Spazio e Scienze

CERN da record: nell’LHC collisioni a 13.000 miliardi di elettronvolt

Dopo due anni di lavori ad aprile il CERN ha rimesso in funzione l'LHC (Large Hadron Collider) ed è subito record: in una nota il CERN ha comunicato che "per la prima volta nell'acceleratore di particelle si sono verificate collisioni di protoni all'energia record di 13 TeV (teraelectronvolt)", ossia a 13.000 miliardi di elettronvolt. Le collisioni a questa velocità record sono avvenute in tutti e quattro gli esperimenti (ATLAS, CMS, ALICE e LHCb).

LHC CERN
Large Hadron Collider

Per raffronto, il precedente record che era stato stabilito nel 2012 sempre con l'LHC – che è il più grande acceleratore di particelle del mondo – era di 8 TeV. Il nuovo successo è dovuto all'accurata opera di revisione e aggiornamento che è durata due anni e che ha alzato il potenziale fino a un massimo di 14 TeV.

Ricordiamo che gli esperimenti con l'LHC sono finalizzati a capire com'è nato l'universo passando per lo studio delle particelle fondamentali – ossia gli elementi costitutivi di tutta la materia – e delle forze che le controllano.

###66548###

Prima di fermarsi per l'aggiornamento l'LHC era stato fondamentale per dimostrare l'esistenza del Bosone di Higgs, che è valso anche il premio Nobel per la fisica 2013 a due degli scienziati che avevano teorizzato la sua esistenza nel 1964.

Leggi anche: Forse trovato il bosone di Higgs, la Particella di Dio esiste?

Le collisioni record delle ultime ore sono il prologo di un programma ambizioso di esperimenti che prenderà ufficialmente il via il prossimo mese. Nella nota del CERN infatti è specificato che il valore record è stato registrato durante collisioni di test che servono per allineare perfettamente i fasci di protoni, in modo da cominciare gli esperimenti.