Droni

Drone usa e getta per consegne di sola andata

Il primo drone usa e getta è stato realizzato da un gruppo di ingegneri della University of Sheffield. Si tratta di un prototipo piccolino da 2 kg con apertura alare di 150 cm, e piuttosto semplice nelle architetture, però pare funzionare bene. È stata usata una comune stampante 3D basata su tecnologia FSD (Fused Deposition Modeling).

Drone low-cost

In pratica l'ugello deposita un polimero fuso su una struttura di supporto, strato dopo strato. Il primo test di volo in modalità aliante si è concluso la scorsa settimana in collaborazione con l'Advanced Manufacturing Research Centre.

L'idea di fondo è che domani si possa realizzare qualcosa di simile in ogni casa con una stampante 3D entry-level da circa 1000 euro. Per altro i lavori di sviluppo stanno proseguendo per la realizzazione di un sistema di propulsione elettrico che possa consentire un migliore controllo del drone. Dopodiché arriverà il momento per l'implementazione di una tecnologia di pilotaggio basata su GPS e videocamera, sfruttando anche un paio di occhiali stile Google Glass.

Drone

Oggi il drone prototipo è stato realizzato con una macchina Fortus 900 in meno di 24 ore sfruttando un materiale chiamato ABS-M30 – che costa meno di 4 euro al Kg. Questo vuol dire che c'è ampio margine per droni low-cost da impiegare in casi di emergenza oppure per consegne di sola andata.