Xbox

Microsoft Flight Simulator | Recensione, il capolavoro SIM su Xbox Series X|S

Fin dal suo esordio lo scorso agosto su PC, si era vociferato insistentemente sull’arrivo di Microsoft Flight Simulator su Xbox Series X|S. Un traguardo importantissimo per la simulazione realizzata dal team Asobo, che segna non solamente la prima volta su console per questa serie nata nel 1982 ma, soprattutto, l’approdo di un nuovo genere su questo tipo di macchine da gioco.

A causa delle limitazioni tecniche che hanno da sempre afflitto le console da gioco, non si era mai potuto avere un simulatore di volo senza compromessi di tale portata. Se poi si pensa che siamo di fronte a una delle prime esperienze realmente next-gen, specialmente considerando le tecnologie che vengono utilizzate in Microsoft Flight Simulator, viene da se che le aspettative verso una delle uscite più importanti dell’anno, fossero davvero elevate.

Flight Simulator

Microsoft Flight Simulator su Xbox Series X|S

Non vi neghiamo che nutrivamo parecchi dubbi sul risultato finale di una conversione così, apparentemente, complessa ma Asobo ha compiuto un lavoro encomiabile sotto ogni punto di vista anche nel trasporre Microsoft Flight Simulator su Xbox Series X|S. Una cura di ogni dettaglio che inizia fin dalle fasi antecedenti all’avvio del software, quando Microsoft Flight Simulator vi chiede come vorrete gestire lo spazio che andrà ad occupare nella vostra console una volta installato.

Si può infatti optare per installare solo una versione base del software (che richiede uno spazio disponibile di 42,2 GB), che richiederà costantemente l’accesso a internet per appoggiarsi ai server renderizzando le mappe del mondo in tempo reale, oppure si può scegliere di installare un pacchetto aggiuntivo di dati (che richiede uno spazio disponibile di 54,9 GB) che permetterà di avere a disposizione un backup offline dell’intera mappa del globo terraqueo con dettagli grafici minori.

Se opterete per un’installazione completa del software, Microsoft Flight Simulator vi permetterà di gestire anche il consumo di dati durante i vostri voli, permettendovi di scegliere se appoggiarvi o meno ai server Azure per usufruire delle mappe satellitari durante i vostri viaggi virtuali, permettendovi di avere un’esperienza sempre fluida e priva di intoppi, anche in quelle circostanze in cui ci si potrebbe ritrovare senza una connessione internet performante.

Flight Simulator

Tutti i menù di gioco, e le relative opzioni per l’accessibilità presenti nella versione PC di Microsoft Flight Simulator, sono rimaste invariate anche se avremmo preferito assistere a un ripensamento sulla gestione di questi ultimi, in quanto utilizzando entrambe le alternative a disposizione (D-Pad o un cursore che simula il mouse), si percepisce una certa macchinosità generale nello spostarsi all’interno delle numerose opzioni a disposizione dell’utente.

Ottima la gestione del controller che, per quanto utilizzato senza affiancarci una tastiera non si riveli la migliore periferica per godersi al meglio l’esperienza offerta dal simulatore, permette una totale mappatura dei controlli. Un’accortezza ben più che gradita, specialmente considerando la mole di comandi a disposizione, e che con la giusta pazienza permette di realizzare un sistema di controllo che vada ad abbracciare perfettamente la memoria muscolare di qualsivoglia persona.

Contenutisticamente parlando, Microsoft Flight Simulator introduce alcune novità atte a rendere meno complessa l’esperienza per gli utenti che non si sono mai affacciati a questo tipo di produzioni fino a oggi. Come già anticipato da Microsoft stessa non sono state aggiunte meccaniche atte a rendere maggiormente “ludica” l’esperienza complessiva, quanto più una serie di novità che la rendano meno frustrante e permettano anche ai neofiti di padroneggiare al meglio ogni aspetto che la produzione di Asobo ha da offrire.

