Android

POCO cambia logo, date il benvenuto alla mascotte Made of Mad

Dopo essersi ufficialmente scorporata dalla casa madre Xiaomi nel novembre del 2020, POCO ha lavorato per ritagliarsi una propria identità nel mondo sovraffollato degli OEM di smartphone Android. L’azienda ha annunciato oggi il suo nuovo logo e la nuova mascotte che rappresenterà il brand da oggi in poi!

POCO nuovo logo mascotte Made of Mad

Come spiegato dalla divisione indiana di POCO, ovvero quella principale, l’intendo di questo re-branding è quello di separarsi dal passato, utilizzare colori più giovanili e staccarsi dal colore giallo e dal font semplice che hanno contraddistinto il marchio fino ad ora.

Oltre al cambio di font e colori, fa la sua prima apparizione la nuova mascotte dell’azienda, Made of Mad, la quale prenderà il posto della prima lettera “O” nella parola POCO. La mascotte ricorda molto da vicino una emoji, i cui tratti comunque richiamano il robottino di Android ma hanno una propria personalità.

L’azienda ha spiegato il logo con un post su Twitter. L’aureola starebbe a significare la bontà nel lavoro di POCO, il brand si definisce “Mad” (pazzo) ma con uno scopo. Le antenne rappresenterebbero lo spirito accattivante del brand mentre gli occhi arrabbiati indicherebbero la concentrazione sul portare il meglio della tecnologia sul mercato giocandosela con i colossi del settore. Il sorriso rappresenterebbe l’arguzia del marchio.

POCO nuovo logo mascotte Made of Mad

Il logo non è ancora utilizzato per i prodotti già in vendita, ovviamente, tuttavia crediamo non passerà molto tempo prima di vedere un nuovo smartphone targato POCO che spingerà la nuova identità del brand.

Con questa mossa l’azienda segna l’inizio di una nuova era sempre più lontana da Xiaomi e dalle proprie origini. A voi piace questo cambio di rotta? Cosa ne pensate di questo redesign e della mascotte Made of Mad?

HP Chromebook 14-db0500sa con display da 14″, processore AMD A4-9120, 4GB RAM e 32GB di memoria interna eMMC è disponibile su Amazon a soli 280 euro, cosa state aspettando?