Criptovalute

Criptovalute, un nuovo servizio del market Robinhood potrebbe scatenare guerre tariffarie

Robinhood Markets sta aggiungendo una caratteristica chiave alla sua piattaforma di criptovalute, che potrebbe farlo diventare uno dei più grossi attori nel mondo delle criptovalute e costringere i concorrenti a ridurre le loro commissioni. Il broker ha infatti annunciato pochi giorni fa che avrebbe iniziato a testare un portafoglio crittografico il mese prossimo che consentirà agli utenti di spostare le loro risorse digitali dalla sua app o trasferire risorse sull’app da altrove.

Il market sta creando una lista d’attesa per le persone interessate, una strategia che l’azienda ha usato in precedenza con notevole successo. Nel frattempo, le azioni di Robinhood sono aumentate del 3,8% il giorno dell’annuncio.

Attualmente, il servizio crittografico di Robinhood consente alle persone solo di acquistare e vendere beni, ma non di trasportarli da Robinhood o inviarli l’un l’altro direttamente tramite le blockchain stesse. Ciò rende il servizio più incentrato sulla speculazione dei prezzi che sulle transazioni peer-to-peer.

L’aggiunta di un portfolio, tuttavia, significa che i clienti ora hanno la possibilità di spostare le proprie risorse, sia da che verso Robinhood. Sette sono le risorse digitali che saranno gestite inizialmente: bitcoin, litecoin, gogecoin, ethereum, ethereum classic, bitcoin SV e bitcoin cash.

Altri player del mercato crittografico potrebbero quindi sentire la pressione: proprio come l’ascesa di Robinhood ha costretto altri agenti di cambio a ridurre le commissioni a zero, una simile pressione al ribasso sui prezzi potrebbe essere in costruzione in cripto.

Il trading di criptovalute è gratuito su Robinhood. Altre piattaforme crittografiche addebitano commissioni e commissioni di diffusione quando le persone usano valute legali per acquistare criptovalute. Le commissioni di Coinbase Global (COIN) sono arrivate fino al 4%, anche se variano in base al metodo di pagamento utilizzato e il sito Web della società non ha attualmente tariffe specifiche. Anche PayPal Holdings addebita una commissione in base alle dimensioni di una transazione, con una commissione del 2,3% per acquisti da 25 a 100 dollari.