Sono state introdotte quattordici nuove simulazioni, atte a permettere agli utenti un’introduzione molto più graduale a tutti gli aspetti da tenere in considerazione durante il volo, e un assistente virtuale che si premunisce di prendere il controllo dell’aereo ogni qualvolta sia necessario risolvere una situazione complicata. Ovviamente si tratta di un aiuto che potrà essere gestito attraverso le opzioni di accessibilità ma vi assicuriamo che, giocando con il solo controller, si è rivelato più volte un ottimo sistema per evitare un’eccessiva confusione con le combinazioni di tasti da premere, salvando il nostro volo da uno stallo ineluttabile.

È stata introdotta, inoltre, la possibilità di atterrare ovunque (attraverso la funzione “land anywhere”) che permette agli utenti di toccare terra in praticamente ogni area del globo che ne presenti una superficie idonea. Per rendere il più malleabile possibile questa nuova opzione, sono stati inseriti sci, galleggianti e altri strumenti da applicare al proprio velivolo per poter atterrare su specchi d’acqua, o altopiani innevati, con estrema facilità. Permane comunque l’obbligo di compiere la manovra in maniera precisa ma abbiamo apprezzato questa deriva maggiormente “turistica” introdotta con la versione per Xbox Series X di Microsoft Flight Simulator.

Tecnicamente, infine, il simulatore ci ha lasciato letteralmente senza parole. Viste le risorse richieste per girare al meglio su PC non ci aspettavamo un tale risultato su console ma l’ottimo lavoro di ottimizzazione svolto da Asobo, permette a Microsoft Flight Simulator di offrire un colpo d’occhio che si scosta lievemente dalla versione per PC molto più esosa in termini di risorse. Il compromesso da pagare è un frame rate a 30 FPS (con qualche sporadico e impercettibile calo) e qualche evidente pop-up in alcune aree particolarmente affollate (anche se vogliamo accertarci non sia stato dovuto da un calo della banda nella nostra connessione).

Tecnologicamente rivoluzionario

Potete tranquillamente non credere a noi e a chiunque sostenga, o abbia sostenuto nei mesi precedenti, che quanto fatto da Asobo  con Microsoft Flight Simulator sia, letteralmente rivoluzionario, ma vi sfidiamo a non crederci ancora il prossimo 27 luglio. Se avete una Xbox Series X e un abbonamento al Game Pass, provate a scaricare il simulatore, farvi un volo libero con un Cessna in una qualsiasi delle località disponibili nella sezione “voli di scoperta” e continuare a dire di non esservi ritrovati di fronte a un qualcosa di incredibile.

In Microsoft Flight Simulator assistiamo per la prima volta al cloud sfruttato nel modo in cui ci fu illustrato anni fa, un costante flusso di dati che permette di riprodurre l’intero globo terraqueo in scala reale, senza compromessi e senza richiedere migliaia di terabyte di spazio di archiviazione locale. Dove le mappe satellitari di Bing, e la fotogrammetria, non riescono a intervenire ci pensa un innovativo utilizzo del machine learning, atto a ricreare edifici e strutture laddove sono assenti i dati nei server.

Se questo non bastasse, sempre grazie alle mappe satellitari di Bing, assistiamo a una riproduzione dei fenomeni atmosferici, e delle condizioni climatiche generali, realistica e analoga a quanto succede nella vita reale. Se a una data ora del giorno, o della notte, deciderete di sorvolare virtualmente casa vostra, state certi che nel 90% dei casi troverete le stesse condizioni meteorologiche che potrete appurare semplicemente guardando fuori dalla finestra della vostra abitazione.

Flight Simulator

Bisogna precisare, però, che non si tratta di un intreccio di tecnologie totalmente infallibile e che in molteplici situazioni le planimetrie delle città che vengono sorvolate non mostrano gli stessi edifici presenti nella realtà. Questo fenomeno è dato dall’assenza di informazioni reali all’interno delle mappe satellitari di Bing, mancanze che vengono colmate dal machine learning che si adopererà nel ricostruire delle strutture basiche ma realistiche basandosi sulla planimetria dell’area.

