e-Gov

Amazon AutoRip sfida iTunes Match ma senza farti pagare

Amazon ha presentato un nuovo servizio chiamato AutoRip che consente di trasferire gratuitamente su cloud la propria intera collezione musicale in formato MP3 256 Kbps. Le analogie con iTunes Match non mancano: anche Apple previa scansione della propria libreria abilita la riproduzione musicale in streaming su qualsiasi dispositivo, a prescindere dal luogo. Il colosso di Seattle però promette qualcosa di simile gratuitamente, invece di obbligare a un canone annuale di 24,99 euro.

AutoRip inizialmente sarà in grado di riconoscere 50mila fra i più popolari album degli ultimi 15 anni, inclusi i CD delle tre più importanti major musicali del mondo. La modalità di funzionamento è semplice: tutta la musica acquistata su Amazon (anche regalata) dal 1998 a oggi verrà abilitata su cloud per la riproduzione o il downloading immediato. Tutti i titoli compatibili con il servizio avranno su Amazon.com il logo "Autorip". 

Amaozon AutoRip

"Cosa direste se una volta comprati i CD da un'azienda 15 anni fa, vi ritrovaste adesso con le versioni MP3… e ancora sopratutto in automatico e gratuitamente", ha dichiarato il fondatore di Amazon Jeff Bezos. "Bene, a partire da oggi, è disponibile per tutti i nostri clienti – vecchi, attuali e futuri – a nessun costo. Amiamo le opportunità di fare qualcosa di inaspettato per i nostri clienti".

Per altro è confermata la possibilità di riprodurre la propria collezione presente su cloud direttamente tramite Kindle Fire, smartphone e tablet Android, iPhone, iPod touch, Samsung TV e browser Web. Ovviamente gli MP3 di AutoRip non vanno a incidere sullo spazio di archiviazione a disposizione su Amazon Cloud.

"In molti casi, i clienti possono acquistare un CD con funzione AutoRip, che include una versione digitale gratuita, a costi inferiori rispetto a quello che si pagherebbe per un intero album digitale su iTunes", sottolinea la nota ufficiale di Amazon.

L'unica notizia negativa riguarda la disponibilità del servizio: attualmente è previsto solo per gli Stati Uniti. In ogni caso nei prossimi mesi arriverà il turno anche degli altri paesi.