Criptovalute

Bitcoin, nel 2021 l’estrazione ha già consumato più energia che in tutto il 2020

L’energia utilizzata per estrarre Bitcoin è già molto più alta quest’anno rispetto allo scorso anno, con previsioni che collocano il totale del 2021 sopra i 91 TWh. Una nuova ricerca suggerisce che Bitcoin è sulla strada per consumare tanta energia quanto il Pakistan quest’anno, non a caso il mining di Bitcoin è stato a lungo sotto tiro per i danni che provoca all’ambiente. I sostenitori di Bitcoin sottolineano i presunti benefici della criptovaluta, ad esempio suggerendo che l’asset può fungere da copertura contro l’inflazione, o anche indicando il danno ambientale che le valute tradizionali e le istituzioni finanziarie hanno causato nel corso degli anni.

In ogni caso è innegabile che il mining di bitcoin necessita di tantissima energia, ma ancora una volta, le richieste di energia della cripto sono in costante cambiamento. All’inizio di quest’anno, il giro di vite della Cina sul mining di criptovalute ha segnato cattive notizie per i minatori, ma ha segnalato una potenziale vittoria per i critici ambientalisti. Nel giugno di quest’anno, la criptovaluta stava consumando 68 TWh. Questo era ben lontano dalle cifre precedenti di circa 141 TWh, che è ciò che Bitcoin stava consumando prima che il divieto di mining della Cina entrasse in vigore.

Ma come dimostra il recente aumento a 95 TWh, il calo delle richieste energetiche della criptovaluta potrebbe essere stato di breve durata. Prima che la Cina vietasse il mining, quasi i due terzi di tutti i Bitcoin venivano estratti nel Paese asiatico. Da allora però le società minerarie sono migrate in altre nazioni, come il Kazakistan.

Ph. Marco Verch

Per scoprire esattamente la dimensione dell’impronta di carbonio di Bitcoin, è necessario quindi convertire l’energia consumata in una cifra di emissioni di gas serra. Secondo i dati dell’Università di Cambridge suggeriscono che solo il 39% delle richieste di consumo energetico di Bitcoin proviene da fonti rinnovabili. Ciò significa che il 61% è alimentato da energia ad alta intensità di carbonio. Usando queste cifre, quasi 58 TWh delle attuali richieste energetiche della criptovaluta stanno contribuendo alle emissioni di gas serra della criptovaluta.

Il Bitcoin Mining Council è stato creato all’inizio di quest’anno per “promuovere la trasparenza” sul settore. Il Consiglio ha condiviso una presentazione a luglio che ha affermato che il 56% dell’elettricità dietro la crittografia proveniva da fonti sostenibili. Il consiglio ha citato la propria “analisi, ipotesi ed estrapolazione” come unica fonte dietro il calcolo e ha raccolto dati di indagine da società di mining che rappresentavano meno di un terzo del potere di calcolo globale, inoltre le risposte a quel sondaggio erano volontarie, quindi i minatori più dannosi per l’ambiente erano liberi di saltare del tutto il processo.