Tom's Hardware Italia
CPU

Ryzen 5 3600X – Recensione


AMD Ryzen 5 3600X
Socket
AM4
Thread
6 - 12
Boost
3,8 GHz - 4,4 GHz
TDP
95 watt
Processo produttivo
7 nm
Test del Ryzen 5 3600X, processore con 6 core e 12 thread di AMD. Realizzato a 7 nanometri, punta a colmare il divario prestazionale con Intel .

Nelle scorse settimane abbiamo recensito il Ryzen 9 3900X, attuale top di gamma dell’offerta Ryzen 3000 di AMD, e il Ryzen 7 3700X, processore dall’indubbio fascino che mette insieme 8 core e 16 thread. L’offerta della casa di Sunnyvale è però decisamente più ampia e contempla, come nelle due passate generazioni, anche dei processori con 6 core e 12 thread.

Ryzen 5 2600 e 1600 hanno riscosso un ottimo successo negli anni passati, come processori dall’ottimo rapporto tra prestazioni e prezzo indirizzati in particolar modo alla schiera dei videogiocatori. I nuovi Ryzen 5 3600X e 3600 sembrano aver tutte le carte in regola per replicare quel successo.

AMD Ryzen 5 3600X

In questa recensione vediamo come si comporta il Ryzen 5 3600X, in vendita attualmente a circa 279 euro. Come detto è un processore a 6 core e 12 thread, che opera a una frequenza base di 3,8 GHz e raggiunge un boost massimo di 4,4 GHz. A bordo troviamo 3 MB di cache L3 e ben 32 MB di cache L3, per un totale di 35 MB di GameCache, come è stata ribattezzata da AMD.

Il moltiplicatore è sbloccato come su tutti i Ryzen e il processore conserva il design del Ryzen 7 3700X: sul package abbiamo infatti un I/O die realizzato a 12 nanometri, da cui dipartono tutte le interconnessioni verso la motherboard e i vari collegamenti intra-chip. Accanto all’I/O die c’è il chiplet a 7 nanometri, dove risiedono i core. Ogni chiplet ha due CCX quad-core, per un totale di otto core, ma in questo caso quelli attivi sono solo sei. Non è presente una GPU integrata, riservata solo alle APU Ryzen 5 3400G e Ryzen 3 3200G.

Il processore è dotato di un controller di memoria dual-channel DDR4-3200 e ha un TDP di 95 watt. In bundle AMD offre il dissipatore Wraith Spire, che fa un buon lavoro nel farlo funzionare al meglio. Come gli altri processori Ryzen 3000, il processore offre 24 linee PCI Express 4.0 totali, 16 destinate alla grafica (suddivisibili in x8/x8) e 8 generali.

AMD Ryzen 5 3600X

Quattro di queste sono dedicate al collegamento con il chipset, mentre le altre quattro supportano alcune configurazioni: un SSD NVMe PCIe 4.0 x4, oppure due unità SATA e un SSD NVMe x2, oppure due SSD NVMe x2. La CPU supporta inoltre 4 connessioni USB 3.2 Gen2.

Processori AMD a 6 core della famiglia Ryzen 3000
AMD Ryzen 5 3600 AMD Ryzen 5 3600X
Architettura Zen 2 Zen 2
Nome in codice Matisse Matisse
Numero core / thread 6 / 12  6 / 12
Freq. base 3,6 GHz 3,8 GHz
Freq. Boost 4,2 GHz 4,4 GHz
Cache L2 3 MB 3 MB
Cache L3 32 MB 32 MB
Sbloccato
Processo produttivo Chiplet: 7 nanometri
I/O die: 12 nanometri
Chiplet: 7 nanometri
I/O die: 12 nanometri
Socket AM4 AM4
PCIe  4.0 4.0
Dissipatore Wraith Spire Wraith Spire
TDP 65 watt 95 watt

Per quanto riguarda la retrocompatibilità, potete aggiornare il BIOS delle vostre schede madre X470/B450 per far funzionare le nuove CPU Ryzen 3000, ma se volete il supporto PCIe 4.0 dovete acquistare una scheda madre con chipset X570.

