Tom's Hardware Italia
Giochi PC

Cyberpunk 2077: l’ambientazione è nata grazie a “57 anni di lavoro”

Cyberpunk 2077 proporrà un'ambientazione che è nata grazie a "57 anni di lavoro" non visto. Ecco tutti i dettagli svelati dagli sviluppatori.

Il “cyberpunk” è un genere che richiama alla mente varie immagini: umani potenziati dalla tecnologia, automobili volanti, neon e molto altro. Ci sono ovviamente più varianti di “cyberpunk”, ma nel complesso tutti sappiamo di cosa si tratta, questo poiché è un genere (o comunque uno stile grafico) sfruttato da tempo. Come può CD Projekt RED creare qualcosa di nuovo con Cyberpunk 2077, il suo gioco di ruolo in arrivo il prossimo anno?

Secondo Marthe Jonkers, concept art coordinator, l’obbiettivo del team, pur basandosi sulle fonti, è di creare qualcosa di fresco e originale. Come? Per iniziare, ovviamente, si è partiti dal Cyberpunk 2020, il gioco da tavolo ideato da Mikle Pondsmith. Lo studio afferma però di poter contare anche su “57 anni di lavoro” invisibili, che hanno creato la Night City che andremo a esplorare. Il “57” fa riferimento agli anni passati tra il gioco da tavolo (2020) e il videogame (2077). L’opera non vuole infatti staccarsi dalla fonte completamente e CD Projekt RED ha cercato prima di tutto di immaginare tutte le fasi stilistiche che hanno coinvolto la città.

Cyberpunk 2077

Abbigliamento, armi e sopratutto architettura: sono molti gli elementi che fanno a formare la cultura e lo stile di una città e potremo vedere come ognuno dei nove distretti di Night City si è evoluto durante il passato di Cyberpunk 2077. Ogni area avrà elementi unici: ad esempio, Pacifica, una delle zone più povere, era nata come distretto di lusso, ma gli investitori hanno finito i fondi e gli edifici incompleti sono divenuti la casa di Haitiani profughi, che hanno dominato la cultura della zona. Potremo trovare ad esempio graffiti che indicano come i Voodoo Boy stiano imprimendo il proprio stile all’ambiente.

Le zone più ricche, invece, potranno contare su marmo e legno, materiali rari e costosi nel mondo di Cyberpunk 2077. Gli sviluppatori hanno immaginato ben quattro fasi che hanno coinvolto la città, dal Kitsch, all’Entropismo, passando per il Neomiltarismo e arrivando fino al NeoKitsch. Ogni zona avrà tracce degli stili passati.

La domanda che molti si pongono, però, è: il giocatore noterà veramente questi dettagli? Sono fondamentali? CD Projekt RED afferma che “alcuni giocatori probabilmente vorranno focalizzarsi sull’azione, ma noi siamo legati alla narrazione. Questo è il nostro stile. Ci piace raccontare store, ci piacciono le esperienze profonde.” Diteci, cosa ne pensate?

Potete prenotare la vostra copia di Cyberpunk 2077 a questo indirizzo.