Android

Pixel 6 e 6 Pro, cambiare display potrebbe essere più costoso del previsto

Pixel 6 e Pixel 6 Pro, i nuovi smartphone top di gamma di Google, sono ufficialmente disponibili già da qualche giorno in alcuni Paesi. Non è quindi stato necessario aspettare molto perché qualcuno decidesse di smontare i due terminali Android per mostrarne la componentistica interna, svelando alcuni dettagli che i consumatori più attenti potrebbero trovare molto interessanti.

Google Pixel 6 e 6 Pro

Il canale YouTube PBKReviews ha deciso di smontare un Pixel 6 e un Pixel 6 Pro per verificarne la disposizione delle componenti interne e soprattutto valutarne il grado di riparabilità. Alla fine del video ognuno dei due smartphone ha ricevuto un voto su una scala da 1 a 10 e, piccolo spoiler, nessuno dei due prodotti brilla per facilità di riparazione.

Diversamente dalla maggior parte degli smartphone, Pixel 6 e Pixel 6 Pro vanno disassemblati partendo dallo schermo invece che dalla scocca posteriore. Entrambi i prodotti hanno un cavo flat che collega display e scheda madre, il quale e va rimosso con cautela quando si aprono i prodotti Made by Google.

Nello schermo dei dispositivi è integrato il lettore di impronte digitali ottico. PBKReviews ha verificato che dopo aver sostituito il display con un pezzo di ricambio compatibile, procedura che qualche utente sbadato sicuramente si ritroverà a dover eseguire, il Pixel blocca il lettore di impronte per “motivi di sicurezza” invitando l’utente a visitare un centro assistenza certificato.

Questo blocco potrebbe impedire ai centri di riparazione di terze parti di poter sostituire in autonomia i pannelli sugli smartphone Google, rendendo di conseguenza la riparazione di un display rotto più complicata (e forse costosa) del previsto.

Google Pixel 6 Pro sostituzione display

Il resto del disassemblaggio è abbastanza semplice e chiaro, Pixel 6 guadagna un punteggio di riparabilità di 6/10 a causa della porta USB saldata sulla scheda madre principale e del molto adesivo utilizzato per chiudere il sandwich di metallo e vetro.

Pixel 6 Pro perde ancora mezzo punto, fermandosi ad un punteggio di 5,5/10, a causa del forte adesivo utilizzato per fissare la batteria e che ne rende difficile la sostituzione.

Voi cosa ne pensate? Vi interessa conoscere il grado di riparabilità di uno smartphone prima di fiondarvi all’acquisto?

Non volete correre il rischio di restare con la batteria scarica? Questo caricatore da 20.000mAh con connettore USB Tipo-C è ora in promozione su Amazon.