PlayStation 4

Death Stranding non sarà uno stealth

Dopo anni di trepidante attesa finalmente qualche giorno fa sono stati rimossi i veli che coprivano uno dei titoli più attesi degli ultimi tempi. Stiamo infatti parlando di Death Stranding, l’ultimo lavoro del talentuoso Hideo Kojima. In un lungo e bellissimo trailer il celebre developer ha difatti mostrato diverse sequenze del titolo, comprese fortunatamente anche delle fasi gameplay.

Come era ovviamente lecito aspettarsi, la community è rimasta sbalordita dal video rivelato su Twitch dopo una lunga e criptica attesa sul canale ufficiale PlayStation. Subito dopo l’entusiasmo è però presto ritornata la curiosità, con la volontà da parte dei fan e non solo di scoprire ancora qualcosa di più sull’atteso titolo. A quanto pare, secondo Kojima stesso, Death Stranding si distaccherà molto dai precedenti lavori dell’artista.

Come svelato dallo stesso developer sul proprio profilo Twitter ufficiale, il titolo non sarà uno stealth. Death Stranding infatti farà parte, sempre secondo Hideo Kojima, di un genere completamente nuovo: l’atteso titolo sarà ossia uno Strand Game. Secondo il game designer tale denominazione, abbreviazione di Social Strand System, sta ad indicare un sottogenere action dove la connessione ricoprirà un ruolo fondamentale nell’economia di gioco.

Una spiegazione, lo ammettiamo, sicuramente non troppo chiara ma, conoscendo le precedenti opere di Kojima, probabilmente con Death Stranding ci troveremo tra le mani qualcosa di straordinario e mai visto prima. Vi ricordiamo inoltre che il titolo è atteso per il prossimo 8 Novembre 2019 su PlayStation 4, nonostante siano ancora molte le indiscrezioni che parlano di una versione PC attualmente in lavorazione.

Che ne pensate di questo tweet, vi aspettavate che il misterioso titolo non fosse uno stealth game? Intrigati da questa particolare meccanica della connessione? Fateci sapere le vostre impressioni a riguardo nei commenti!

A Novembre non manca così tanto: prenotate il titolo a questo indirizzo.