Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Sicurezza

Attentato a Nizza, i social al servizio dell’emergenza

Quando la realtà supera troppe volte la fantasia, vuol dire che siamo obbligati ad accettare che qualcosa è cambiato nel mondo che ci circonda. Ieri sera a Nizza, esattamente alle 22.30, un camion bianco di grandi dimensioni ha percorso a folle velocità la Promenade des Anglais falcidiando uomini, donne e bambini. Stamani si parla di 84 morti e altre 18 persone ancora in pericolo di vita.

La home page del sito ufficiale del Comune di Nizza
Home del sito del Comune di Nizza

Il lungomare nizzardo era gremito, perché da pochi minuti erano terminati i fuochi d'artificio che ogni anno chiudono la giornata di festa nazionale dedicata alla presa della Bastiglia. È un 14 luglio che nessuno mai dimenticherà, anche perché i social network hanno iniziato a diffondere in tempo reale foto, video, commenti e le dichiarazioni a caldo dei sopravvissuti.

Attentato a Nizza

Per altro è esplosa anche una polemica online generata dalla crudezza dei materiali di repertorio. Alcune vittime nelle foto e video erano riconoscibili. I principali social network sono successivamente intervenuti censurando alcuni post.

Facebook Safety Check
Facebook Safety Check

Facebook a pochi minuti dall'accaduto ha attivato il Safety Check, lo strumento che consente di rassicurare famigliari e conoscenti. Twitter ha creato #PortesOuvertesNice per favorire i cittadini nizzardi ad aprire le porte di case, negozi e ristoranti alle persone in fuga. #RechercheNice invece viene impiegato anche in queste ore per individuare gli scomparsi.

attentato Nizza Farnesina

La Farnesina ha istituito un'unità di crisi con un numero (0636225) e una mail (unita.crisi@esteri.it) a disposizione per ogni esigenza. In alternativa si può telefonare il Consolato a Nizza 0768054804 allo 0033 o direttamente le autorità francesi al +330143175646.