Il chipset X570 ha 20 linee PCIe 4.0, 16 delle quali assegnabili per l’I/O. I produttori di schede madre hanno una libertà limitata per assegnare la linee tra i vari dispositivi, slot PCIe, SATA o USB ad alta velocità o connettività di rete veloce, a seconda dell’indirizzo di mercato della motherboard.

AMD Ryzen 5

Otto linee dell’X570 sono sempre PCIe, le altre otto possono essere destinate a cose come SATA o altri dispositivi. Il chipset X570 supporta inoltre quattro USB 2.0, otto USB 3.2 Gen2 e due insiemi a scelta tra l’uso di quattro linee per un dispositivo PCIe x4, due dispositivi in configurazione x2 o quattro soluzioni SATA 6 Gbps. Infine, il chipset supporta nativamente quattro porte SATA III.

Se andiamo a confrontare il Ryzen 5 3600X con il 2600X e il 1600X, possiamo vedere che il nuovo progetto, unitamente all’avanzamento di processo produttivo, ha permesso al chip di lavorare a frequenze operative più alte.

Processori a 6 core “X”, tre generazioni a confronto
AMD Ryzen 5 1600X AMD Ryzen 5 2600X AMD Ryzen 5 3600X
Architettura Zen Zen + Zen 2
Nome in codice Summit Ridge Pinnacle Ridge Matisse
Numero core / thread 6 / 12 6 / 12  6 / 12
Freq. base 3,6 GHz 3,6 GHz 3,8 GHz
Freq. Boost 4 GHz 4,2 GHz 4,4 GHz
Cache L2 3 MB 3 MB 3 MB
Cache L3 16 MB 16 MB 32 MB
Sbloccato
Processo produttivo 14 nanometri 12 nanometri Chiplet: 7 nanometri
I/O die: 12 nanometri
Socket AM4 AM4 AM4
PCIe  3.0 3.0 4.0
Dissipatore Non incluso Wraith Spire Wraith Spire
TDP 95 watt 95 watt 95 watt

Si parte infatti dai 3,6 GHz / 4 GHz del Ryzen 5 1600X per passare ai 3,6 / 4,2 GHz del 2600X. Il 3600X lavora a 3,8 / 4,4 GHz e ha molta più cache, 35 MB contro 19 MB. Questo progresso, unitamente ai miglioramenti all’architettura (IPC) e al controller di memoria (latenze e frequenze), portano evidenti benefici.

La gamma Ryzen 3000

Zen 2, 7 nanometri, il design basato sui chiplet e molto altro. Abbiamo trattato ampiamente le novità che consentono all’architettura Zen 2 di dare il meglio, tanto da recuperare sul fronte delle prestazioni single-thread rispetto ai processori Intel e staccarli in multi-thread. Non vogliamo dilungarci troppo, quindi vi rimandiamo a quell’articolo e vi suggeriamo di leggerlo se volete conoscere quanti più dettagli sui processori Ryzen 3000. Quello che deve rimanervi in testa sono le caratteristiche del processore rispetto al resto della gamma Ryzen 3000:

AMD Ryzen 3000
Core / Thread Frequenza (base / boost) Cache L2 Cache L3 GPU integrata PCI Express 4.0 DDR4 TDP Prezzo (SEP)
Ryzen 9 3950X 16C / 32T 3,5 GHz / 4,7 GHz 8 MB 64 MB No 24 PCIe 4.0 (4 al chipset) 3200 105W $749
Ryzen 9 3900X 12C / 24T 3,8 GHz / 4,6 GHz 6 MB 64 MB No 24 PCIe 4.0 (4 al chipset) 3200 105W $499
Ryzen 7 3800X 8C / 16T 3,9 GHz / 4,5 GHz 4 MB 32 MB No 24 PCIe 4.0 (4 al chipset) 3200 105W $399
Ryzen 7 3700X 8C/ 16T 3,6 GHz / 4,4 GHz 4 MB 32 MB No 24 PCIe 4.0 (4 al chipset) 3200 65W $329
Ryzen 5 3600X 6C / 12T 3,8 GHz / 4,4 GHz 3 MB 32 MB No 24 PCIe 4.0 (4 al chipset) 3200 95W $249
Ryzen 5 3600 6C/ 12T 3,6 GHz / 4,2 GHz 3 MB 32 MB No 24 PCIe 4.0 (4 al chipset) 3200 65W $199
Ryzen 5 3400G 4C / 8T 3,7 GHz / 4,2 GHz 2 MB 4 MB Sì, Vega 11 PCIe 3.0 x8 2933 65W $149
Ryzen 3 3200G 4C / 8T 3,6 GHz / 4 GHz 2 MB 4 MB Sì, Vega 8 PCIe 3.0 x8 2933 65W $99

