Spazio e Scienze

I lampi radio nello Spazio arrivano dalle astronavi aliene?

Gli appassionati di Astrofisica e di Spazio sicuramente avranno sentito nominare più volte i "fast radio burst" (FRB), o "lampo radio veloce" se proprio vogliamo tradurre in italiano. Sono lampi molto luminosi della banda radio, provenienti dallo Spazio profondo, che sono oggetto di discussione dentro e fuori dal mondo scientifico. Qualcuno ha tentato di associarli ad esplosioni di supernovae o all'espulsione di materia da un buco nero, qualcun altro li ha associati a potenziali tentativi di comunicazione di civiltà aliene.

fast radio bursts alien probes

Resta il fatto che in tutti i casi si tratta di ipotesi speculative perché fin dalla prima rilevazione nel 2007 non è stato possibile dimostrarne la provenienza. Finora sono stati rilevati una ventina di fenomeni ascrivibili a questa categoria, ma sappiamo solo che si tratta di emissioni potentissime di energia, della durata di una manciata di milliescondi.

Ad alimentare il dibattito adesso arriva anche uno studio dell'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, che dopo essere stato pubblicato su arXiv.org è stato accettato per la pubblicazione sulla rivista Astrophysical Journal Letters. Come ha spiegato il co-autore Avi Loeb, visto che non sappiamo qualche sia l'origine di questi fenomeni "vale la pena prendere in esame un'origine artificiale". Da qui l'ipotesi decisamente sopra alle righe: gli FRB sarebbero generati da civiltà aliene avanzate, che li usano per accelerare i veicoli spaziali a velocità altissime.  O meglio, un gigantesco trasmettitore radio costruito da alieni altamente evoluti.

Loeb e l'altro autore della ricerca, Manasvi Lingam della Harvard University, non si sono fermati all'ipotesi generale. Hanno studiato la fattibilità di questa possibile spiegazione, calcolando che un trasmettitore alimentato a energia solare potrebbe in effetti spedire un fascio FRB, ma per generare la potenza necessaria avrebbe bisogno di una superficie di raccolta della luce solare pari a due volte le dimensioni della Terra.

Depositphotos 13269195 l 2015 © bertoszig
Foto: © bertoszig / Depositphotos

Una quantità di energia così alta non fonderebbe la struttura? Non necessariamente: secondo i ricercatori per evitare che questo accada basterebbe raffreddarla ad acqua. Insomma sarebbe tecnicamente possibile costruire qualcosa del genere, peccato che vada ben oltre le capacità attuali dell'umanità.

A parte il dettaglio tecnico però la domanda che sorge spontanea è un'altra: perché gli alieni avrebbero costruito una struttura del genere? Ebbene secondo Lingam e Loeb la spiegazione più plausibile sarebbe l'esigenza di spingere un'astronave interstellare a velocità incredibili. Insomma una sorta di vela solare, capace di sfruttare lo slancio proveniente dai fotoni così come le vele delle nostre navi sfruttano il vento.

150519 lightsail 2143b6177247143ad7e8f9dbc5f1369d nbcnews ux 2880 1000 64196247cac2a5b91122a21ce98fc3ec1
Lightsail

Se così fosse, secondo i calcoli di Lingam e Loeb un trasmettitore in grado di generare segnali FRB potrebbe spingere un'astronave del peso di 1 milione di tonnellate. Un mastodonte tale da trasportare al suo interno persone durante "voli interstellari o anche intergalattici". Continuando con le congetture, noi riusciremmo a scorgere solo fugaci lampi perché la sorgente di luce si muoverebbe costantemente rispetto alla Terra.

Prima di chiedervi perché la pubblicazione è avvenuta in questi giorni e non il primo di aprile, è bene sapere che Lingam e Loeb non sono impazziti: riconoscono la natura speculativa del loro studio e non concludono che gli FRB che captiamo sono sicuramente prodotti da ET, sostengono solo che sia un'ipotesi da non scartare, perché "la scienza non è una questione di fede, è una questione di prove" come fa notare Loeb. "Decidere prematuramente che cos'è probabile e che cosa no limita le possibilità [di scoprire la verità]. Tanto vale la pena mettere sul tavolo tutte le idee e lasciare che siano le prove a decidere".