eSports

FaZe, uno streamer è stato sospeso per aver utilizzato termini razzisti

Nei giorni scorsi la celebre organizzazione di eSports FaZe Clan ha comunicato di aver sospeso a tempo indeterminato il proprio streamer e pro-player di Fortnite Dubs a causa dell’utilizzo di un’espressione razzista.

Dubs era entrato a far parte del FaZe Clan lo scorso anno, qualificandosi per la Fortnite World Cup sia nella modalità a giocatore singolo che in duo

FaZe Clan logo

Il celebre FaZe Clan ha reso pubblica tale decisione con un comunicato: ” Il FaZe Clan non sopporta nessuna forma di odio o razzismo. Per noi è indispensabile creare in questa community un ambiente inclusivo. A causa delle sue ultime azioni abbiamo deciso di sospendere a tempo indefinito Dubs dal rappresentare il FaZe Clan in qualsiasi competizione, streaming o post sui social network. Chiediamo a Dubs di riflettere sull’accaduto e di sottoporsi ad un percorso di miglioramento; vogliamo inoltre richiedere a tutti i membri del FaZe Clan di allenare la propria sensibilità.”

Dumbs ha ovviamente cercando di mettere una pezza all’infelice situazione, pubblicando una lettera di scuse sul proprio profilo Twitter: “Non posso nemmeno descrivere quanto sono dispiaciuto. Non intendevo fare del male a nessuno, ma quello che ho detto era assolutamente offensivo, insensibile e sbagliato. La parola che ho detto non dovrebbe in nessun modo dovuto essere nel mio vocabolario e mi scuso dal profondo del mio cuore acon tutti quelli che ho offeso usandola. Meritate tutti di più.”

Che ne pensate di questa notizia e della decisione presa dalla celebre organizzazione di eSports, secondo voi si tratta di una decisione giusta per la gravità del fatto?

Conoscevate Dubs, vi aspettavate un comportamento di tale tipo da parte del pro-player? Fateci sapere cosa ne pensate a riguardo direttamente nei commenti sotto questa notizia.

Si può divertirsi e giocare a Fortnite anche senza utilizzare certe espressioni. Trovate qui un pacchetto di contenuti aggiuntivi per il titolo di Epic Games.