Configurazione di prova

Prima di procedere nella visione dei test che abbiamo svolto in comparativa con gli altri processori Ryzen 3000 che abbiamo testato e alcuni modelli comparativi, vi riportiamo le piattaforma di prova su cui abbiamo provato i processori AMD e quelli Intel.

Piattaforma di Prova Ryzen

Processore Ryzen 9 3900X / Ryzen 7 3700X / Ryzen 5 3600X / Ryzen 5 2600X
Scheda madre Asus ROG Crosshair VIII Formula
RAM G.Skill Trident Royal DDR4-3600 CL16-16-16-36 (1,35V) / FC4-3600C16D-16GTRG
Alimentatore Asus ROG Thor 850M / 850 watt
SSD Corsair MP600 2TB PCIe 4.0
Samsung SSD 860 EVO M.2 500 GB
Dissipatore Boxato – Wraith Prism RGB
Banchetto Dimastech Mini V1.0
GPU Asus ROG Strix RTX 2080
OS Windows 10 Pro, versione 1903

Piattaforma di prova Intel

Processore Intel Core i9-9900K / Intel Core i7-9700K
Scheda madre Asus ROG Z390 Maximus XI Hero (WiFi)
RAM G.Skill Trident Royal DDR4-3600 CL16-16-16-36 (1,35V) / FC4-3600C16D-16GTRG
Alimentatore Asus ROG Thor 850M / 850 watt
SSD Corsair MP600 2TB PCIe 4.0
Samsung SSD 860 EVO M.2 500 GB
Dissipatore Noctua NH-U12A
Banchetto Dimastech Mini V1.0
GPU Asus ROG Strix RTX 2080
OS Windows 10 Pro, versione 1903

Prestazioni con i giochi

Ryzen 5 - GTA V

GTA V non sfrutta il numero elevato di core ed è più soggetto alla frequenza di funzionamento, infatti l’Intel Core i5-9600K raggiunge un valore medio di FPS superiore a quello del Ryzen 5 3600X. Il divario comunque è limitato a 4 FPS, merito principalmente delle migliorie che porta la nuova architettura Zen 2: se infatti confrontiamo il nuovo Ryzen 5 3600X con il vecchio Ryzen 5 2600X, notiamo un incremento di circa 16 FPS, corrispondenti a oltre il 18%.

Ryzen 5 - World of Warcraft

Anche in World of Warcraft l’Intel Core i5-9600K supera il Ryzen 5 3600X, ma la differenza è talmente minima che, probabilmente, è più legata a una variazione del benchmark che a una vera e propria differenza in termini di prestazioni. Se confrontiamo questi risultati con quello ottenuto dal Ryzen 5 2600X, vediamo che – come con GTA V – i miglioramenti dell’architettura Zen 2 hanno colmato il gap prestazionale che divideva AMD e Intel quasi totalmente.

Ryzen 5 - Civilization 6

Il test IA di Civilization 6 non definisce propriamente le prestazioni in gioco, ma mostra come il numero di core possa cambiare la situazione, anche in maniera importante. In questo benchmark il Ryzen 5 3600X risulta migliore sia del Ryzen 5 2600X che del Core i5-9600K, ma l’incremento prestazionale non è così sostanziale e supera di poco il 5%. Il Ryzen 5 3600X poi fa segnare un punteggio molto vicino a quello del Ryzen 7 3700X e del Ryzen 9 3900X, a dimostrazione del fatto che in questo test le prestazioni smettono di scalare una volta raggiunti i 6-8 core.

