Apple

Oppo Reno6 recensione, uno smartphone da ammirare!

Pochi smartphone, protagonisti delle mie prove negli anni, hanno saputo stupire trasversalmente tutti coloro a cui chiedevo un giudizio. Questo Oppo Reno6, fratello minore del Reno6 Pro di cui vi abbiamo già parlato della nostra recensione completa, rientra in questa ristretta cerchia grazie a un elemento peculiare e unico.

Volete scoprire quale sia? Ne parliamo nel racconto della nostra esperienza in sua compagnia dopo oltre due settimane di utilizzo!

Oppo Reno6

Un look da prima pagina

Tante volte il mercato smartphone è stato criticato di poca creatività e voglia d’innovare. Oppo dal canto suo però, specialmente con la serie Reno, ha voluto da sempre provare a pescare il jolly dal mazzo, con soluzioni hardware ed estetiche stravaganti quanto peculiari e vincenti. Questo Oppo Reno6 perde forse l’effetto wow dei suoi antenati “primordiali” (chi si ricorda della famosa pinna dei primi due modelli lasci un commento nella sezione dedicata qui sotto) senza però smettere di proporre un design unico. Il risultato lascia senza parole.

Oppo Reno6

Ho avuto la fortuna di testare la colorazione “chiara” con riflessi tendenti al bianco/azzurrino, in questa finitura “effetto neve” che rappresenta forse una delle scelte stilistiche più belle che abbia ammirato in questi anni nel panorama smartphone, Android e non solo!

Oppo Reno6

I bordi squadrati e dotati di linee decise rendono poi inoltre questo Oppo Reno6 un vero e proprio gioiellino tecnologico, tanto appariscente alla vista, quanto elegante e solido al tatto. Se state cercando uno smartphone in grado di stupire tutti i vostri amici, ma anche voi stessi ogni volta che lo prenderete in mano, Oppo Reno6 è ciò che fa per voi.

Fotocamere: si poteva fare meglio?

Insieme al design generale, il comparto fotocamere è certamente sul podio delle priorità dei clienti che vogliono acquistare un nuovo smartphone. Questo Oppo Reno6 si presenta con un setup a tripla fotocamera posteriore, in abbinata ad una singola focale anteriore inserita in un foro nel pannello OLED.

Oppo Reno6

La fotocamera principale è rappresentata da un sensore da 64MP (lente con apertura f/1.7), coadiuvata da una fotocamera grandangolare da 8MP (apertura f/2.2) e da una fotocamera macro da 2MP (apertura f/2.4). Al frontale la risoluzione è invece 32MP mentre le lenti hanno apertura f/2.4.

Oppo Reno6

I risultati sono come da aspettative. In condizioni di buona illuminazione gli scatti realizzati da questo Oppo Reno6 sono ricche di colori e di dettaglio, con foto che sapranno certamente convincervi e risultare molto piacevoli. Manca forse l’elemento wow però, con scatti che sono sovrapponibili ad altri smartphone, anche realizzati da Oppo stessa, posizionati a prezzi più aggressivi. Al calare dell’illuminazione soffre di perdita di dettaglio, con risultati in cui il rumore rischierà di farla da padrona.

Oppo Reno6

Lato video Oppo ha fatto nuovamente un ottimo lavoro, con funzionalità software dedicate che sopperiscono in determinati contesti a lacune hardware, rendendo l’esperienza multimediale generale di questo Oppo Reno6 completa e convincente. Forse visto il prezzo poteva essere lecito aspettarsi di più (ad esempio manca la stabilizzazione ottica), ma di questo ne riparleremo nelle conclusioni di queste recensione.

Display promosso

Altro elemento d’interesse nelle richieste degli utenti è certamente il display. A bordo di Oppo Reno6 troviamo un pannello in tecnologia OLED da 6,43″ in risoluzione FullHD+.  Immancabile il refresh rate dinamico in questo caso specifico con valore variabile fra i canonici 60Hz e i fluidi 90Hz.

Oppo Reno6

Si tratta di un panello in linea con le aspettative del mercato, con due peculiarità forse più interessanti delle altre fin qui descritte. Il primo riferimento va al fatto che si tratti di un display completamente piatto e privo di curvature.

Il secondo aspetto è invece legato ai bordi che circondano pannello che, seppur non completamente simmetrici, in questo Oppo Reno6 includono una cornice inferiore fra le più ottimizzate all’interno del panorama Android di fascia media.

Oppo Reno6

Ora anche con RAM virtuale!

Per quanto riguarda il resto della scheda tecnica, il punto d’interesse e quesito degli utenti e certamente rappresentato dal processore a bordo di questo Oppo Reno6. La scelta dell’azienda è stata infatti quella d’implementare un SoC Mediatek, più nello specifico il Dimensity 900.