Ritrovarsi a sorvolare aree del globo terraqueo che impressionino meno i nostri occhi non è un evento comune ma neppure un accadimento così raro come ci si potrebbe aspettare. Noi ci siamo imbarcati per un volo fra Genova e Nizza, con la ferma volontà di sorvolare alcuni luoghi che conoscevamo, e abbiamo constata che pur trovandosi tutto al posto giusto molte frazioni dell’entroterra Ligure si risolvevano in un agglomerato di strutture anonime che pur richiamando la geografia del posto, non ci hanno fatto sobbalzare come nei momenti in cui abbiamo sorvolato luoghi di interesse comune.

Inoltre è giusto segnalarvi che ogniqualvolta si entri in collisione con un elemento del mondo gestito esclusivamente dalle mappe satellitari, quindi non ricostruito attraverso la fotogrammetria, si può incappare in una compenetrazione del velivolo poco realistica. Questo è dovuto dall’assenza di un elemento tangibile in quel punto specifico del globo, fattore del tutto naturale considerando le tecnologie utilizzate da Microsoft Flight Simulator, che potrebbe creare delle situazioni ilari e poco realistiche, seppur molto rare e possibili solo se l’utente si schianterà al suolo volontariamente.

Flight Simulator

Gli sviluppatori di Microsoft Flight Simulator hanno mostrato di tenere conto di queste lacune e nei scorsi mesi hanno rilasciato degli aggiornamenti gratuiti, rinominati World Update, atti a riprodurre minuziosamente ogni dettaglio di numerose aree del globo. Al momento sono disponibili dei pacchetti aggiuntivi per il Giappone, gli USA, il Regno Unito, l’Irlanda, i paesi nordici, la Francia, il Belgio e l’Olanda.

Ogni aggiornamento alla mappa del mondo può essere installato a piacimento, permettendo una gestione totale dello spazio di archiviazione a disposizione dell’utente e offrendo la possibilità di gestire totalmente l’esperienza offerta da Microsoft Flight Simulator. Vi interessa sorvolare solamente gli USA nella migliore veste grafica possibile? Vi basta scaricare il World Update dedicato evitando di riempire lo spazio all’interno della vostra Xbox Series X con dei contenuti non necessari ai vostri voli.

Le differenze fra i panorami delle aree ricostruite dagli sviluppatori e quelle che si basano solamente sull’ausilio delle mappe satellitari, non vi neghiamo che sono evidenti ma il continuo rilascio di aggiornamenti gratuiti per la mappa del globo è encomiabile e mostra chiaramente quanto possa evolversi, nei mesi a venire, Microsoft Flight Simulator.

Flight Simulator

LA simulazione di volo

Avevamo già analizzato nel dettaglio l’aspetto più importante di Microsoft Flight Simulator nella nostra recensione della versione PC ma ci sembra corretto ricordarvi, ancora una volta, i motivi per i quali la nuova produzione del team Asobo si è imposta come la simulazione di volo definitiva. Microsoft Flight Simulator non è un videogioco ma un completo, e complesso, simulatore che volutamente si ammorbidisce di fronte a quell’utenza interessata solo a compiere un volo turistico per ammirare degli splendidi paesaggi.

Ogni aspetto della simulazione è completamente personalizzabile, sia per permettere agli utenti di godersi il potenziale offerto da Microsoft Flight Simulator attraverso l’uso esclusivo del controller, sia per offrire una curva di apprendimento morbida e completamente plasmabile attorno al tempo a nostra disposizione. Tutti i dettagli del volo sono gestibili in piena libertà, dagli aeroporti destinati alla partenza e all’arrivo, alle condizioni atmosferiche, agli aiuti applicati dall’intelligenza artificiale, fino alla possibilità di utilizzare i dati in tempo reale che influenzeranno non solo le condizioni metereologiche ma vi mostreranno nei cieli anche tutti i voli di linea che sorvoleranno il globo in quel momento.

