Tom's Hardware Italia
Home Cinema

L’acquisizione da sorgenti analogiche e il PC ideale

Pagina 7: L’acquisizione da sorgenti analogiche e il PC ideale
Vi presentiamo una breve guida ai principali formati di codifica audio e video, un tutorial su come trasferire DVD su CD tramite i codec DivX e XviD, il software DivX Video Duplicator 2, la periferica di acquisizione e output Pinnacle Studio MovieBox e infine il libro che ci ha ispirato questo vademecum.

L’acquisizione da sorgenti analogiche e il PC ideale

Finora è stato spiegato il riversamento di un DVD, che ha natura digitale,
sul nostro hard disk e di conseguenza su CD. Ora è tempo per l’acquisizione
analogica come il VHS o la televisione. Dopo aver trasferito le immagini con
una scheda di acquisizione video, il filmato andrà migliorato e ripulito
con i filtri a disposizione dei normali programmi di montaggio e infine trasformato
in uno dei formati ormai ben noti: VCD, SVCD e DivX.

Ecco dunque un rapido viaggio all’interno del PC ideale per il trattamento
delle immagini fisse e in movimento:

  • CPU
    Nella scelta della CPU ha grande importanza la dimensione della memoria Cache,
    che influisce in modo determinante sulla velocità di elaborazione del
    video.
  • Scheda madre
    La motherboard deve essere adeguata alla CPU. Alcune motherboard sono dotate
    di due canali IDE aggiuntivi per gestire configurazioni RAID. Il RAID 0 è
    chiamato striping perché i due dischi lavorano in teoria come se fossero
    un disco con velocità doppia; il RAID 1 è chiamato mirroring
    perché i due Hard Disk sono speculari per incrementare la sicurezza
    dei dati. Nel montaggio video, una configurazione RAID 0 consente di accedere
    più velocemente ai dischi grazie allo striping dei dati. Questo sistema
    è molto adottato negli ambienti professionali del broadcasting.
  • Scheda video
    Se si vogliono trasferire e vedere sullo schermo televisivo i filmati elaborati
    al computer è indispensabile che la scheda abbia un’uscita videocomposito
    o meglio ancora S-VHS. Il S-VHS trasporta separatamente i segnali di luminanza
    e crominanza e garantisce una visione priva di interferenze. Oggi quasi tutte
    le schede video hanno il Tv-out ma soltanto le Dual Head permettono di visualizzare
    due segnali diversi sul monitor del PC e sullo schermo televisivo. Queste
    schede supportano l’overlay, cioè la possibilità -con
    un software appropriato- di rappresentare il filmato sul televisore, mentre
    sul monitor resta il desktop di Windows.
  • Accessori specializzati. In alternativa alle schede video All-In-One, è possibile dotarsi di accessori specializzati come il Pinnacle Movie Studio Box, che descriveremo in seguito.