Oppo Reno6

Se negli anni passati Mediatek aveva preso una nomea non delle migliori, tuttavia ora il chip maker ha saputo invertire la rotta, con processori in grado di competere ad armi pari con la concorrenza, non dovendo più essere definiti prodotti di serie B.

A livello di performance generali infatti questo Oppo Reno6 non presenta nessuna criticità, tanto nei task quotidiani legati alla navigazione web/social, tanto in ambito gaming. A completare il quadro hardware ci sono poi 8GB di RAM (aumentabili via software sino a 13GB grazie a una funzione dedicata) e 128GB di memoria utente (UFS 2.1). Non si tratterà di un prodotto top di gamma, ma le prestazioni generali non vi lasceranno affatto delusi.

Smartphone Geekbench 5 Geekbench ML 3DMark PCMark Work 3.0 Speedometer 2.0 Jetstream 2
Single-core Multi-core CPU GPU NNAPI Wild Life Wild Life
Stress Test
Performance
Oppo Reno6 717 2066 210 544 939 2022
(12,20 fps)
2020 – 2010
(99,5%)
8062 35,5 (±1,9) 51249
realme GT Master Edition 784 2757 342 858 311 2494
(14,90 fps)
2500 – 2379
(95,2%)
12674 61,1 (±1,3) 67446
Oppo Reno6 Pro 1012 2954 422 1307 728 4239
(25,40 fps)
4226 – 3414 (80,8%) 11843 59,16 (±0,26) 83831

La ricarica veloce che fa invidia ad alcuni top

Caratteristica da top di gamma invece che troviamo nel comparto batteria. Non tanto per i mAh inseriti fisicamente in questo Oppo Reno6 (4300), tanto più per la straordinaria tecnologia di ricarica SuperVOOC 2.0 a 65W. Inutile girarci attorno: grazie ai test e alle prove realizzati da Oppo, saper di poter contare di una velocità simile e non doversi preoccupare della longevità della batteria azzera sostanzialmente tutte le ansie da autonomia.

In generale comunque la gestione energetica di questo smartphone non è male, seppur non si tratti di un battery phone. In media sono riuscito a ricavare dati variabili dalle quattro ore e mezza di display, fino a poco più delle cinque, in contesti di utilizzo solo rete mobile. Nel nostro test di durata PCMark Battery 3.0 eseguito in condizioni standard (SIM inserita, luminosità al 50% e connessione Wi-Fi) Reno6 ha totalizzato un risultato di 10:42h, meglio del fratello maggiore reno6 Pro che si è fermato a 9:32h.

Oppo Reno6
Oppo Reno6

La “solita” ColorOS

A bordo di questo Oppo Reno6 trova spazio la personalizzazione proprietaria ColorOS (in versione 11.3), su base Android 11. Vi invito a leggere il nostro focus dedicato a questa particolare skin del robottino verde che tanto ha saputo convincere ed evolversi negli anni, limitandomi in sede di questa recensione a confermarsi l’affidabilità di questo software, che non mi ha mai dato in questi quindici giorni occasioni di malfunzionamenti e bug. Con la speranza di vedere presto la versione 12 in azione sugli smartphone Oppo, giudizio positivo anche per questo aspetto legato alla personalizzazione.

Oppo Reno6

Conclusioni

Questo Oppo Reno6 mi è piaciuto molto. Mi è piaciuto dal primo giorno in cui l’ho rimosso dalla scatola e lo ho amato ogni volta che l’ho tirato fuori dalla tasca . Il design è certamente la sua arma in più, con un comparto hardware e software comunque solido e convincente.

Oppo ha però scelto un posizionamento forse un po’ troppo alto per questo prodotto, puntando forte sull’aspetto estetico e di design, in un mercato però sempre più competitivo e aggressivo. Da vedere come positiva la promo lancio che vede protagonista questo Oppo Reno6 fino al 20 di ottobre, con regali dell’ecosistema harware del brand che portano il prezzo finale di questo smartphone in una fascia che forse più gli compete.

Se state però cercando il vostro prossimo smartphone mettendo come focus principale la questione estetica e visiva, non saprei cosa altro consigliarvi se non proprio questo nuovo Reno6, forse lo smartphone più bello che mi sia capitato di provare negli ultimi ventiquattro mesi!

Oppo Reno6


Oppo Reno6 saprà stupirvi per il suo design unico e ammaliante. Alla prova dei fatti però l'estetica non è la sua unica arma a disposizione, con un display eccellente, una resa fotografica solida e un sistema di ricarica da vero top di gamma. Peccato forse per il prezzo, parzialmente calmierato però dall'interessantissima promo di lancio pensata da Oppo valida fino al 20 di Ottobre!

Pro

  • Ricarica a 65W
  • Design e costruzione da top
  • Software stabile e personalizzabile

Contro

  • Prezzo di lancio
  • Fotocamere sono "nella media"
  • Audio mono