Flight Simulator

Ognuno degli oltre trenta velivoli presenti in Microsoft Flight Simulator, è stato ricreato fedelmente in ogni dettaglio così come ogni cabina di pilotaggio è stata riprodotta fedelmente in ogni suo aspetto. Spostando la telecamera all’interno dell’abitacolo si può interagire con ogni elemento presente sul cockpit in qualsiasi momento.

Utilizzare solamente il controller di Xbox Series X, come vi anticipavamo poc’anzi, non si rivela la soluzione più comoda per interagire con i numerosi controlli presenti nei vari flight deck ma la possibilità di creare delle comode scorciatoie, attraverso la pressione di più tasti, permette in breve tempo di avere ogni aspetto del velivolo sotto il proprio controllo.

Flight Simulator

L’esperienza di volo, invece, si rivela talmente immediata attraverso il controller che ogni timore iniziale dato dal ritrovarsi di fronte a una simulazione potenzialmente complessa, svanisce dopo pochi istanti. Il merito è anche da ritrovarsi in un sistema di suggerimenti a schermo semplici e precisi che permettono di librarsi in volo con estrema semplicità rompendo quel “blocco mentale” che le produzioni di questo tipo instillano spesso nella mente degli utenti.

I tutorial sono tutti realizzati in maniera eccellente e permettono, con la giusta dedizione, di apprendere numerosi concetti inerenti al volo. Dedicando il giusto tempo al padroneggiare ogni aspetto di Microsoft Flight Simulator, si passerà presto dal compiere degli splendidi voli turistici all’imbarcarsi in tratte lunghe e complesse, che richiederanno una giusta conoscenza non solo dei vari velivoli, e delle tecniche di pilotaggio, ma anche di come i fenomeni atmosferici possano influenzare il viaggio.

Flight Simulator

Non è un videogioco!

Se siete arrivati fino a questo punto avrete sicuramente notato che in questa analisi abbiamo raramente utilizzato termini come “videogioco” o “videogiocatori”, il motivo è molto semplice: Microsoft Flight Simulator non è un videogioco, e ci teniamo a ribadirlo. La nuova produzione di Asobo è un impressionante agglomerato di strumenti atti a mettere nelle mani degli utenti la possibilità di sorvolare l’intero globo terraqueo.

Non aspettatevi, quindi, livelli, sfide o quant’altro possa avere una minima parvenza ludica. È presente una notevole quantità di contenuti ma nessuno di questi si pone in un’ottica videoludica. L’unico elemento parzialmente “giocoso” che abbiamo trovato all’interno di Microsoft Flight Simulator, risiede negli obiettivi per ottenere i 1000G, tutti orientati verso il compiere delle operazioni molto semplici durante le fasi preliminari di un volo, atterrare in determinati aeroporti storici o raggiungere degli obiettivi personali, come ad esempio compiere una tratta in tempo reale senza utilizzare l’assistenza.

Flight Simulator

Le sezioni dedicate all’addestramento di volo e alle attività, altro non sono che degli elaborati tutorial atti a far apprendere e padroneggiare ogni aspetto dei numerosi velivoli presenti nel simulatore. Vi verrà chiesto di atterrare in condizioni difficili, di esplorare località remote o di pilotare aerei di grosse dimensioni ma tutto si risolve sempre in un appagamento personale che motivi la prossima tratta gestita completamente da voi.

Proprio in virtù della sua natura totalmente votata alla simulazione, non vi sono collisioni di alcuna tipologia in Microsoft Flight Simulator. Scontrarsi contro un palazzo, precipitare in mezzo all’oceano o perdere il controllo del velivolo al punto da ritrovarsi ad abbracciare il suolo, comporteranno l’arrivo di una semplice schermata nera che vi chiederà se vorrete riavviare il vostro volo o tornare al menù principale. Un aspetto importante, e che ha fatto discutere molti “videogiocatori”, che mostra come Asobo abbia volutamente impedito agli utenti di utilizzare il loro simulatore per ricostruire incidenti storici.