Ryzen 5 - F1 2019

In F1 2019 il Core i5-9600K torna a essere superiore al nuovo Ryzen 5 3600X, ma sempre con uno scarto minimo – meno di 4 FPS. Come possiamo vedere dal grafico l’i5-9600K raggiunge un framerate medio perfino superiore a quello dell’i7-9700K, ma come nel caso di World of Warcraft questa differenza è legata a una variazione del benchmark e non a prestazioni effettivamente superiori.

Ryzen 5 - AC Odyssey

In AC: Odyssey lo scaling sui core fisici conta molto, e la differenza di frequenza fa ottenere all’Intel Core i5-9600K una manciata di FPS più del Ryzen 5 3600X. Tornando a confrontare i due Ryzen, anche qui vediamo un incremento prestazionale tra le due generazioni piuttosto netto, pari al 12,5%.

Ryzen 5 - Metro Exodus

In Metro Exodus la complessità del titolo e il peso sulla scheda grafica giocano un ruolo fondamentale, anche in risoluzione Full HD. I processori con lo stesso numero di core ottengono tutti risultati piuttosto simili, per non dire identici.

Ryzen 5 - Rainbow Six Siege
Ryzen 5 - The Division 2

In entrambi i titoli Ubisoft si presenta una situazione abbastanza anomala, dove l’Intel Core i5-9600K supera perfino il Core i9-9900K. In entrambi i giochi comunque a definire quale sia la CPU migliore è principalmente la frequenza di clock, quindi è lecito aspettarsi che i processori Intel vadano meglio delle controparti AMD.

Ryzen 5 - The Witcher 3

The Witcher 3 è ottimizzato per il multi core, ma è limitata al numero di core che può realmente usare. Qui entrano in gioco anche le capacità dell’architettura, e questo avvantaggia Zen 2 e il Ryzen 5 3600X, che infatti totalizza quasi 16 FPS in più rispetto al Core i5-9600K.

Prestazioni in produttività

Ryzen 5 3600X - PCMark 10

In PCMark 10 il Ryzen 5 3600X segna un ottimo risultato, staccando di 500 punti l’Intel Core i5-9600K e avvicinandosi al punteggio ottenuto dal Ryzen 7 3700X

Ryzen 5 3600X - Lame

Come già visto nella recensione del Ryzen 7 e del Ryzen 9, in Lame il risultato è figlio delle ottimizzazioni per l’architettura Intel.

Ryzen 5 - Cinebench R20 multi-thread

In Cinebench multi-thread la mancanza dell’hyperthreading sul Core i5-9600K si fa sentire, e sia il Ryzen 5 3600X che il vecchio Ryzen 5 2600X ottengono un punteggio più alto.

Ryzen 5 - Cinebench R20 single-thread

Nel test single-core invece quello che conta è l’architettura, e qui ci sono buone notizie per AMD: il Ryzen 5 3600X, nonostante una frequenza di picco inferiore, riesce a far registrare un punteggio superiore a quello del Core i5-9600K.

Ryzen 5 - POV-Ray multi-thread
Ryzen 5 - POV-Ray single-thread

Per quanto riguarda POV-Ray, valgono le stesse considerazioni fatte durante l’analisi dei risultati di Cinebench.

Ryzen 5 - Blender

Come in Cinebench, anche in Blender l’SMT offre al Ryzen 5 3600X un vantaggio considerevole. Interessante notare anche il miglioramento rispetto al Ryzen 5 2600X, che ha bisogno di 54 secondi in più per completare il test.

Ryzen 5 - Handbrake

Stessa situazione con Handbrake, dove il Ryzen 5 3600X fa meglio dell’Intel Core i5-9600K.

Ryzen 5 - Corona 1.3

Anche in Corona il discorso non cambia, e il Ryzen 5 3600X fa addirittura meglio del Core i7-9700K.

Ryzen 5 - 7zip decompression
Ryzen 5 - 7zip compression
Ryzen 5 - 3DMark Physics

Consumi

Ryzen 5 3600X - Consumi

Dal punto di vista dell’efficienza energetica, Intel si dimostra ancora migliore di AMD. I nuovi Ryzen 5 riescono a colmare il gap con i processori Intel, ma lo fanno consumando di più.

