Storage

Toshiba PC P300 | Recensione

Nei computer moderni è diventato praticamente obbligatorio avere un SSD, unità d’archiviazione a stato solido caratterizzata da un’altissima velocità che garantisce un’esperienza utente di tutt’altro livello rispetto ai classici HDD. I PC con SSD si accendono in un lampo, permettono di copiare i file più in fretta e offrono una reattività generale migliore. Hanno un unico difetto: costano, specialmente al salire della capacità, con le unità da 4TB che arrivano a superare i 600 euro.

Toshiba PC P300 Hard Disk

Che fare quindi se si ha bisogno di tanto, tantissimo spazio d’archiviazione? La soluzione migliore è affidarsi ai classici hard disk. Rispetto agli SSD non brillano per la loro velocità, ma sono comunque molto affidabili e il prezzo per GB è basso: un HDD da 4TB costa al massimo 100 euro, sei volte in meno di un SSD. Oggi parliamo proprio di un hard disk con queste caratteristiche, il Toshiba PC P300.

Capacità, sicurezza, affidabilità e prestazioni: Toshiba ha puntato su questo per il suo P300, cercando di creare un prodotto che si adatti bene a diversi casi d’uso. L’hard disk è disponibile in tagli di memoria dai 500GB ai 6TB e a seconda del modello offre un buffer da 64MB o 128MB e una velocità di 5400RPM o 7200RPM. Tra le funzionalità più interessanti troviamo un sensore d’urto e il dual-stage actuator, disponibile solo nei modelli da 2TB, 4TB e 6TB, che migliora la precisione di posizionamento e annulla gli effetti delle vibrazioni sull’allineamento della testina, così da garantire una velocità di lettura e scrittura maggiore.

Toshiba PC P300 Hard Disk

Noi abbiamo avuto modo di provare le unità da 4TB e 6TB, dotate di tecnologia di registrazione SMR. Questi modelli specifici mettono a disposizione un buffer da 128MB e una velocità di rotazione di 5400RPM. Il form factor è il classico 3,5” e l’interfaccia di collegamento è SATA III.

Prestazioni

Per valutare le prestazioni del Toshiba PC P300 abbiamo effettuato alcuni benchmark, che potete trovare qui sotto. Lo abbiamo confrontato con altri due hard disk che avevamo a disposizione, un WD Blue da 1TB e 7200RPM e un WD Blue da 2TB e 5400RPM, entrambi con una cache di 64MB.

Iniziamo con CrystalDiskMark, un programma che consente di avere un’idea di quelle che sono le prestazioni nominali dell’unità. Nei grafici abbiamo inserito sia le performance sequenziali che quelle casuali a QD1, le più interessanti per l’utente finale.

benchmark Toshiba P300 - CrystalDiskMark sequenziale

Il test delle prestazioni sequenziali mostra buoni risultati, che superano sia in lettura che scrittura quelli dei due WD Blue. In particolare, nel benchmark il Toshiba PC P300 raggiunge i 181,22 MB/s in lettura e i 196,1MB/s in scrittura.

benchmark Toshiba P300 - CrystalDiskMark casuale

Nel benchmark delle prestazioni casuali il Toshiba PC P300 rimane dietro i dischi Western Digital in lettura, fermandosi a 0,55MB/s, ma li supera in maniera estremamente convincente in scrittura, dove raggiunge gli 8,55MB/s.

Diskbench è un altro programma che misura la velocità di lettura e scrittura dell’unità, ma consente di farlo con file scelti dall’utente, così da valutare le prestazioni reali.

benchmark Toshiba P300 - DiskBench scrittura

Nel test di scrittura, in cui copiamo una cartella da 30GB, il Toshiba PC P300 si posiziona a metà, superando il WD Blue da 5400RPM ma risultando 30MB/s più lento del WD Blue da 7200RPM.

benchmark Toshiba P300 - DiskBench lettura

Nella prova di lettura, dove usiamo un singolo file da 6GB, il Toshiba PC P300 fa registrare una velocità media di 170MB/s, 40MB/s più veloce del WD Blue da 7200RPM e 75MB/s più veloce di quello da 5400RPM.

In ultimo, il benchmark di Final Fantasy XIV Stormblood consente di misurare il tempo di caricamento medio di scenari di gioco reali ed è un ottimo test per valutare le performance del disco con i videogiochi.

benchmark Toshiba P300 - FF14

Con un risultato di 32,06 secondi, il Toshiba PC P300 supera il WD Blue da 5400RPM ma è più lento della versione da 7200RPM di circa 6 secondi. Siamo lontani dalla rapidità di caricamento offerta da un SSD, ma non si tratta di un tempo particolarmente elevato.

Conclusioni

Considerando i modelli provati, possiamo dire che il Toshiba PC P300 offre buone prestazioni, specialmente in lettura, soprattutto tenendo conto che si tratta di unità da 5400RPM. In alcuni scenari, come nel test di scrittura di DiskBench, la velocità maggiore da uno spunto in più al WD Blue da 7200RPM.

Toshiba PC P300 Hard Disk

Lo abbiamo detto in apertura, il grande vantaggio degli hard disk è il basso costo per GB, che permette di avere tanto spazio spendendo poco. Il Toshiba PC P300 da 4TB costa infatti solamente 83 euro, mentre la variante da 6TB può essere acquistata a circa 135 euro. Per fare un paragone, a queste cifre è possibile acquistare rispettivamente un SSD SATA da 960GB o un SSD NVMe da 1TB. Non è che queste opzioni offrano poco spazio, ma 1TB si riempie molto più in fretta di quanto possiate pensare, specialmente se avete tanti giochi installati o se tenete sul PC molti file multimediali, come foto e video, magari perché siete fotografi o videomaker professionisti.

Se avete in mente di investire circa 100 euro in un nuovo dispositivo di archiviazione per il vostro PC fisso, la scelta è abbastanza semplice: se vi serve soprattutto velocità optate per un SSD (se possibile uno NVMe), se invece avete bisogno di tanto spazio, scegliete l’hard disk e considerate l’acquisto del Toshiba PC P300, capace di garantire performance valide a un costo contenuto.

Toshiba PC P300


Il Toshiba PC P300 è un hard disk che offre prestazioni di buon livello, soprattutto in lettura. Risulta ottimo per chi ha bisogno di tanto spazio d'archiviazione per giochi, foto e video e non necessità delle velocità elevate offerte da un SSD, magari perché ne ha già uno dedicato al sistema operativo e ai programmi principali. Purtroppo il P300 non è la scelta migliore se avete un NAS, per cui è più indicato un Toshiba N300.

Pro

  • Prestazioni in lettura
  • Capacità
  • Ottimo da affiancare a un SSD

Contro

  • Non ottimale per i NAS