorso agosto. Il predecessore di quel progetto, Broadwell, giunse nel settore desktop due mesi prima. Non ricordiamo un momento nella storia di Intel in cui un’intera famiglia di prodotto è stata sostituita così rapidamente.

core i7 front back

I processori Broadwell Core i7-577C e Core i5-5675C non avevano difetti o altro, ma non erano configurati in modo ottimale per rimpiazzare le popolari CPU Devil’s Canyon di Intel, che gli appassionati avevano acquistato nella speranza di spingere l’architettura Haswell a 5 GHz. Piuttosto che enfatizzare le prestazioni di calcolo, i chip Broadwell recensiti lo scorso giugno mettevano al centro la grafica.

core i7 threequarters

La GPU Iris Pro Graphics 6200 al loro interno offriva frame rate giocabili in molti titoli popolari a 1920×1080, battendo anche le APU più veloci di AMD. I core IA di Broadwell, con frequenze inferiori ai Core i7-4790K e Core i5-4690K, spesso non offrivano le prestazioni previste. Non c’è da stupirsi quindi del rapido arrivo di Skylake sul mercato.

Architettura Desktop Enthusiast/Workstation Differenza in mesi
Sandy Bridge gennaio 2011 novembre 2011 10
Ivy Bridge aprile 2012 settembre 2013 16
Haswell giugno 2013 Agosto 2014 15
Broadwell giugno 2015 giugno 2016 13
Skylake Agosto 2015 TBD

Sapevamo però che avremmo nuovamente incontrato Broadwell. C’è una tempistica piuttosto prevedibile da quando Intel svela una nuova architettura e quando quel design viene adattato al mondo dei server e delle workstation. Perciò, quando abbiamo provato lo Xeon E5-2600 v4 basato su Broadwell-EP, sapevamo che una versione a singolo socket per appassionati e workstation era dietro l’angolo.

core i7 box front

Oggi l’azienda presenta non tre ma quattro processori Broadwell-E. Il processore di punta costa 1723 dollari, ben di più dei 1000 dollari a cui ci eravamo abituati. Non ci aspettiamo che si questo il modello su cui la maggior parte degli appassionati metterà gli occhi. Diamo un’occhiata all’intera offerta Broadwell-E per determinare se ha senso abbandonare le soluzioni Haswell-E.