Conclusioni

Come abbiamo scritto nella recensione del Ryzen 9 3900X e del Ryzen 7 3700X, l’arrivo dei nuovi Ryzen 3000 segna un momento storico per AMD. L’architettura Zen 2 è riuscita finalmente a eguagliare le prestazioni di quella Core sviluppata da Intel, e questo si è tradotto nella capacità di colmare il gap prestazionale che, per tanti anni, ha diviso le soluzioni proposte dalle due case, soprattutto se guardiamo alle prestazioni single core.

AMD ha ancora del lavoro da fare, i suoi processori tendono a consumare di più e non riescono a superare le soluzioni Intel in tutti quei campi dove il multi-core non è sfruttato al massimo, ma sicuramente oggi la casa di Sunnyvale ha tutte le carte in regola per combattere ad armi pari, e questo non può che essere un bene.

AMD Ryzen 5 3600X

Il nuovo Ryzen 5 3600X dà battaglia all’Intel Core i5-9600K, dimostrandosi un processore con tutte le carte in regola per entrare nei PC di videogiocatori e non solo. Nei giochi la differenza è quasi sempre minima, con la CPU Intel che spesso vince il confronto grazie a una frequenza di boost superiore.

Nei test di produttività invece il Ryzen 5 3600X mostra i muscoli e supera l’Intel Core i5-9600K, che dal canto suo soffre la mancanza dell’Hyperthreading. Il Ryzen esce vincitore anche dai test single-core di POV-Ray e Cinebench R20, a dimostrazione di quanto sia buono il lavoro fatto da AMD con l’architettura Zen 2.

AMD Ryzen 5 3600X

Il Ryzen 5 3600X costa al momento circa 279 euro, poco più dell’Intel Core i5-9600K (circa 260 euro), e a conti fatti rappresenta una validissima alternativa. Nei giochi le prestazioni della piattaforma Intel sono ancora leggermente superiori, mentre quelle multi-core sono a favore di AMD. In favore di AMD c’è poi da considerare anche il chipset X570, che offre tecnologie come il PCI-Express 4.0; non è qualcosa che (al momento) viene sfruttato molto, ma si tratta comunque di un’innovazione che Intel non offre.

Se siete indecisi su quale dei due processori acquistare, possiamo valutare dei semplici casi d’uso. Se siete dei giocatori accaniti e competitivi, che vogliono ottenere il massimo dal proprio hardware e per cui ogni FPS conta, la scelta giusta è l’Intel Core i5-9600K, soprattutto se volete raggiungere alte frequenze d’aggiornamento e quindi giocate in Full HD. Come abbiamo visto dai test, la soluzione di Intel è ancora la migliore in ambito gaming: AMD si è avvicinata molto, ma non riesce per il momento a superarla.

Se invece oltre che videogiocatori siete anche dei creatori di contenuti, che magari registrano i propri gameplay e poi li utilizzano per creare dei video Youtube, oppure eseguite degli streaming su piattaforme come Twitch, il processore giusto per voi è sicuramente il Ryzen 5 3600X, che con le sue ottime prestazioni “a tutto tondo” risulta adatto sia per giocare che per fare video editing.

AMD Ryzen 5 3600X

Il nuovo AMD Ryzen 5 3600X è un processore 6 core / 12 thread, basato su architettura Zen 2 e prodotto a 7 nanometri. Opera a una frequenza base di 3,8 GHz che in boost raggiunge i 4,4 GHz, inoltre offre un moltiplicatore sbloccato e quindi la possibilità di fare overclock.


Verdetto

L'AMD Ryzen 5 3600X è un processore che grazie alle migliore portare dall'architettura Zen 2 riesce a combattere ad armi pari con l'Intel Core i5-9600K, tallonandolo nei videogiochi e superandolo nei carichi multi-core. Risulta la scelta migliore per tutti quelli che cercano un processore al di sotto dei 300 euro non solo per giocare, ma anche per fare video editing oppure streaming delle proprie sessioni di gameplay. Nota negativa i consumi, superiori a quelli della controparte Intel.

Pro

- Colmato il gap con Intel nei giochi;
- Ottime prestazioni nel multicore;
- Supporto al PCI-Express 4.0.

Contro

- Consumi superiori rispetto all'alternativa Intel.