e-Gov

124 siti pirata oscurati: operazione Match Off in Italia

Oggi i finanzieri Comando Unità Speciali hanno avviato un'operazione anti-pirateria – denominata Match Off –  che sta portando all'oscuramento di 124 siti web specializzati nello streaming live e on demand di film, eventi sportivi, telefilm e altri contenuti.

nucleo speciale frodi tecnologiche

Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche

Il Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche sta eseguendo un provvedimento di sequestro del G.I.P. capitolino dott. Gaspare Sturzo nell'ambito di un'inchiesta coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma, e nello specifico dal Procuratore Aggiunto dott. Nello Rossi e il Sostituto Eugenio Albamonte.

L'indagine è partita grazie a una denuncia di SKY Italia. In pratica si è scoperto un network online capace di distribuire eventi sportivi ed interi campionati di più discipline, concerti musicali e numerose opere cinematografiche e televisive, senza possederne i diritti. La proprietà dei contenuti faceva riferimento a più  operatori delle TV a pagamento (e non), nazionali ed estere.

"Tutti i siti, posizionati su server all'estero, riportavano veri e propri palinsesti organizzati per facilitare la scelta del programma preferito", si legge nella nota ufficiale. "La loro fonte di guadagno principale è legata ai banner pubblicitari inseriti nel corso delle trasmissioni in percorsi che lo spettatore è obbligato a seguire".

Come se non bastasse durante le analisi informatiche gli specialisti dell'Unità Speciale hanno riscontrato in alcuni casi un sistema per massimizzare i profitti che emulava i click sui banner presenti sui siti. Una vera e propria frode ai danni degli inserzionisti.

"Sono in corso, pertanto, attività di analisi informatica per rilevare le concessionarie di pubblicità che hanno consentito a noti brand, attivi nel settore finanziario, immobiliare, del betting online, della distribuzione al dettaglio e delle telecomunicazioni, di trasmettere messaggi pubblicitari sui siti oggi in sequestro", prosegue il comunicato.

La presenza di malware in altri casi invece sembra indicare il tentativo di attuare phishing, ovvero sottrarre informazioni personali agli utenti.

gdf

GDF

La Guardia di Finanza ha sottolineato ancora una volta che la pirateria audiovisiva è gestita da professionisti, quindi non dovrebbe stupire che tra i domini sequestrati vi sia anche sportlemon.tv, registrato a nome dello svedese Gottfrid Swartholm – co-fondatore di The Pirate Bay e ad oggi già condannato per violazione del copyright, frode ed hacking aggravato.

Come fa notare l'avvocato IT Fulvio Sarzana fra i siti sequestrati ce ne sono molti già inibiti dall'AGCOM, a dimostrazione che forse il regolamento anti-pirateria è tuttaltro che perfetto. Anzi.