e-Gov

La storia dei Barebones: la strategia Shuttle per il successo

Pagina 6: La storia dei Barebones: la strategia Shuttle per il successo


La storia
dei Barebones: la strategia Shuttle per il successo

Nel 2001 Shuttle ha presentato il primo XPC. Da quel momento,
il produttore ha incrementato la sua presenza nel mercato dei mini-PC del 1500%.
La ragione di questo incremento è chiara: "Il concetto dei PC convenzionali
è obsoleto", afferma Richie Lin di Shuttle, aggiungendo "Il
futuro dei PC è rappresentato dal un design compatto, elevate prestazioni
e connessioni universali". Per dare qualche dato, nel 2001 Shuttle ha venduto
34,000 XPC – lo scorso anno ne ha venduti circa mezzo milione.

La ragione del successo dell’XPC è ovvia: è piccolo, compatto,
leggero, versatile e bello da vedere – totalmente il contrario rispetto ad un
tipico case grigio da PC. Richie Lin afferma: "La maggior parte dei PC
di oggi sono composti da aria". Con queste parole vuole dire che nei case
c’è molto spazio inutilizzato, necessario per un corretto raffreddamento
dei componenti. Shuttle per questo aspetto ha utilizzato un approccio differente.
Tutti i componenti più importanti sono integrati nella motherboard. "Non
sono necessarie schede aggiuntive", dice Richie Lin. Tuttavia, Shuttle
offre la possibilità di aggiungere schede esterne. Lo speciale sistema
a heat pipe assicura un adeguato sistema di raffreddamento. Inoltre, l’XPC è
grande solo 18.5x20x30cm e "non abbiamo ancora raggiunto il massimo grado
di compattezza", assicura il CEO di Shuttle.

Inizialmente, gli specialisti hanno considerato l’XPC come soluzione business
e office. Ora Shuttle offre soluzioni per qualsiasi area applicativa: gaming,
office, home entertainment e server. L’assortimento dei prodotti è tale
da coprire tutte le richieste del pubblico, offrendo sistemi da un costo effettivo
basso a quelli high-end più costosi. Diversamente da quello che si possa
pensare, le dimensioni limitate non impediscono l’utilizzo delle ultime tecnologie
presenti sul mercato. "Gli anni del PC sotto la scrivania sono finiti",
dichiara Richie Lin. "Gli XPC non hanno nulla da nascondere e offrono un
design unico".

Shuttle non è l’unico produttore di Mini-PC, ma è l’unico che
offre una così vasta gamma di prodotti.

Anche prima del CeBIT, Shuttle ha presentato un nuovo sistema barebone, l’XPC
Zen ST62K. Questo prodotto rappresenta un nuovo traguardo nella tecnologia dei
Mini-PC. Il sistema è stato riprogettato da zero. Lo Zen ST62K debutta
con il nuovo design "K", con angoli arrotondati e alta qualità
costruttiva. Il case è disponibile nei colori bianco, argento e nero.
Le misure sono ridotte di circa il 20%, misurando solo 28x19x17 cm (LxWxH).
Anche il peso è passato da 3 a 2,1 Kg.

La serie ZEN XPC definisce un nuovo standard riguardo la rumorosità
e le temperature. L’alimentatore esterno, senza ventole è alla base di
questi miglioramenti. "Lo Shuttle ZEN XPC è il primo PC Desktop
completo con alimentatore esterno" afferma Ken Huang, Vice Presidente della
sezione "progettazione".

Optional accessories for mini PCs from Shuttle


Accessori opzionali per i PC si
Shuttle

Per quanto riguarda le prestazioni effettive, lo Shuttle ZEN
XPC ST62K non scende a compromessi. "Offre prestazioni impressionanti grazie
alla soluzione grafica intergrata ATI RADEON 9100 IGP e il supporto per la tecnologia
Intel Hyper-Threading" spiega Ken Huang. Grazie alla sua ergonomia, lo
ZEN CPX è l’ideale per l’utilizzo come potente PC per Home Entertainment
(vide, foto, musica) o per un utilizzo di tipo office

Pagina 6: La storia dei Barebones: la strategia Shuttle per il successo

Indice