e-Gov

Esplorazione mineraria spaziale: prima missione nel 2015

Deep Space Industries (DSI) è il nome di una nuova azienda privata che ha previsto l'invio di sonde spaziali a partire dal 2015 con l'obiettivo di esaminare gli asteroidi, creare miniere extraplanetarie e, a lungo termine, contribuire alla colonizzazione dello Spazio. 

Due per ora le missioni programmate: nel 2015 sarà lanciata Firefly (lucciola), seguita l'anno successivo da Dragonfly (libellula). Quest'ultima riporterà sulla Terra campioni di materiali, mentre la prima si limiterà a raccogliere dati.

Deep Space Industries

"Nel giro di un decennio Deep Space starà sfruttando gli asteroidi per estrarre metalli e altri materiali, per costruire grandi piattaforme di comunicazione che sostituiranno i satelliti, e successivamente stazioni solari che trasmetteranno energia pulita ai consumatori sulla Terra", si legge su un comunicato dell'azienda. L'ambizione non manca, questo è chiaro.

E così DSI si aggiunge a un piccolo ma determinato gruppo di società, di cui fanno parte anche Planetary Resources (sponsorizzata dal regista James Cameron, e da due dei massimi dirigenti Google) o Golden Spike, che pensa di rendere realtà il turismo lunare entro il 2020.

A differenza dei propri concorrenti però Deep Space Industries è ancora alla ricerca di fondi, ma afferma che ci sono già diversi potenziali finanziatori interessati, compresa la NASA. I dettagli su questa nuova iniziativa per ora non sono molti, ma per oggi è previsto un annuncio che potrebbe svelare qualcosa in più.

Rapporto finale del veicolo spaziale commerciale Nostromo…

Forse questo progetto finirà in nulla o forse passerà alla storia, ma vale certamente la pena notare di come l'imprenditoria privata stia prendendo sempre più sul serio le risorse esterne al nostro pianeta. Abbiamo già visto alcuni turisti orbitali, e possiamo dare per certo che queste iniziative si moltiplicheranno velocemente.

Che sia un bene o un male, resta da vedere. Fino a oggi i viaggi spaziali sono stati un'esclusiva di alcuni governi, gli unici ad avere le risorse e le conoscenze necessarie per mandare in orbita satelliti, navette e stazioni. Come vedete questo "decollo" del settore privato?