Flight Simulator

Multiplayer e contenuti aggiuntivi

Giunti al termine di questa lunga analisi non resta che soffermarsi su alcuni aspetti collaterali offerti da Microsoft Flight Simulator e che potrebbero definire come si evolverà il simulatore realizzato da Asobo nei prossimi mesi. Innanzitutto è disponibile la possibilità di condividere la propria esperienza assieme ad altri utenti attraverso un comparto multiplayer molto basilare. Al momento difatti è possibile esclusivamente condividere con gli altri utenti le soste in aeroporto, incontrarsi nei cieli durante le tratte o condividere un mondo virtuale dove le condizioni climatiche sono state dettate dall’host.

Contenutisticamente parlando, invece, abbiamo già analizzato il costante aggiornamento della mappa del mondo realizzato dagli sviluppatori, con un’esponenziale aumento dei punti di interesse presenti nelle vari località, coordinate delle città, dei paesi e delle frazioni in aumento settimana dopo settimana e un arricchimento dei dettagli presenti nelle varie nazioni. Ci aspettiamo che questa operazione prosegua nei mesi a venire andando a ricoprire ogni area del pianeta.

Per quanto riguarda, infine, lo store interno presente in Microsoft Flight Simulator, abbiamo provato il primo aereo acquistabile individualmente, il Top Rudder 103 Solo, e come per tutte gli altri velivoli siamo rimasti impressionati dalla cura dei dettagli di questo peculiare modello, che giustificano il prezzo richiesto per acquistarlo. Ci aspettiamo che il catalogo interno venga presto arricchito di altri modelli per venire incontro alle richieste di tutti gli utenti.

Per quanto riguarda la localizzazione, tutti i testi di Microsoft Flight Simulator sono completamente tradotti in Italiano, privi di errori e fedeli alla terminologia reale utilizzata nell’aviazione. Le comunicazioni radio sono in Inglese, come d’altronde accade nella realtà, ma i sottotitoli in italiano permettono una perfetta comprensione delle comunicazioni durante il volo anche a chi non padroneggia la lingua di Albione.

9.5

Microsoft Flight Simulator – Xbox Series X


Microsoft Flight Simulator per Xbox Series X rimane il nuovo punto di riferimento per i simulatori di volo, nonché una chiara dimostrazione dei nuovi standard tecnici che ci aspettano in questa nuova generazione videoludica. Il nuovo capitolo della iconica serie Microsoft resta un prodotto dedicato a una nicchia ben precisa, ma la decisione di renderlo disponibile anche per il panorama console, specialmente inserendolo in un servizio come il Game Pass, smuoverà la curiosità di tantissimi giocatori che, inevitabilmente, si troveranno di fronte a una produzione solidissima e in grado di offrire davvero tanto a chi la vorrà padroneggiare completamente. Il lavoro di Asobo è assolutamente encomiabile sotto ogni punto di vista e, al netto di qualche compromesso necessario, si rivela un prodotto straordinario in tutto e per tutto. Mentre sorvolavamo New York stavamo ripensando alle recenti dichiarazioni di Phil Spencer in merito al voler preservare delle esperienze di gioco che potrebbero andare perdute nei meandri del tempo. Indubbiamente quanto fatto con Microsoft Flight Simulator è figlio di quella linea di pensiero e il risultato finale è un'esperienza che consigliamo a chiunque di provare almeno una volta nella vita. Per tutti questi motivi, abbiamo deciso di premiare Microsoft Flight Simulator con il nostro Award.

Pro

  • Comparto tecnico encomiabile.
  • Simulazione eccellente sotto ogni aspetto.
  • Implementazione dei server Azure, e delle mappe satellitari, ineccepibile.
  • Accessibile a tutti ma complesso da padroneggiare appieno.
  • Ottima la gestione dello spazio occupato nella memoria della console.

Contro

  • Sono percepibili dei piccoli compromessi tecnici.
  • Il controller da solo non è la migliore periferica per godersi appieno l'esperienza.
  • La navigazione dei menù non è fluida come il resto dell'esperienza.
9.5