Streaming e Web Service

Diritti TV per il calcio, Web finalmente non discriminato

Venerdì sera Mediapro ha pubblicato finalmente i bandi per i diritti televisivi della Serie A di calcio per il prossimo triennio. La vittoria dell'asta della Lega Calcio, a febbraio, aveva destato sconcerto soprattutto perché i grandi broadcaster come Sky e Mediaset per la prima volta sarebbero stati costretti ad accettare qualche novità.

La prima, esplicitata nel documento Mediapro, è che non sono previste esclusive. La seconda è che c'è finalmente un'offerta adeguata per gli over-the-top, insomma per il Web. Questo vuol dire che le piattaforme di distribuzione non verranno discriminate e le partite più importanti saranno disponibili via satellite, digitale terrestre e Internet (OTT e IPTV). Ogni operatore potrà acquistare più pacchetti, ma le offerte dovranno pervenire entro il 21 aprile.

mediapro

Il bando è declinato in 7 pacchetti principali e 6 pacchetti opzionali. Nel primo gruppo vi sono un'offerta per il satellite, 2 per il DTT, 2 per piattaforme Web e mobile e 2 per IPTV. Nel secondo gruppo c'è un'offerta per gli esercizi commerciali, 2 per pubblici ezercizi, una per la personalizzazione pubblicitaria, una per la personalizzazione editoriale e una "premium".

pacchetti principali

Il pacchetto A (sat) prevede 380 partite di ogni stagione effettuate dalle 20 società che partecipano al campionato, compresi i 248 previsti dai pacchetti B1, C1, C2 e D2. Prevista anche la possibilità di distribuire i contenuti in contemporanea su quattro dispositivi diversi come consentirebbe Sky Go.

Il pacchetto B1 per il digitale terrestre include 249 partite di 8 squadre che vengono selezionate in relazione alle classifiche – le prime 5 e altre 3 del gruppo. Il pacchetto B2 per il digitale terrestre include le 132 partite escluse dal pacchetto B1. Il Pacchetto C1 riguarda la distribuzione via internet di 380 partite di tutte le squadre e si rivolge a coloro che hanno una piattaforma aperta a tutti gli utenti e non solo quelli abbonati a uno specifico provider. Un esempio potrebbe essere Amazon, oppure Netflix, etc.

Il Pacchetto C2 sempre legato a internet (OTT) prevede 248 partite, ovvero le stesse del Pacchetto B1. Il Pacchetto D1 riguarda l'IPTV, quindi ricevibili con dispositivi dedicati, e include 248 partite come i Pacchetti B1 e C2. Si pensi ad esempio a TIM Sky oppure Sky Q. Il Pacchetto D2 offre sempre tramite IPTV le 132 partite escluse dal Pacchetto D1.

pacchetti opzionali

I Pacchetti A+, B1+ e B2+ sono opzionali e sono rivolti a chi si aggiudica i diritti dei pacchetti A, B1 e B2 poiché prevedono la possibilità di abilitare gli accessi a esercizi commerciali e pubblici. Il pacchetto E vale per tutti e prevede la gestione diretta della personalizzazione pubblicitaria, che in caso contrario sarebbe in mano a Mediapro.

Il Pacchetto F è probabilmente una delle novità più attese poiché consentirà il confezionamento del segnale in Ultra HD e di avere anche un contenuto privo elementi editoriali. Quindi pre e post gara potrà essere gestito a piacere. Infine il pacchetto F+ (esclusivo) consente di avere un formato 8K e HDR, l'opzionale integrazione della tecnologia VR360 e anche l'eventuale supporto di realtà aumentata e replay a 360°.


Tom's Consiglia

TV 4K senza spendere un occhio della testa: Samsung UE49MU6120K