Tecnologia

JD.com si prepara a sfidare Amazon in Europa

Per chi non lo conoscesse JD.com è un colosso dell'e-commerce cinese, concorrente diretto di Alibaba di Jack Ma e presto, a quanto pare, anche di Amazon in Europa. Il CEO Richard Liu, in un'intervista rilasciata al quotidiano tedesco Handelsblatt, ha infatti rivelato che l'azienda ha in mente un piano commerciale che prevede lo sbarco iniziale in Germania, Francia e Regno Unito entro il 2018, per poi puntare a espandersi anche negli altri Paesi europei.  

Per questo progetto commerciale il colosso ha già stanziato un investimento di due miliardi in due anni al fine di allestire la nuova rete logistica per l'Europa e aprire anche un centro di ricerca scientifica dedicato allo sviluppo dell'intelligenza artificiale, a Cambridge, nel Regno Unito.  

jd amazon europa

"Non mi interessa più soltanto vendere prodotti tedeschi in Cina. Voglio vendere anche in Europa", ha spiegato Liu a Handelsblatt. "Non parlo solo di prodotti cinesi. Ho piani globali. Voglio vendere varie tipologie di prodotti, compresi quelli locali".

Insomma, la collisione con Amazon per il primato nell'ecommerce europeo appare impossibile da evitare e infatti a leggere bene tra le righe dell'intervista, il primo colpo al futuro concorrente arriva subito. Liu infatti afferma che "il mercato della vendita online è molto grande, ma credo non sia un bene se viene controllato da un singolo soggetto. Una singola azienda in posizione dominante non è un bene per i consumatori e per l’Europa. È un pericolo. Più competizione c’è, meglio è per i consumatori e i produttori". L'azienda di Jeff Bezos dunque è avvisata.

Leggi anche: Amazon Prime Day 2018, cosa hanno comprato gli italiani?

Al di là delle dichiarazioni di intenti però nei prossimi mesi Liu dovrà definire la strategia da seguire per il mercato europeo, dove comuqnue difficilmente JD.com potrà iniziare ad operare prima del 2019, tanto che per velocizzare la conquista delle quote di mercato, sono al vaglio anche possibili acquisizioni "di peso", come ad esempio quella di Zalando. Staremo a vedere dunque ma lo scontro si preannuncia spettacolare ea tutto vantaggio di noi consumatori.