Tom's Hardware Italia
Android

Vodafone Smart Prime (2016), prova d’uso

Vodafone Smart Prime (2016) è lo smartphone Vodafone con Android 6 a 149 euro. Design curato, schermo da 5" e alcune funzioni aggiuntive per attivare velocemente la fotocamera.

Vodafone ha rinnovato il suo smartphone Smart Prime, ora in versione 2016. Prodotto da ZTE, è particolarmente curato nonostante il prezzo contenuto, pari a 149 euro, o abbinabile a un piano tariffario per pochi euro in più al mese.

4Lo schermo è da 5” con risoluzione di 1280×720 pixel, i pulsanti sono a sfioramento, retroillluminati e posizionati sotto allo schermo. La feritoia che nasconde la capsula telefonica è ben visibile sopra allo schermo, e al suo fianco si nota il sensore di luminosità e l’obiettivo della fotocamera anteriore da 5 megapixel, mentre dalla parte opposta c’è il LED di stato.

Lo spessore è di soli 8 mm, angoli e bordi sono arrotondati, è piacevole da tenere in mano. Il bordo  è trattato per ricordare il metallo, ma è in plastica, mentre la superficie posteriore è caratterizzata da una texture che lo rende più elegante. Rimuovendo la cover posteriore si accede ai vani per scheda SIM (Micro) e il lettore MicroSD per aumentare lo spazio di archiviazione

Lo schermo è un modello IPS, la resa è buona in termini di precisione delle immagini e luminosità. I colori sono vividi, fintanto che si osserva perpendicolarmente; ruotando lo schermo il calo di luminosità, che influenza la resa cromatica, è notevole.

Sotto alla scocca si nasconde un SoC Snapragon 210, un modello di fascia bassa, che nel complesso offre prestazioni sufficienti. L’avvio è lento, ma poi durante l’uso non si notano rallentamenti; la memoria RAM di 1 GB è il minimo per gli standard attuali, è quindi consigliabile evitare di tenere troppe applicazioni aperte in contemporanea e liberare la memoria di tanto in tanto.

Un vantaggio del SoC non troppo potente è il consumo energetico limitato, infatti la batteria da 2530 mAh vi porterà fino a sera, e con un uso non troppo intensivo riuscirete ad arrivare anche a un paio di giorni.

Il sistema operativo Android, presente nell’ultima versione (Marsmallow, Android 6.0), offre un’esperienza molto vicina a quella stock. Vodafone si è limitata a una manciata di applicazioni aggiuntive, due delle quali offrono un reale vantaggio rispetto a quelle basilari, cioè “Call+” e “Message+”. Funzionano solo in abbinamento a una SIM Vodafone, e permettono di effettuare videochiamata su rete 4G senza consumare i dati (ma solo i minuti compresi nel piano), e inviare anche la voce sulla rete dati con un miglioramento della qualità. Message+ offre invece alcuni vantaggi rispetto ai classici SMS, aggiungendo un’applicazione deskop per gestire i messaggi.

Sono stati aggiunti anche alcuni collegamenti nella schermata di blocco per attivare l’assistente vocale, sveglia, calcolatrice, torcia e un altro collegamento a piacimento.

Vodafone ha messo enfasi anche alla fotocamera, permettendo di attivare quella posteriore con un click su “volume giù” a schermo spento / bloccato, o quella anteriore con un doppio click sul tasto di abbassamento del volume. La qualità è soddisfacente, ma diminuisce velocemente in condizioni di luminosità scarsa. Qui sotto vedete alcuni esempi.

Verdetto

Esteticamente ben fatto e curato, Smart Prime in versione 2016 offre un’esperienza Android soddisfacente, con solo piccole e utili modifiche rispetto alla versione stock. Buona l’autonomia, la fotocamera è soddisfacente solo in condizioni di luce ottimali. È un terminale 4G, è anche dotato di NFC, e le funzioni aggiuntive “Call+” e “Message+” sono utili, a patto che venga usato con una SIM Vodafone.

Al prezzo di vendita non è il meglio della sua categoria, ci sono altri smartphone migliori sotto il profilo tecnico, ma considerando l’insieme si difende bene, soprattutto se siete alla ricerca di un’esperienza Android semplice e molto vicino a quella Stock di Android.