Tom's Hardware Italia
Software

Windows 10 May 2019 Update, le novità

Le novità di Windows 10 May 2019 Update, prossimo feature update del sistema operativo di casa Microsoft in arrivo nella seconda metà di maggio.

Windows 10 May 2019 Update è il nome ufficiale del prossimo feature update di Windows 10, finora conosciuto con il nome in codice 19H1. L’aggiornamento è già disponibile nelle mani dei Windows Insiders del Release Preview Ring. Una disponibilità più ampia del nuovo Windows 10 arriverà nella seconda parte di maggio.

Questo aggiornamento porta poche novità rispetto alla versione attuale, e principalmente si concentra sulla modifica e il miglioramento di alcune funzionalità già presenti nel sistema operativo anziché proporne di nuove. Andiamo a scoprire le principali novità del nuovo feature update di Windows 10 e anche alcuni piccoli ma interessamenti cambiamenti.

Windows 10 May 2019 Update, come cambia l’interfaccia grafica

Come cambia la Windows Shell, ovvero l’interfaccia grafica utente di Windows 10 May 2019 Update? Arriva un nuovo tema definito “light” (chiaro), che in sostanza rende bianca (con trasparenza) la barra delle applicazioni, il menu start e le altre aree che compongono la Windows Shell.

Nell’ottica di una UI migliore, Microsoft ha implementato le ombre in diversi elementi e ha modificato lo sfondo di default, cambiandone l’estetica con colori più leggeri e un appiattimento generale.

Con il nuovo update gli utenti Windows 10 Home hanno la nuova modalità light abilitata di default dopo un’installazione pulita, mentre quelli di Windows 10 Pro ed Enterprise continuano ad avere la “dark mode” attiva di default.

Windows 10 May 2019 Update, ricerca e Cortana si separano

Un altro cambiamento visibile riguarda la ricerca e Cortana. Microsoft l’aveva già anticipato e con Windows 10 May 2019 Update attua le promesse: le due funzioni sono separate. Una scelta saggia, che consente all’azienda di lavorare in modo distinto e, si spera migliore, su questi due aspetti del sistema.

La ricerca per esempio guadagna una nuova landing page per le attività di ricerca e un cambiamento dell’UI, Cortana invece inizia ad ascoltare automaticamente quando cliccate la sua icona nella taskbar. Sempre la ricerca vede comparire nella parte alta una sezione “top apps”, che non sono altro che le applicazioni che usate di più, in modo da avviarle rapidamente.

Windows 10 May 2019 Update, Impostazioni migliora

Windows 10 May 2019 Update porta diversi cambiamenti per la pagina principale della funzione impostazioni, dove troviamo un’area nella parte superiore legata al vostro account che vi offre accesso rapido ad alcune funzioni come gli aggiornamenti e OneDrive.

Tra le novità di Impostazioni ecco la possibilità di disinstallare più app incluse di fabbrica nel sistema operativo. La lista è abbastanza corposa: 3D viewer (Visualizzatore 3D), Calcolatrice, Calendario, Groove Music, Posta, Film e TV, Paint 3D, Strumento di cattura, Sticky Notes, Registratore vocale.

Con Windows 10 May 2019 Update potete anche usare l’app Impostazioni per intervenire su alcune caratteristiche della connettività Ethernet, come la configurazione di indirizzi IP statici e impostazioni server DNS preferite.

Tra le altre novità degne di una qualche attenzione, Windows Update è stato aggiornato con un nuova disposizione dell’interfaccia che porta diverse funzioni in primo piano, come la possibilità di gestire le ore in cui fare gli aggiornamenti, metterli in pausa e altro.

A proposito, il sistema di aggiornamento intelligente analizza quando usate il PC in modo da non interrompere una vostra sessione di lavoro per installare un update, ma assicurare al tempo stesso che il PC sia sempre aggiornato. Un’altra novità già anticipata da Microsoft è che il nuovo Windows riserva fino a 7 GB di spazio su disco per gli aggiornamenti.

Per migliorare l’esperienza d’uso da parte dei meno informati e preparati, Microsoft consiglia un fix quando Windows rileva un problema. I messaggi d’errore diventano quindi più utili, come già scritto in questa news.

Varie ed eventuali

Elencare tutte le piccole modifiche di Windows 10 May 2019 Update non solo è un lavorone (o lavoraccio), ma è anche poco interessante e sensato. In questa sezione elenchiamo alcuni dei cambiamenti generali più evidenti. Il nuovo feature update di Windows 10 include per esempio anche una nuova app di Office che dà rapido accesso ai documenti recenti e alle app Office sul web.

Con il nuovo aggiornamento appare l’icona del microfono nella system tray quando il microfono è in uso. Microsoft ha fatto alcuni cambiamenti anche alla tastiera touch rendendola più completa. Arriva il supporto al formato d’immagine RAW e la possibilità di far girare app Win32 (quelle classiche) all’interno di Windows Mixed Reality.

Potete anche impostare una scheda di default all’apertura del Task Manager e potete cambiare la dimensione del cursore tramite uno slider, con 15 differenti dimensioni tra cui scegliere. Lo Strumento di cattura dovrebbe passare in Cattura e Annota e il processo del menu Start è ora separato, in modo che non andrà mai in stato “sleep”: questo dovrebbe garantire maggiore reattività.

Infine, il nuovo Windows 10 May 2019 Update ha un’app Windows Sandbox che permette agli utenti Pro ed Enterprise di avviare istanze virtuali di Windows 10 sopra quella attiva per il testare software.

Windows 10 May 2019 Update: quando sarà disponibile?

Microsoft ha reso disponibile Windows 10 May 2019 Update ai tester Windows Insider del canale Release Preview la scorsa settimana. Una disponibilità più ampia è prevista nella seconda parte di maggio per i clienti commerciali, ovvero persone che hanno scelto il nuovo May 2019 Update per i loro PC Windows 10 tramite Verifica Disponibilità Aggiornamenti e i dispositivi vicini alla fine del supporto della release installata.

A partire da questa versione avrete più controllo su quando avviare l’installazione del feature update. Sarà possibile scegliere esplicitamente se aggiornare il proprio dispositivo al controllo degli aggiornamenti aggiornamenti o se mettere l’update in pausa per un massimo di 35 giorni (7 giorni alla volta, per cinque volte).